In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Si scrive “d’accordo” o “daccordo”?

Stretta di manoSi scrive d’accordo o daccordoAnzitutto partiamo dalla diffusione delle singole forme, avvalendoci di Google: la prima forma ricorre 72.200.000 di volte, mentre la seconda 531.000; insomma, è chiaro che, se dovessimo valutare la tendenza in atto, ad avere la meglio sarebbe la forma con l’apostrofo. Non si tratta di una considerazione da evitare, quella della diffusione delle alternative, perché la lingua – lo ricordiamo – non è un’accozzaglia di regole grammaticali senza senso, ma un fenomeno sociale, che si nutre degli apporti dei parlanti e degli usi della comunità, e dunque ciò che oggi risulta sbagliato potrebbe diventare corretto o accettabile dopo molti anni. Sul concetto di “comunità linguistica”, vi consiglio questo approfondimento sulla SAE ‘Standard Average European’.

Ma veniamo alla risposta al quesito: si scrive d’accordo; siamo in presenza, infatti, di una locuzione avverbiale, composta dalla preposizione di e dal nome accordo, all’interno della quale si verifica un caso di elisione, ovviamente contrassegnato dall’apostrofo.

Nell’altra forma, questa elisione non si nota, perché le due parole vengono erroneamente univerbate, come è accaduto in moltissime parole della lingua italiana e non solo: pensate a appienoeccomesemmai e così via, dove in alcuni casi è avvenuto anche il raddoppiamento fonosintattico (secondo il quale alcune parole raddoppiano il suono iniziale di quelle che fanno loro seguito: in appieno, per esempio, a è artefice del raddoppiamento di p; cosa che non avviene in infatti, dove in non produce raddoppiamento).

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Al momento, non possiamo che parlare d’errore, valutando, però, non solo ciò che scrivono i dizionari e prescrivono le grammatiche, ma anche la diffusione della forma d’accordo, che è largamente maggioritaria: non siamo in una zona grigia della lingua, perché i contorni, per adesso, sono ben definiti. Sull’argomento, vi consiglio questo interessante contributo dell’Accademia della Crusca.

Ora che avete appreso che si scrive d’accordo, perché non mettete alla prova le vostre conoscenze con questo test di grammatica italiana

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.