Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Sono Pdor! Figlio di Kmer! Della tribù degli Star!

[Seconda puntata della Rubrica Nella pancia del drago]

Fantasy, Nella pancia del dragoBen ritrovati, oh malcapitati! Non che ci si possa allontanare troppo gli uni dagli altri in codesto antro digerente. Certo, non credevo che così tanti si rifugiassero laggiù in fondo, nella melma, curvi alla luce di fluorescenti enzimo-coleotteri a rileggere Jane Austen. Sono sicuro che parte di costoro hanno la spilletta “Urban-fan-tas-yò!” (ah, gli elfi Hip-Hop) e già al terzo paragrafo della puntata precedente hanno preparato la vena per un’iniezione di morfina: «Fantasy tolkieniano? Kill me, please».

Suvvia, oh valenti,  seguitemi ancora un poco nelle mie digressioni. Nessuno vuol dire che un fantasy può essere tale solo se segue le orme di Tolkien – anche se ritorna la provocazione del «either imitating him or else desperately trying to escape his influence.»; né si può dire che Mr Tolkien (aridaje) fosse veramente il primo ad aver scritto un fantasy “mimetico” in un “secondary world” (si potrebbe citare il “nonno” di Lovecraft, Edward Plunkett alias Lord Dunsany, a inizio Novecento; e il contemporaneo di Tolkien, Mervyn Peake, con la sua trilogia ambientata su Gormenghast nel 1946). Il Nostro, però, fu forse il primo a farlo con la consapevolezza di un accademico, conscio dei suoi strumenti e degli effetti che avrebbe ottenuto. E qui veniamo al tema della puntata di oggi.

Alla University of Oxford, nel primo dopoguerra, Tolkien era – come il suo collega e amico C.S. Lewis – un affermato medievalista. Al contrario di Lewis però, come veicolo per carpire la mentalità e lo spirito dell’epoca, egli non era affascinato tanto dalle storie e dai miti in sé, quanto dalle varianti delle lingue in cui erano stati scritti. Partendo da queste complementari e opposte scuole, le vie accademiche dei due si divisero e il Nostro divenne uno dei più affermati filologi del tempo, di rimando il più influente scrittore fantasy della storia e il più efferato martellatore di… nomi astrusi.

È mai possibile che filologia e fantasy possano essere campi così correlati? È noto che all’origine del corpus della sua opera, prima ancora dei primi miti di uomini, elfi e nani ambientati nella sua Terra di Mezzo, Tolkien inventò i ceppi e gli alfabeti delle lingue che questi parlavano. Le lingue non erano un vezzo con cui incipriare un mondo, ma generavano il mondo stesso. Con sue parole: «The stories were made rather to provide a world for the languages, than the reverse. To me a name comes first and the story follows.» (Letters 219; Edward James).

La filologia “parallela” di Tolkien si spingeva nell’oscurità della semiologia e ancora oltre, sino al mistero della magia stessa; non quella fantasy, bensì quella umana: creare un nome è prendere possesso di un’idea e renderla tangibile. Il medesimo credo nella potenza evocativa del linguaggio, permea l’intera struttura di in un altro classico contemporaneo del fantasy: la Saga di Terramare di Ursula K. Le Guin. I maghi di Terramare, Ged-Sparviere in primis, hanno potere sul volto del mondo tramite la conoscenza del “vero nome” delle cose. Queste “sillabe della creazione” sono assieme significante e significato del reale. Non che la realtà, non-nominata, smetta di esistere; ma soltanto tramite l’atto del nominarla essa viene interiorizzata come concetto e perciò come oggetto modificabile: coscienza sul sé e sul mondo (se si fa caso, anche i cattivoni della saga dei Gentlemen Bastards di Scott Lynch sono stregoni chiamati Bondsmagi, dove la pronuncia bond ricorda il participio passato di “to bind” – legare, costringere – e ciò che si lega non è altro che la vittima tramite la conoscenza del suo “vero nome”).

Ma che vuol dire, che per scrivere un buon fantasy bisogna fare tutta sta trafila? No – ammesso e non concesso che tendere alla perfezione con i giusti strumenti sia l’unico slancio che giustifichi l’infoltire i già sovraffollati archivi delle testimonianze letterarie umane... Ehm, ma in mancanza di ciò, basterebbe cercare una coerenza perlomeno fonetico/estetica nella creazione dei nomi della propria opera: in un fantasy di ambientazione paleolitica forse sarebbe meglio evitare di chiamare il proprio guerriero Neanderthal Johnny.
«Ah, ok, ho capito, allora devo dare un nome fantasy classico tipo, Lexotan
Sì, se il vostro protagonista è un mago del vento e nella lingua del suo mondo Lex vuol dire “aria”, tan “padrone”, e o è un genitivo. Altrimenti Lexotan – nelle mente del lettore – rimarrà il nome di un farmaco ansiolitico e il vostro elfo potrebbe di rimando caratterizzarsi in maniera bislacca (sempre meglio del nano Maalox).

Problema nuovamente molto italiano: ogni parola di origine germanica ha, per la nostra lingua romanza, un suono “fantasy”, forse solo perché il genere, dall’epica classica al contemporaneo, ci è arrivato perlopiù tramite autori che in quelle radici lo hanno calato. Certo, sarebbe difficile non rompere il patto magico con il lettore chiamando il nostro stregone di Terramare Franco, ma mischiare in una parola un numero casuale di K, H e W non otterrebbe migliori risultati.

Il nocciolo della questione è sempre il medesimo: i nomi servono al fantasy come strumento fautore della coerenza interna del mondo che si vuole creare, in cui il lettore sarà calato e in cui là dovrebbe rimanere sinché non stacca gli occhi dalla pagina e, possibilmente, anche dopo. Questo insight integrale nella realtà secondaria è l’unica strategia per creare nel lettore ciò che Tolkien chiamò “Enchantment”; e in risposta, uno dei suoi primi critici, perso nelle dozzine e dozzine e dozzine di nomi di generazione in generazione di Sindarin, chiese disperato al cielo: «[but for fuck sake!] Who cares about the cats of Queen Beruthiel!?»

Ci siamo arrivati: questo l’urlo della critica dalle origini sino a Pdor! Figlio di Kmer! Della tribù degli Star! Parlare, però, dei gatti di Beruthiel – ovvero di un particolare apparentemente non correlato alla trama del racconto –  equivale in Martin alle venti pagine di appendice/guida al lettore con i nomi di tutti i membri delle casate nobiliari dei Sette Regni e, nella Rowling, ai quadri dei vecchi presidi di Hogwarts appesi nell’ufficio del preside: il modo più efficace per dirci che là, nell’altro mondo, la vita funziona esattamente come qua nel nostro e perciò possiamo rilassarci, e crederci nonostante ci siano draghi e magia (ciò che ci importa, in realtà, è soltanto che Cersei Lannister giaccia con il fratello).
Dal momento in cui il nostro linguaggio ha inventato la coniugazione verbale al passato e al futuro, abbiamo imparato a concettualizzare il tempo delle nostre azioni, a ricordarci di cosa è successo prima di noi – persone in primis – chiamando il tutto per nome e facendolo rivivere tramite le storie, infinite storie che altro non sono che la stessa (e torniamo a Fantásia).

Questo è l’Enchantment, la mimesi tramite il linguaggio stesso. Ma dall’angolo limaccioso, gli Urban-fan, con la Austen di protesta sotto braccio, mi guardano torvi: vuol dire che il mio Johnny –  caduto in un portale dimensionale mentre apriva il frigo nel suo attico a Manhattan e finito nel mondo degli ippogrifi zombie (che poi sfrutteranno il varco per conquistare gli Stati Uniti in stile United States of Zombieland) – non è un protagonista fantasy di un romanzo fantasy? Vuol dire che l’Urban-fantasy non crea mimesi? (No, no, digli di no – mi fa segno il tizio con gli occhialetti, lo sguardo folle e il Compendium alla Terra di Mezzo stretto sotto braccio).

Certo che crea mimesi, ma l’architettura concettuale di Tolkien (e precursori) è ancora la chiave, perché dedicando alla fantasia un mondo a parte, egli si cacciava volontariamente dall’Eden e donava alla letteratura una nuova sensibilità che non possiamo più ignorare (quanto il mercato abbia fatto la sua parte, lo lascio a voi). Perciò, anche se un fantasy, come l’Urban, torna volontariamente agli espedienti dei primi romanzi fantastici – brecce, viaggi e compenetrazioni del fantastico nel reale – nessuno ha più la pretesa di considerare quel reale “il nostro” continuum spazio temporale; bensì uno adiacente, parallelo, uguale al nostro se non fosse per quei fastidiosi ippogrifi zombie che vengono vomitati dal frigo di Johnny; la domanda “what if?” riconosciuta nella sua dignità e messa a disposizione dell’infinito. In parole tutt’altro che povere: Multiverso.

«Ah, ok, ho capito, fantasy toklieniano… Aridaje.» E mica è finita qua: vogliamo parlare delle mappe a inizio libro? Alla prossima!


Ci ritroviamo on line il 03/05/2013 con la puntata n. 3 della Rubrica Nella pancia del drago: Sii un bravo cartografo.
Fantasy e mappe: un binomio indissolubile. Uno strumento per l’orientamento del lettore gentilmente fornito dall’editore o più una questione atavica di afferrare il Nulla con le mani e fare del vuoto materia pulsante? (That’s power-writing!)

Per consultare tutte le puntate della Rubrica Nella pancia del drago, clicca qui

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)
Tag:

Commenti

Sì, ma non è terribilmente infantile identificare il realismo con Jane Austen, scrittrice per 'femminucce' e, sottinteso, gay, rispetto alla potenza mitica del fantasy?
Magari si potrebbe identificare il realismo con Hemingway, che fa già tutto un altro effetto. O con Fenoglio. O con Zola - dai da leggere Germinale a un giovane 'moderno' e non ce la fa a leggerlo, troppe emozioni. Lolita? Lo straniero? Il tamburo di latta? Al limite Saviano.
E quanto a Jane Austen, beh, oggi è molto più letta dei suoi contemporanei 'gotici', tipo Beckford o Lewis...
Nabokov diceva che la letteratura era nata quando un ragazzo uscì di corsa dalla caverna urlando 'al lupo!' e il lupo non c'era. Avesse gridato 'al drago!' o 'alla chimera!' l'effetto sarebbe stato tutto diverso (cit. da Walter Siti, 'Il realismo è l'impossibile' - recente pamphlet il cui senso si capisce già dal titolo e che dovresti leggere).

Ciao Sascha, incredibile, ci avevo visto giusto! ;)
Ti assicuro che la tua sensibilità in materia ha superato di gran lunga la mia pignoleria.
Sai, in un articolo di critica ci sono molti aspetti da valutare, tanto che a volte ci si perde le sfumature.
La mia scelta della Austen, se può aiutare ad argomentare, deriva da 1) è l`esempio che cita ironicamente la stessa Margaret Atwood (scrittrice tra l`altro di scuola "femminista") nel capitolo che cito apertamente nella scorsa puntata della rubrica 2) In Inghilterra, Tolkien strappò nello sgomento generale il premio della critica come "scrittore più influente di narrativa in lingua inglese" proprio alla Austen (non ricordo ora il premio preciso, ma era ovviamente postumo).
3) Trovo personalmente, ahimè, lo stile della Austen tanto "grandioso" quanto noioso. Ma questo è un problema mio.

Credimi, perchè ci tengo, non c`era alcun riferimento sessista nella mia ironia, tanto meno voleva esserci del machismo fantasy stile Conan il barbaro interpretato da Schwarzy negli anni 80.

La prossima volta sparerò su Zola, lo prometto, e lo farò molto volentieri, il concetto è il medesimo : )

Grazie per la dritta del saggio di Siti, ci darò un`occhiata di sicuro.

A.

Ottimo articolo, e anche il precedente :)
Fra l'altro volevo scrivere un post su Tolkien e il parricidio, su come l'attuale generazione di scrittori fantasy sta facendo di tutto per passare oltre Tolkien e sbarazzarsi di questo padre ingombrante (con l'effetto, secondo me, che fra 20 anni ci lamenteremo della quantità imbarazzante di pessimi imitatori di Martin e Abercrombie) ma credo che piano piano arriverai a toccare l'argomento e, mi sa, meglio di come potrei fare io XD

Ti seguirò con molto piacere :)

Ciao Hendioke,

grazie! Ho dato un'occhiata al tuo blog, è bello vedere che non tutti i follower di un certo sito di gamberi la finiscono sulle orme della madre padrona ;) Ha il tuo blog un RSS feed? Ti trovo su Twitter?
Grazie d'esser passato, buone letture e alla prossima puntata!

Grazie a te d'esser passato a dare un'occhiata al mio blog :)
il mio account twitter è @Hendioke1, quando aggiorno (quella volta ogni tot mesi) il blog twitto il post ma per lo più il mio account twitter è una sequela di battute e considerazioni a sfondo politico ^^'
Per quanto riguarda il RSS Feed ho provato ad aggiungerne uno adesso visto che mi par essere una buona idea ma qualcosa deve essere andato storto, o io non so usarlo (se vi clicco sopra appare una lunga pagina un HTML...

A presto!

Articolo interessante (come sempre). Solo un paio di cose, come al mio solito:
1 - mi risulta che la Austen venisse da alcuni criticata per il suo linguaggio e stile realistici, il che la rende una "realista" ante litteram;
2 - non sono del tutto convinto che la provocazione "either imitating him or else desperately trying to escape his influence" sia ancora attuale, sebbene in Italia la si viva ancora come un (parzialmente colpevole) retaggio: più che altro, manca il coraggio di osare, tranne in alcuni casi.
Ciao.
Fabrizio

Ciao Fabrizio,

Per il punto 1, mi spiace, su Jane Austen ho dichiarato il silenzio stampa :) (http://www.sulromanzo.it/blog/sii-un-bravo-cartografo)

Per il punto 2, ti do ragione. In effetti è un po' un anacronismo, sopratutto nella letteratura anglosassone. La questione è vissuta con più difficoltà paradossalmente proprio in Italia, figlia di quel sentimento di tensione nel rapportarsi al genere che parte il più delle volte dagli stessi appassionati, che è ciò che alla fine mi ha spinto ad aprire questa rubrica.
Credo la polemica si riduca in sé perché, come diceva bene Hendioke, i grandi autori non possono che rappresentare un modello oggettivo per le architetture narrative che hanno creato, ed evitandone alcuni sistematicamente si finirà con l'imitarne altri. Credo che conoscere i grandi interpreti del genere serva proprio a superare questo dualismo deleterio, perché la letteratura è aemulatio, lo è sempre stata, sempre lo sarà, e proprio il negare questo fatto secondo me frena la vera sperimentazione, che si serve del "genere" in libertà di coscienza, senza evitarlo a prescindere né stigmatizzarlo nella ripetizione vuota. Questa però è operazione da grande autore, non traguardo di facile raggiungimento...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.