Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Social network: e se poi te ne penti?

L'urloChe rapporto avete con ciò che scrivete sui social network? È ormai cosa abbastanza risaputa, che ogni nostro passaggio nella Grande Rete lascia delle tracce, ciascuna più o meno duratura e, soprattutto, più o meno visibile dal resto del mondo.

Si fa gran parlare di diritto alla privacy e simili, ma sembrerebbe che poi, in fin dei conti, non ci importi troppo di quanto “lasciamo” dietro di noi sul Web.

Un sondaggio, realizzato dal sito Internet FindLaw.com su un campione di mille adulti americani, ha rivelato che, nella fascia d’età compresa tra i 18 e i 34 anni, il 29 per cento degli intervistati ha dichiarato di aver postato qualcosa, uno status, una foto, un commento, che avrebbe potuto compromettere le loro prospettive lavorative, presenti o future. La rilevazione ha tenuto in considerazione il comportamento degli utenti su piattaforme come Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, Tumblr.

Peraltro, sempre nella stessa fascia d’età, il 74 per cento afferma di avere, almeno una volta, rimosso un contenuto postato su qualche social network, per evitare che fosse visto dal capo. Dato altrettanto indicativo quello relativo alla fascia d’età superiore, da 35 a 64 anni, presso la quale c’è minore preoccupazione: solo il 36 per cento, infatti, si è preso la briga di rimuovere un post dopo averlo pubblicato.

Se c’è una cosa certa, è che non saranno mai troppe, le raccomandazioni, i richiami all’attenzione, e pure che qualcuno continuerà ad essere disattento e a pentirsene.

E voi, quante volte ve ne siete pentiti di aver postato una foto, un commento, o uno stato? E, soprattutto, quante volte avete “ritrattato”? 

[Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.