Curiosità grammaticali

Interviste a scrittori

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Si scrive “po’” o “pò”, e perché? Riflessioni «spinose» sull’accento

Si scrive “po’” o “pò”, e perché? Riflessioni «spinose» sull’accentoSe c’è una cattiva abitudine linguistica, quella è il fatto di scrivere invece di po’, e non sbagliate se pensate che è ancor più diffusa di qual è scritto con l’apostrofo (grafia sicuramente sbagliata): facendo una ricerca su Google in data 6 gennaio 2015, la parola risulta ricercata ben 35 milioni di volte, mentre qual’è 25 milioni e 700mila; non che cambi molto, in fin dei conti: in entrambi i casi è un vizio linguistico non trascurabile, poiché accento e apostrofo hanno due funzioni abbastanza ben definite, e non sono, quindi, segni intercambiabili.

Passi l’uso di su smartphone e negli SMS tra amici – sono due caratteri rispetto a tre, e quindi se devo sbrigarmi posso anche evitare di ricorrere a un terzo carattere, quale sarebbe l’apostrofo –; la situazione cambia quando chi scrive dimentica che po’ è troncamento di poco, e che quindi non va scritto con l’accento. Non ho a disposizione dei dati che mi permettano di capire se il fenomeno sia censurato o meno, e in che misura lo sia soprattutto, nelle scuole: ammettendo pure che tutti gli insegnanti lo contrassegnino come errore grave, non sarebbe da escludere che l’uso insistente dell’accento, facilitato anche dai già citati smartphone senza correttore automatico e dalla diffusione della scrittura su Internet, possa portare, in futuro, all’affermazione di . Al momento, però, i fatti stanno molto diversamente.

Dobbiamo dunque scrivere po’ e non , anche se non sempre il troncamento è contrassegnato dall’uso dell’apostrofo, e questo è un fatto che dimostra come la lingua sia un sistema in equilibrio – come tutti i sistemi linguistici – ma comunque vivo, e dunque ricco di incoerenze ed eccezioni, che possiamo ricondurre a variabili eterogenee, specialmente sociali e storiche. L’esempio che vi propongo è piè, delle espressioni a piè pagina, a piè pari e così via: piè è troncamento di piede, ma perché si scrive con l’accento?

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

La questione è molto spinosa, ancor di più dei dubbi che riguardano sé stesso, e infatti non tutti i grammatici sono d’accordo: il Leone, per esempio, propone di usare l’apostrofo, segno che da sempre indica, appunto, il troncamento, proprio per evitare inutili eccezioni; altri grammatici, invece, consigliano l’accento, poiché con i monosillabi bivocalici si è soliti porre l’accento sull’ultima vocale, e quindi l’uso potrebbe essere esteso tranquillamente a questa parola: a può, già, giù e così via, insomma, si aggiunge anche piè. Il sito della Crusca non sembra prendere posizioni in merito, anche se pare essere maggiormente d’accordo con l’accentazione, per via dell’uso ormai invalso:

«L'uso dell'accento grafico in italiano è diventato stabile dal Novecento per i polisillabi tronchi (città,virtù,longevità). Costante è anche la presenza dell'accento in un numero, in realtà limitato, di monosillabi composti da due grafemi vocalici:ciò, già,giù,più,può,scià, in cui i edusono solo segni grafici. Si aggiungano le forme letterarie, e disusate, piè 'piede',diè 'diede' che, come , vengono indicate a volte con l'apostrofo. Tale alternanza tra accenti e apostrofi per alcuni monosillabi è controversa, ad esempio il DOP (Dizionario di ortografia e di pronunzia) indica come errata la formapie', e riconosce soltanto per il troncamento di 'piede' piè e dièper la voce del verbo 'dare'. Per ('fece') segnala anche fe efe'pur rari».

Sappiamo che si scrive po’, insomma, e che si scrive piè, anche se in entrambi i casi le obiezioni alla regola potrebbero essere, e lo sono, infatti, molte: ancora una volta abbiamo dimostrato come considerare l’uso sia fondamentale per discutere di qualsiasi argomento linguistico e ragionare di lingua. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Penso che a questa famiglia di parole si possa aggiungere anche be' (ossia bene) invece del bhe o simili e, forse, perché no il tiè!

Certo, confermo, aggiungendo, però, che "bhe" non è forma corretta, e che le uniche forme accettate sono "beh", "be'" o "bè" (e la cosa si estende pure al troncamento di "va bene").

MIK

Possiamo anche aggiungere quelli che scrivono un + sostantivo maschile e mettono l'apostrofo.
Leggendo i commenti dei vari portali sono davvero tanti quelli che scrivono un'altro, un'amico, un'attore... E nella stessa frase magari scrivono un altra, senza apostrofo, stravolgendo le regole della grammatica.

Sì, Luca sono d'accordo: soprattutto se certi errori vengono da quotidiani e siti importanti. Ad ogni modo, sono consapevole che può capitare e che non si tratta di un dramma.

MIK

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.