Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

#sindromidalettori nelle Tendenze in Italia e Twitter si scatena

#sindromidalettori nelle Tendenze in Italia e Twitter si scatenaIn queste ore sta accadendo qualcosa di interessante e divertente su Twitter. Ieri mattina ‒ martedì 27 agosto ‒ ci scriviamo in privato con Rizzoli Libri (@RizzoliLibri) e decidiamo di lanciare un nuovo hashtag: #sindromidalettori. L’intento è di coinvolgere i nostri follower, ecco uno dei nostri tweet: “Ci raccontate quelle cose che dovete per forza fare o non fare quando leggete un libro? #sindromidalettori”.

Da quel momento in poi si è scatenato il popolo di Twitter e dobbiamo ammettere che qualche persona ci ha fatto strappare un sorriso; le sindromi da lettori potrebbero essere numerose, ne abbiamo anche parlato lunedì scorso nel nostro blog. C’è chi, come @corinnadecesare, scrive: “Incazzarsi se a pagina 100 la storia non ha ingranato almeno la terza”. Chi, come @IlPaoloGiordano, rivela: “Rileggere ora i capolavori scoperti da ragazzino. E poi capire l'effetto che fa”. E @panoramalibri dichiara: “Piacevolmente sorpresi di vedere un hashtag come #sindromidalettori nei trending topics italiani”.

Sì, perché stupisce come Twitter abbia reagito a un tema che potrebbe sembrare lontano dal luccichio di argomenti ben più prezzemolini nei trend dei social network, narrando piccole ossessioni da lettori accaniti. #sindromidalettori è, nel momento in cui stiamo scrivendo (08.57 del 28 agosto), ancora fra le prime tendenze in Italia, precisamente al terzo posto. Sono 24 ore che un hashtag continua a creare tendenza nel nostro paese, un hashtag legato ai libri, alla cultura, e vi confessiamo che ci fa molto piacere. Negli ultimi giorni abbiamo lanciato altri hashtag che hanno coinvolto molte persone: #librifatali, #primalettura o #libridifiducia, ma nessuno si era imposto come #sindromidalettori.

[Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Un’altra curiosità è che si sono lasciati coinvolgere anche tante case editrici, molti scrittori e addetti ai lavori dell’editoria. Non pensiamo che questo sia indice di qualche fenomeno particolare, tuttavia riteniamo interessante far notare che il mondo dell’editoria può rispondere agli stimoli di Twitter con una velocità impressionante e in 24 ore è stato possibile appassionare migliaia di persone a un concetto legato alla lettura.

Abbiamo dimostrato come una campagna pubblicitaria si possa anche scatenare sui social network attraverso un’idea originale e che questo sia da monito per chi investe decine di migliaia di euro su mezzi oramai a rischio chiusura (sì, stiamo parlando dei giornali cartacei, fra 10-20 anni saranno molti meno in circolazione…) 

Sul Romanzo continua nel suo obiettivo: portare all’attenzione dei lettori i temi culturali, perché siamo convinti che soltanto la cultura possa salvare questo paese dal dramma che sta vivendo a livello economico e sociale. Noi lo facciamo tutti i giorni con il blog e ogni circa due mesi con la Webzine.

I dati parlano chiaro: siamo fanalino di coda in Europa rispetto a tanti parametri, ciononostante possediamo un patrimonio culturale e artistico che il mondo intero ci invidia, perché non provare a essere lungimiranti investendo soprattutto nella cultura?

La cultura è il nostro surplus, la nostra identità come nazione, non investire in cultura è cecità politica e i responsabili di questo sono senza dubbi i parlamentari italiani. Una classe dirigente ignorante e incapace di pensare come dovrebbe essere l’Italia del futuro.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.