Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di scrittura creativa

Si scrive alcool o alcol?

Alcool o alcolSi scrive alcool o alcol? Questo è uno dei casi in cui si possono usare entrambe le forme, anche se, come specificato nell'Enciclopedia Treccani, oggi si preferisce l'utilizzo di “alcol”, probabilmente perché anche le forme derivate vengono in genere trascritte con una sola “o” (alcolizzato, alcolico, alcolista).

Qualche dubbio sulla grafia potrebbe nascere a causa dell'origine del termine. “Alcol” deriva dall'arabo al-Kuhul, in riferimento a una polvere utilizzata dalle donne per tingersi ciglia e sopracciglia. In seguito, la parola venne impiegata in Occidente dagli alchimisti «per indicare ogni corpo ridotto in polvere sottilissima, volatile; poi, per estensione, la sua essenza» (fonte Corriere.it); infine, in latino moderno “alcohol vini” venne utilizzato per indicare lo “spirito di vino” e da qui il significato attuale del termine. In francese la traduzione è “alcohol”, i cui derivati presentano sempre la doppia “o” nello scritto (alcoolique, alcoolisme...). Inoltre, ricordiamo che anche in inglese viene mantenuta la doppia vocale (alcohol, alcoholic...).

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

In passato esistevano anche altre forme, come “alkool”, “alcoòle” e poi “àlcole” (soprattutto queste ultime due parole sono oggi totalmente fuori uso). Per quanto riguarda il plurale dei termini, sia che si usi “alcol” o “alcool” la forma plurale resta invariata (gli àlcol, gli àlcool), e la regola vale per tutti i nomi tronchi in consonante mutuati da lingue straniere (il film, i film). Concludendo, pur consigliandovi di preferire sempre la forma con una sola “o”, soprattutto nei termini derivati, sentitevi liberi di utilizzare sia “alcool” sia “alcol”.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.