Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Scrittura Creativa

Shoja Azari: tra Occidente e Medio Oriente

Shoja AzariSi fa tanto parlare di società, e di pervasività, delle immagini. Il potere di ciò che viene proposto ai nostri occhi, per essere “consumato”, nonché il valore che la nostra immagine assume, sono snodi centrali della circolazione delle informazioni dopo il Duemila.

Con uno stile tutto suo, di grande riconoscibilità, un po’ vintage, un po’ tech, l’artista iraniano Shoja Azari mette assieme antico e moderno, mitologia e tempo presente, pittura e video. Di grande fruttuosità è stata la collaborazione sin dal 1997, tra Azari e Shirin Neshat, anch’ella piuttosto attenta al complesso rapporto tra arte e società; ed entrambi sempre in bilico tra Occidente e Medio Oriente, anche dal punto di vista degli spostamenti geografici, che li vedono muoversi tra la terra natìa e gli Stati Uniti, New York in particolare.

Nell’ultima mostra di Shoja Azari, Fake – Idyllic Life, le linee di tensione di cui sopra vengono a compimento, sovrapponendosi, strato dopo strato, e restituendo la grande complessità, visiva e percettiva, che l’incontro tra più culture e più tradizioni porta con sé.

 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

 

Le “fonti” spaziano dalla storia dell’arte propriamente detta, all’estrema contemporaneità, rappresentata soprattutto da fotogrammi “catturati” da YouTube. Il risultato è quantomeno straniante: il gusto per la miniatura si intreccia al dettaglio anatomico, paesaggi quasi arcadici vanno a braccetto col kitsch.

In tutto ciò, il rapporto a cui si accennava, tra Occidente e Medio Oriente, e nello specifico la visione che ciascuno dei due ha dell’altro, non sono problematiche risolte, né un artista come Shoja Azari ha la presunzione di “deciderle” una volta per tutte.

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.