Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Social network, la reputazione web sempre più importante per l’assunzione

Lavoro sui social networkI social network hanno acquisto un’importanza ormai indiscutibile nella vita di ogni individuo: non  detto che il profilo Facebook debba essere un’estensione della vita reale di chi scrive – di tutti gli utenti ben 100mila sono non umani, per esempio – ma è scontato che la vita dell’internauta influenzi (e venga influenzata dalle) dinamiche social. Una recente ricerca di Rappler ha persino messo in luce che le aziende assumono dipendenti in base al loro rapporto con le reti sociali e al modo in cui le utilizzano (argomento che riguarda da vicino anche case editrici e molti altri settori).

I dati sono molto significativi: negli Stati Uniti d’America il 75% delle imprese assume personale tramite Facebook e Twitter; come se non bastasse, settanta su cento si dicono sicure che, una volta analizzato il profilo dei singoli candidati, sia possibile perfino cambiare idea. In altri termini, i social network non sono più solo una valvola di sfogo, un luogo di incontro virtuale in cui ritrovare gli amici lontani: Facebook & co. risultano necessari pure per prendere decisioni di una certa importanza.

Questa ricerca può essere ben integrata con quella della società inglese On Device Research, che ne dà indirettamente conferma, dopo aver intervistato 6mila persone tra i 16 e i 34 anni: una su dieci, pensate, ha perso il possibile posto di lavoro a causa del profilo mal gestito; l’interesse dell’azienda per la vita su Facebook non è criticabile, perché è così che si riesce ad avere una scheda completa del candidato: il fatto che qualcuno possa essere punito per una battuta di troppo o per una foto sciocca lascia, però, piuttosto perplessi; in fin dei conti, parliamo di un profilo personale, che con il lavoro non dovrebbe avere molto a che fare.

Sono stati ben sei i Paesi protagonisti dello studio – Regno Unito, Cina, Brasile, Stati Uniti, Nigeria e India – e due terzi delle 6mila persone si è detto comunque poco interessato agli effetti di ciò che viene pubblicato su Facebook o Twitter: molti, in realtà, pensano più alle reazioni degli amici che agli interessi delle aziende (e non sbagliano).

L’indagine, fortunatamente, ha anche un risvolto positivo: il 70% degli utenti ha dichiarato di essere stato aiutato dai social network nella ricerca del lavoro e di essere riuscito, proprio grazie a loro, nell’ardua impresa. Occhio ai vostri profili, insomma: un giorno potreste festeggiare grazie a Mark Zuckerberg!

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.