In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Siamo una comunità di consumatori?

ConsumatoriSiamo considerati una comunità di consumatori? A quanto pare sì. In Italia si continua a confondere la necessità di servizi con l’urgenza della spesa privata.

La concessione del bonus bebé, degli ottanta euro, dei quaranta agli immigrati, sono la testimonianza di una cultura dell’accoglienza che verte sulla spesa, non sull’erogazione di servizi.

In un Paese che tentenna, blatera e biascica, il Governo decide di riavviare l’economia offrendo denaro manco fossimo un popolo di questuanti. Al contrario, andando in giro per lo Stivale troviamo voglia di lavorare, non di spendere, di sentirsi una comunità Paese, produttiva, intelligente, solidale, perfino egualitaria. Ogni territorio italiano piange di fronte alla disoccupazione crescente, al dramma dell’assenza di prospettiva occupazionale, non finanziaria.

Mentre Roma continua a dilapidare il patrimonio pubblico a danno delle autonomia locali, privandole di identità nel tentativo di ritocco del Titolo V della Costituzione, l’Italia che dovrebbe essere una rete diventa una resa, una resa dei conti tra Stato e Regioni. E noi siamo chiamati a compensare con qualche briciola i tagli agli stipendi, il massacro contrattuale e la negazione delle culture locali a vantaggio di un culto del denaro che monetizza perfino la nostra stessa vita.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Cosa sono, infatti, questi regalucci se non la rivelazione della divinità del denaro? Poi però la realtà va da un’altra parte, non spende, si chiude nell’incertezza e vive di quel che ha: nella lunga depressione della crisi, ma di una crisi che viene da lontano. La risposta è la mancata spesa, la tesaurizzazione dei pochi euro ottenuti, la ricerca di senso in una vita insensata, paragonabile a un limbo imperituro, al travaglio di Sisifo, al racconto di un tunnel mai scavato perché mai imboccato davvero.

Il racconto triste della crisi non può ricevere, come risposta, una manciata di spiccioli, ma una prospettiva concreta di speranza. Senza di essa non siamo più nulla e non ci resta che osservare l’affondamento continuo del nostro vascello piagnucoloso. Dove sono i piani industriali? Le priorità produttive? Le certezze occupazionali? Dove sono finiti i valori della sussidiarietà, del lavoro, della vita soggettiva? Si perdono e si confondono nel primato del denaro.

Siamo in vendita, la nostra patente di cittadini è in vendita. O in svendita, che è uguale quando c’è crisi. Sottocosto comprano il nostro vivere insieme e ci riducono a una comunità di consumatori. Così non va bene.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (7 voti)

Commenti

Riflessione interessante, che fa riflettere su come questa individualizzante spinta al consumo non sia altro che l'ennesima rappresentazione di un sistema Stato votato al capitale.
:)

Uno Stato che abdica, nel conflitto tra Capitale e Lavoro. :)

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.