Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Soldi al cinema?

CinemaÈ di pochi giorni fa la notizia che La grande bellezza di Paolo Sorrentino è candidato agli Oscar come “Miglior film straniero”. In questo momento magico per la cinematografia italiana pongo un quesito che va, in parte, controcorrente.
Parlo della polemica che spesso dilaga nello stivale a proposito del finanziamento pubblico alla cultura e, in particolare, ai registi italiani. L'assegnazione di questi fondi (che, nel 2012, hanno raggiunto un totale di 23 milioni di euro effettivamente erogati) avviene in maniera non del tutto oggettiva.

Tutto quello che finisce sotto la dicitura di “film di alto interesse culturale” è soggetto ad un finanziamento ad hoc e vengono elargiti soldi per la produzione e la distribuzione, oltre a sgravi fiscali.

A decidere quali film rientrino nella categoria sopracitata sono il Ministero dei Beni Culturali o il governo delle singole Regioni, nel rispetto di delibere e leggi statali, che presentano maglie piuttosto larghe e lasciano il campo a libere interpretazioni (visto che uno dei film finanziati quest'anno è Indovina chi viene a cena? di Fausto Brizzi).

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

La domanda che mi pongo e vi giro è: secondo voi, un giovane artista emergente, senza nessuna raccomandazione politica, solo con il suo talento e tanto studio, potrà mai ottenere un finanziamento pubblico per una sua opera prima, in modo da concedere anche a chi non ha contatti o distributori, di entrare in un mondo già difficile per chi fa da anni questo tipo di lavoro? La risposta potrebbe essere positiva, se solo ad analizzare i progetti fosse un team di esperti del settore e non un gruppo di partiti politici che rispondono ad interessi che sono ben lontani da quella cosa che è la Cultura.

Vi invito a fare un giro sul sito del Ministero dei Beni Culturali che si occupa di cinema per farvi un’idea di ciò che viene deliberato. E soprattutto chiedetevi se Un matrimonio da favola o Ci vuole un gran fisico sono “film di alto interesse culturale”.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.