In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Si scrive cieco o ceco?

Si scrive cieco o ceco?Si scrive “cieco” o “ceco”? In questo caso non ci sono tante alternative, poiché i due termini hanno diversi significati: “cieco” è una persona affetta da cecità (che, come notate, al contrario non vuole la “i”), mentre “ceco” è colui che abita nella Repubblica Ceca, situata nell'Europa centrale. Ma non solo: con il termine “ceco” si intende proprio tutto ciò che è relativo a quest'area geografica, dalla provenienza, agli usi e costumi.

“Cieco” e “ceco” non possono alternarsi, perché se indichiamo un “cieco ceco”, intendiamo proprio una persona priva della vista e nel contempo proveniente dalla ex Cecoslovacchia (scissa dopo il crollo dell'Unione Sovietica in due stati, la Repubblica Ceca, appunto, e la Repubblica Slovacca). Non si tratta, perciò, di una ripetizione.

In caso ci si trovi in una condizione di dubbio, potrebbe essere utile, nel caso di “cieco”, utilizzare il termine “non vedente”, preferibile in quanto più politically correct (la sostanza, comunque, non cambia): un po' come quando si ricorre a “disabile” o “diversabile”(formato da diversamente + abile) per indicare persone affette da handicap, o “ridistribuzione delle risorse umane” e “ottimizzazione delle dimensioni aziendali” al posto di “licenziamento di massa”.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Tornando a “cieco-ceco”, la stessa regola vale per i plurali, che sono rispettivamente “ciechi” e “cechi”. Per il resto, in caso di incertezza noi consigliamo di munirsi di un buon dizionario o di imparare a memoria questa semplice regola grammaticale, in quanto i termini non sono intercambiabili. Liberi di usare l'alternativa “non vedente” o “abitante della Repubblica ceca”, ma ovviamente in quest'ultimo caso l'indecisione rimane. Meglio saper scrivere e utilizzare nel giusto contesto “cieco” e “ceco”.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)
Tag:

Commenti

Per me era ovvio che si scrivesse "CIECO" e non "CECO" per intendere una persona on vedente, ma sicuramente molti si saranno fatti questa domanda spesso. :)

In effetti, fortunatamente per molti sono cose ovvie, ma come dice lei a qualcuno il dubbio potrebbe ancora sorgere ;-)

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.