In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

Si può distruggere una famiglia perché ti innamori di una stella?

Si può distruggere una famiglia perché ti innamori di una stella?L’Editore Ensemble porta per la prima volta in Italia una delle voci più significative e nuove del panorama letterario albanese odierno, Rezart Palluqi. Lo fa con il suo ultimo romanzo 193 Gabbie (tradotto da Iris Hajdari), presentato a dicembre 2016 durante la Fiera romana della piccola e media editoria Più libri più liberi.

Nonostante l’Albania sia così vicina all’Italia, poco ancora si conosce della sua letteratura nel nostro Paese. Mentre il resto d’Europa risorgeva dalle ceneri della Seconda guerra mondiale, a partire dagli anni Cinquanta la dittatura imposta da Enver Hoxha in Albania segnava fortemente tutta la produzione letteraria nazionale. E tali segni sono arrivati fino a noi.

Rezart Palluqi si colloca in pieno in questo scenario: la sua opera è la storia della sua generazione, nata sotto il regime di Hoxha, scappata in altri paesi alla ricerca di una vita migliore, ma che continua a vivere anche a distanza di decenni, nel presente, il dolore, la tragicità e le speranze deluse del post-comunismo.

Questa è la storia del suo Ylli: costretto a emigrare nei Paesi Bassi da bambino assieme alla madre dopo che il padre era stato sequestrato dal Sigurimi, la polizia segreta albanese, in quando sospettato di essere un traditore per aver utilizzato un binocolo per scrutare il cielo.

Il trauma della sparizione del padre e della successiva fuga accompagnano Ylli per tutta la vita: poteva il genitore essere stato portato via solo per “una maledetta stella”?

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

Si può distruggere una famiglia perché ti innamori di una stella?

Ad Amsterdam il protagonista cresce adattandosi passo dopo passo alla nuova vita, frequentando una scuola professionale per cuochi e scrivendo poesie. Le vecchie paure e inquietudini però sembrano non abbandonarlo mai, e crescono con lui. Ylli maledice la sua mente che vaga ogni giorno senza meta scrutando il cielo e ripropone sempre gli stessi sogni: le bandiere, il padre che usava un binocolo per guardare le stelle, la precipitosa fuga dall’Albania verso la speranza di un mondo migliore. La sua anima fragilissima e inquieta condiziona ogni aspetto della sua vita e cerca riparo – inutilmente – ina una terra che non è la sua.

Negli anni della giovinezza olandese Ylli incontra Zhaneta, anche lei emigrata albanese, su cui riversa la sua fragilità, le sue ossessioni e a tratti i suoi sentimenti sessuali e sadici.

Il legame con Zhaneta si stringe a doppio filo anche a seguito di un secondo forte trauma: l’uccisione, proprio per mano della ragazza, di un uomo albanese che come Ylli cercava il padre, fatto sparire dalla polizia albanese.

 

LEGGI ANCHE – Il vento fresco dell’Albania. Intervista alla poetessa Luljeta Lleshanaku

 

La ragazza, che diventerà poi sua moglie e madre di suo figlio, non solo è una psichiatra, ma si scopre essere anche la primogenita dell’ex capo della polizia segreta albanese durante il regime. In Ylli brucia quindi il desiderio di utilizzare la famiglia della donna per scoprire qualcosa di più su ciò che è davvero successo al padre: può essere questa la volta buona per fare luce sul mistero più grande e ossessionante della sua vita?

Si può distruggere una famiglia perché ti innamori di una stella?

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Il romanzo di Palluqi mostra le due facce di una stessa medaglia: egli riesce, da un lato, a farci conoscere, seppur nella finzione di un romanzo, l’atrocità e l’omertà della dittatura di Hoxha, che hanno continuato ad esistere e ad influenzare le vite di molti albanesi anche a decenni dalla caduta del regime; dall’altro, quasi come conseguenza del primo, a scavare nel profondo psicologico di chi ha vissuto quel momento storico direttamente o indirettamente, e mostra ai lettori il risultato traumatico di tutto ciò: vivere per sempre la propria vita dentro una gabbia.

Ogni aspetto della vita di Ylli è una gabbia: Zhaneta è una gabbia, perché è una moglie ambigua e inattendibile, il suocero è una gabbia, la sua famiglia è una gabbia, Amsterdam è una gabbia, il tempo che passa e che non restituisce la verità è una gabbia. E, sopra tutto, l’Albania è per lui una gabbia, lontana ma infrangibile, la più opprimente di tutte.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.6 (5 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.