Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Solitudine parallela. "Da soli" di Cristina Comencini

Solitudine parallela. "Da soli" di Cristina ComenciniL’ultimo romanzo di Cristiana Comencini indica ciò che è drammaticamente chiaro a tutti: all’improvviso si rimane Da soli, quello che poi è anche il titolo edito per Einaudi.

Già regista, sceneggiatrice - candidata all’Oscar per il miglior film straniero con il suo La bestia nel cuore nel 2016 -, è un’autrice insolita, che resta in bilico tra testo cinematografico e prosa narrativa, offrendo una narrazione scarna, ma al contempo intensa e corposa.

Da soli, edito nel 2018, sembra proprio rispettare uno degli stilemi della cosiddetta settima arte, ovvero è costruito seguendo un ipotetico montaggio parallelo: da un lato la storia di Andrea e Marta, dall’altra quella di Laura e Piero. Che si intrecciano in una riflessione poliedrica su quello che nel 2011 permise a Julian Barnes di aggiudicarsi il Man Booker Prize: qual è Il senso di una fine? Ma anche ciò che ha dettato l’introspezione di un testo molto amato soprattutto in Italia come Le nostre anime di notte di Haruf per NN editore.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Però, se l’impalcatura della narrazione segue le fila dello sceneggiato, i personaggi sono teatrali. Perché, come la scrittura della Comencini, fanno del corpo la loro prima prerogativa. Non mostrano, ma fanno, in un quartetto umanamente autentico. Così come afferma l’autrice in un’intervista: «all’inizio parto sempre dai personaggi, anche per i romanzi. La cosa per me più stimolante è quella di farli vivere, anche coi loro silenzi, con le loro contraddizioni e con il loro fisico. Poi, ovviamente, ci sono i temi dei libri, le atmosfere. Tuttavia, il filo conduttore che tiene insieme tutti i miei lavori è l’amore per la costruzione dei personaggi».

Solitudine parallela. "Da soli" di Cristina Comencini

La tematica cardine del romanzo è chiaramente quella della solitudine, che muove la sua intenzione già dal titolo. “Da soli, più che una condizione di abbandono, indica un’azione, che ritorna sempre all’autenticità dell’azione del corpo teatrale; invero, la Comencini descrive come iniziare a comprendere la solitudine, e come scegliere di viverla. In questo modo il senso di «restare soli è l’unica garanzia di verità» (Da soli, pag. 54) si fonde con la ricerca di un’altra vita in cui rimettere in discussione le proprie scelte: «L’essenziale è non avere una vita sola, non chiudere gli occhi con l’idea di una linea continua» (Ibidem, pag. 85).

Da soli è un racconto di gesti e piccolezze, che evidenzia anche le differenze più sottili tra dettagli e particolari, assegnandovi una prerogativa connotativa, soprattutto per le donne, la cui natura si scopre indissolubilmente bipartita, legata sia a quella della scrittura/cultura femminile stessa che a quella maschile, come se la donna non potesse autodefinirsi senza coinvolgere anche la figura maschile al suo fianco, che sia quella dei figli o del marito. In questo senso Comencini va a sottolineare dettagli che diventano esistenziali quanto essenziali come «Il modo in cui le donne scelgono e annodano i tessuti intorno alla testa rivela il loro carattere ancor più di un vestito». Perché il breve romanzo è completamente svestito dalla paura di mostrarsi fragile, tutt’altro: ne fa un vanto, racchiudendo, come detto, significati maestosi nella potenza del piccolo: «Lo sguardo determina tutto, l’amore, ma anche la paura e la fuga» (Ibidem, pag. 120). C’è, alla fine, in modo giusto o sbagliato per affrontare tutto questo? «Per Marta non c’è giusto o sbagliato» dice la Comencini «Laura lo desidererebbe, ma è come se la vita, allungandosi, renda più difficile pensare che sia una sola».

Solitudine parallela. "Da soli" di Cristina Comencini

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

In un testo dalle forme poliedriche si rivengono ispirazioni da ogni dove. Dalle citazioni in apertura di Vasco Rossi e Carlo Rovelli, a quelle più avanti di Karl Ove Knausgård. Che testimoniano la volontà dell’autrice di scrivere a modo suo, senza rientrare nei contorni di qualche stilema preconfezionato, benché, comunque, nelle pieghe delle pagine si scorgano anche importanti frammenti di una grande scrittrice italiana come Natalia Ginzburg, la quale è da sempre legata alla Comencini: «Sì, l’ho sempre amata come scrittrice e poi è stata la prima che mi ha fatto pubblicare. Inoltre, è stata un’antesignana nell’analizzare il decadimento della famiglia, la frammentazione della vita di coppia». Una scelta di vita che, come sottolinea la scrittrice, molto spesso è utilizzata come scusa per conoscere la solitudine, dimenticando come quest’ultima debba essere funzionale anche alla creazione del rapporto di coppia e famigliare.

Siamo tutti ontologicamente soli, ma condividiamo il desiderio, seppur nascosto, di condividerlo. Perché, come dice Natalia Ginzburg, «in ogni casa manca sempre una camera» (Ibidem, pag. 18).


Per la prima foto, copyright: Anthony Transu Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.