Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Sesso e desiderio in “Tropico del Cancro” di Henry Miller

Sesso e desiderio in “Tropico del Cancro” di Henry MillerTropico del Cancro di Henry Miller esce nel 1934, e fa subito scandalo: si tratta infatti di un libro in cui i temi centrali sono il sesso e il desiderio. I personaggi creati da Miller, passionali, sboccati, violenti e volgari sembrano opporsi nettamente alla mentalità puritana dell’America di quegli anni, prendendo le mosse dall’ambiente libertino della Parigi del ventesimo secolo; lì non solo il sesso e il desiderio sono accettati, ma sono anche incoraggiati dall’ambiente immerso nel fermento degli anni del modernismo.

Tropico del Cancro è il racconto di continue esperienze sessuali, di tutti i tipi e generi, narrate con un linguaggio esplicito, senza ornamenti né abbellimenti. E proprio con la crudezza, con l’immediatezza delle immagini, Miller entra in un territorio non ancora esplorato in precedenza: in Tropico del Cancro è continuamente sottolineata la differenza dello sguardo degli americani, e di quello dei francesi, sulle attività più umane, basilari e istintive dell’uomo.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Raccontare il modo di percepire il desiderio è raccontare la lotta in atto tra il vecchio e il nuovo, tra il puritanesimo e i nuovi movimenti del modernismo e dell’avanguardia. Il sesso diventa così lo strumento attraverso il quale Miller può analizzare la società del suo tempo.

 

«Tutti dicono che il sesso è osceno. L’unica vera oscenità è la guerra.»

(Henry Miller)

Sesso e desiderio in “Tropico del Cancro” di Henry Miller

Quando Miller dice “tutti” si riferisce a tutti gli americani, alla loro innocenza puritana nei confronti del sesso e del desiderio, e allo stesso tempo alla loro prontezza alla guerra. La critica di Miller è sottile ma lampante: riluttanti a parlare di sesso, l’attività umana più naturale, spontanea e la meno pericolosa, gli americani non si fanno problemi a correre alle armi e a inneggiare alla guerra.

La visione di Miller è diversa: per lui tutto ciò che è piacere dovrebbe essere libero, vitale, non represso, non nascosto e non negato, e al contrario, l’unica vera cosa da reprimere è l’istinto alla violenza degli uomini.

 

LEGGI ANCHE – I consigli di scrittura di Henry Miller

 

Iniziamo dunque a vedere come l’esposizione, a volte esagerata, del sesso in Tropico del Cancro non è fine a se stessa. Allo stesso tempo, nonostante a una prima lettura possa sembrare il contrario, Miller investe la donna di un valore essenziale e vitale. La rappresentazione ostentata dei corpi delle donne e il racconto degli atti sessuali non hanno come scopo quello di sminuire la donna, al contrario essa è importante quasi quanto Dio.

«Quando realizzo che lei se n’è andata, probabilmente per sempre, si apre dentro di me un’enorme voragine e mi sento precipitare, precipitare in un nulla nero, senza fine. Ed è una sensazione peggiore delle lacrime, più profonda del rimorso o del dolore, è l’abisso in cui cadde Satana. Non c’è modo di risalire, di tornare indietro, non c’è luce, non c’è il suono di una sola voce umana, o il tocco di una mano.»

(Henry Miller – Tropico del Cancro, Feltrinelli, traduzione di Luciano Bianciardi)

 

Essere separati dalla presenza della donna è come essere separati da Dio stesso.

Sesso e desiderio in “Tropico del Cancro” di Henry Miller

Il sesso diventa così il mezzo attraverso il quale Miller esprime tutto il dolore per la sua solitudine e attraverso il quale avvicinarsi in qualche modo a una forza divina.

A un certo punto, Miller stesso solleva la domanda che noi lettori ci poniamo durante tutta la lettura del Tropico: «Cche cosa vuoi da una donna?»

La risposta è semplice ed immediata: «Che mi tiri fuori da me stesso… ma per farlo una donna deve avere un cervello, e non solo una vagina.» A partire da quest’affermazione Miller traccia una distinzione tra il sesso e l’intimità con una donna, e allo stesso tempo li combina insieme: i due aspetti devono convivere all’interno di una relazione. Se viene a mancare uno dei due, il rapporto non è completo.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Anche se il sesso può sembrare una distrazione per il lavoro dello scrittore, in realtà è proprio la fonte della sua ispirazione: il sesso e il desiderio sono il motore della ribellione del controverso libro che è Tropico del Cancro, riflettono l’ispirazione artistica e le modalità di creazione di uno scrittore che scrive in una nuova epoca, quella moderna.

Prima del modernismo i desideri che vivevano nella mente degli uomini venivano nascosti: in Tropico del Cancro Miller li libera, portandoli alla luce, e presentando in questo modo una nuova società.

In un mondo devastato dalla guerra bisogna vivere il momento, bisogna creare, bisogna vivere senza impedimenti. È questa la strada che porta alla consapevolezza moderna, una consapevolezza che punta l’attenzione sulle cose della natura umana, e che abbraccia quelle parti della vita che fino a quel momento erano state represse. In Tropico del Cancro di Henry Miller il sesso e il desiderio sono parte dell’esistenza dell’uomo, e in quanto tali vanno accettate e non nascoste.


Per la prima foto, copyright: Sharon McCutcheon su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.