In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Sii un bravo cartografo

[Terza puntata della Rubrica Nella pancia del drago]

Fantasy e mappe: un binomio indissolubile. Uno strumento per l’orientamento del lettore gentilmente fornito dall’editore o più una questione atavica di afferrare il Nulla con le mani e fare del vuoto materia pulsante? (That’s power-writing!)

Nella pancia del drago, FantasyCaro lettore, continua il nostro viaggio gastrointestinale alla ricerca delle rotte fondamentali che tracciano il genere fantasy. Qui nella Pancia del Drago si sono già visti due tipi di rivolta: la prima, quella – attesa – dei “realisti”, e la seconda, quella inaspettata, degli stessi “fantastici”. Ai primi, il redattore prigioniero, vorrebbe dire una parola per tranquillizzare: giuro sui Grandi Antichi che non importunerò più la memoria letteraria di Jane Austen ma, proprio dovendo, scoccherò qualche freccia su Émile Zola. Ai secondi volevo dire che non c’è persona che stima il ruolo letterario di grossi rettili sputafuoco più del sottoscritto, e che l’ironia può essere spesso doppia, se non tripla.

Ma veniamo a noi: sii un bravo cartografo. Le mappe nel fantasy sono una vera e propria dichiarazione d’intenti e da questo ne consegue una certa reazione da parte del lettore medio. Si sa, ci sono lettori che quando aprono un libro e vedono una mappa lo chiudono il più velocemente possibile, prima che l’occhio possa cadergli su nomi colmi di H e K e toponimi del tipo “Montagne della Morte Orrenda” e “Boscotranquillo”; ci sono altri che, invece, se aprono un libro e non vedono una mappa, non lo comprano.

Prendersi la briga di pagare un disegnatore competente (sì, perché no-mappa è meglio che mappa-brutta) e offrire a inizio del viaggio letterario un supporto per l’orientamento sono un atto così significativo? Si potrebbe dire di sì. Ossequiando di nuovo Margaret Atwood e il suo In Other Worlds (Nan A. Talese/Doubleday, 2011), si potrebbe partire dall’origine: il cervello umano, lo straordinario computer senza il quale il nostro essere e il come lo raccontiamo non sussisterebbe. Senza entrare nell’ambito della neuroscienza, si potrebbe dire semplicemente che il cervello è un’entità creatrice di mappe. Vale per l’organismo ameboide costituito da un unico grande sistema nervoso che, con istinto-macchina, traccia il territorio circostante per identificare ciò che gli permette di sopravvivere, così come per noi sapiens, infanti avventurieri gatton gattoni nel salotto di casa tra sedie, tavoli e spigoli assassini.

Oltre il salotto sta, sussiste, incombe, il regno delle tenebre: lo stanzino. Ogni mappa, anche la più elementare, mentale prima che materiale, ha un bordo che non è altro che il limite tra il noto e l’ignoto. Nelle mappe medievali, i primi cartografi pionieri erano soliti disegnare, ai limiti del pezzo di terra che avevano strappato al buio, idre e leviatani, quasi a esorcizzare che là il buio e i suoi misteri continuavano. L’ignoto, per un essere finito, incarna una componente di infinito, e al limite della nostra coscienza, là dove finisce il noto, stanno i mostri. Oltre quei bordi è il regno della fantasia.   

Laputa, castello nel cielo, Hayao MiyazakiCome si è accennato nella puntata uno, nel regno dell’ignoto tutte le manifestazioni del nostro inconscio, tutti i nostri paradisi e i nostri inferni sono materializzabili in un luogo tutto per loro, là, da qualche parte oltre: l’Atlantide platonica, perduta nel mistero del mare; l’arturiana Avalon, isola-regno avvolta dalle nebbie; le isole uto-distopiche del viaggiatore per antonomasia, Gulliver, tra cui la più emblematica ed equivoca Laputa, il castello nel cielo a cui il maestro Hayao Miyazaki ha donato vita su schermo; sino ad arrivare a Stevenson e al suo L’isola del tesoro, la cui mappa l’autore disegnò molto prima di intrecciarci sopra una storia.

Isole, perlopiù: luoghi lontani, separati dal resto del mondo, mondi a sé con regole proprie, terre fatte mito agli occhi dell’osservatore esterno. L’uomo iniziò però a navigare, a scoprire e a dare nome e volto a ciò che prima non ne aveva, accadde così che la realtà divenne terribilmente reale e la fantasia dovesse trovare altri regni ignoti da plasmare. Ecco il nodo fondamentale: la perpetua ricerca di noi esseri narratori. È un dato di fatto che un “fenomeno” non può albergare nel “noumeno” da cui si separò senza con ciò perdere il senno. Parimenti, l’atto che distrugge l’illusione dell’ignoto, la mappatura, è paradossalmente l’unico che salvaguarda la nostra integrità mentale.

Nel fantasy, genere letterario che si occupa dell’altrove, la mappa è una dichiarazione di intenti perché ricorda, prima allo scrittore stesso e di conseguenza al lettore, che ciò che si sta tentando è l’essenza stessa della creazione ex nihilo. Questa grande metafora è trasposta apertamente in molti dei capisaldi del genere. Si pensi a Sir Terry Pratchett (si sottolinea il cavalierato per meriti letterari) e al suo umoristico Discworld, che conta all’attivo ben 39 romanzi. A prescindere dalla mappa del mondo in sé, l’idea stessa del Mondo Disco è una mappa: un mondo concreto, con le sue regole e le sue leggi, che altro non è che un disco piatto sorretto da quattro elefanti che girano sul dorso di una tartaruga gigante che fluttua nello spazio profondo. Quella di Pratchett, mascherata da humor, è la provocazione del genio, perché l’assurda locazione del mondo e la sua origine non hanno alcuna importanza: l’importante è la sua finitezza, strappata al nulla.

Mondo Disco risponde addirittura a principi fisici propri, e il concetto viene da Pratchett rimarcato: su Discworld la realtà può essere materialmente plasmata dalle aspettative e dalle credenze che gli esseri intelligenti hanno su di essa. Il principio della narrazione è perciò forza creatrice, il narrativium, ed è un vero e proprio elemento quantistico. Lo stesso identico principio, anche se in termini più simbolici, è la colonna portante di un altro universo fantastico che abbiamo già avuto modo di citare: Fantàsia, di Michael Ende. Seppur sembra esserne sprovvista, Fantàsia è una mappa in sé. I regni di Fantàsia non hanno limiti, essa è infinita nelle sue diramazioni, direttamente proporzionale alla capacità degli uomini di immaginarla, ma così facendo essi le danno de facto una forma, spazio e tempo contrapposti all’unico principio fisico inverso, il Nulla, che corrode Fantàsia là dove l’uomo smette di immaginarla. Ende coglieva paradossalmente con la metafora quello che è un grande traguardo della meccanica quantistica: la posizione di una particella è sempre relativa, mai assoluta, perché il solo atto di osservarla ne modifica i tratti.

In fondo, fisica e letteratura fantastica hanno la stessa missione: cercare di tracciare le mappe del fantastico mondo della realtà, che è in eterno movimento. Alla prossima puntata.    


Ci ritroviamo on line il 03/06/2013 con la puntata n. 4 della Rubrica Nella pancia del drago: Salve, sono il Signore Oscuro.
Il fantasy è spesso epica. Per essere epico deve includere la primordiale lotta tra il bene e il male. E ovviamente il male è vestito di nero, ed è CATTIVO! CATTIVISSIMO!!!

Per consultare tutte le puntate della Rubrica Nella pancia del drago, clicca qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.