Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste a scrittori

Curiosità grammaticali

Si dice “presepe” o “presepio”? Una questione letteraria

Presepe o presepioAlcuni lo hanno già fatto e qualche altro lo farà, quindi questo dubbio linguistico – qui un test su quelli più assillanti – potrebbe incuriosirvi parecchio: si dice presepe o presepio? Sicuramente avrete sentito pronunciare entrambe le varianti; ma esiste una più corretta dell’altra o sono parimenti spendibili? La risposta corretta è proprio la seconda: potrete dire o scrivere sia presepe sia presepio, anche se una delle due forme è molto più diffusa rispetto all’altra, e per verificarlo basta cercare entrambe le parole su Google: per l’esattezza, presepe ricorre oltre sette milioni di volte, mentre presepio all’incirca seicentosessantamila; la differenza è dunque abissale.

Qualora Google non vi dovesse piacere particolarmente, vi basterà usare i vari strumenti linguistici che grammatici e storici della lingua hanno allestito nel corso del tempo: il DOP “Dizionario d’Ortografia e Pronuncia”, il DISC “Dizionario Sabatini Coletti” e molti altri ancora; basti pensare al famoso sito della Treccani o, ancora, a quello dell’Accademia della Crusca, dove vengono pubblicati periodicamente i quesiti più interessanti dell’utenza. Insomma, per avere indicazioni di carattere sociolinguistico, dunque relative all’uso di alcune parole e alle zone grigie della lingua italiana, esiste un’infinità di strumenti. Ma continuiamo a parlare di presepe e presepio.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Il DOP definisce presepio come letterario e il DISC come meno frequente; nella BIZ, poi, troviamo 27 occorrenze per presepe e 38 occorrenze per presepio (e la BIZ è una raccolta di testi letterari e non popolari): è indubbio, insomma, che il nome in –o sia più marcatamente letterario, e infatti lo troviamo usato da Alessandro Manzoni nell’inno sacro Il Natale e da scrittori del calibro di Luigi Pirandello e Gabriele D’Annunzio; proprio dall’Alcione prendo questo stralcio in cui troverete usata la parola:

«E vòto fratel fui della bisaccia

grinzuta ch'ebbe la cipolla e il tozzo

in coniugio. E non più rempiuto al pozzo

fui, non udii crosciar la secchia diaccia,

ma dalla mamma copiosa udii

crosciare emunto il latte nel presepio

occluso. Per indùlgere al mio tedio,

nova sorte mi fecero gli iddii».

Scrivere presepe o presepio, insomma, cambia ben poco: entrambe le forme sono corrette, anche se la seconda è, diciamo, più ricercata. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.4 (7 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.