Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

“Serpenti” di Daniel Krupa: l’adolescenza, tra realtà e finzione

Daniel Krupa, SerpentiPubblicato nel 2009, Serpenti di Daniel Krupa è da pochi giorni disponibile anche nelle librerie italiane, nella versione tradotta da Vincenzo Barca per Caravan Edizioni. È un libro non molto lungo e piacevole da leggere anche se a tratti lascia un retrogusto amaro legato proprio “ai fatti della vita” di cui narra; retrogusto di cui sembra non curarsi lo stesso autore.

Krupa utilizza un linguaggio quasi parlato in Serpenti, con una prosa semplice, a volte ridotta all’essenziale, una descrizione poco particolareggiata e un tono, nei dialoghi, piuttosto comune. Tutto ciò contribuisce a rendere il lettore quasi un quarto compagno di viaggio di Fanta, Seco e Polonio. L’autore ha inserito nel testo tutti i must di una tardo-adolescenza che inizia a pesare sui corpi e sulle anime dei protagonisti. Allucinogeni, illibatezza e i primi approcci sessuali, sensazioni, emozioni, desideri e frustrazioni mescolate come in un gran calderone dal quale alla fine non si sa cosa verrà fuori. Anche la location è singolare: una estancia, tenuta destinata un tempo alla gestione di agricoltura e bestiame, ad Apóstoles, di proprietà della famiglia di Polonio.

Sarà un viaggio, iniziato a La Plata, a condurli fin lì, dove ne partirà un altro sotto l’effetto allucinogeno della zuppa di funghi, delle pulsioni sessuali e del terrore per i serpenti. Questi esseri pieni di mistero che si oppongono e si confondono col loro piacere sessuale, arrivando a tratti a rappresentare la foresta stessa, simbolo di libertà dai condizionamenti ma anche di morte, di morte e di rinascita in una nuova pelle, esattamente come i rettili.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Daniel Krupa«Seco e Fanta, senza doverselo dire, intuiscono che reciteranno ruoli diversi da quelli che recitano nella città lasciata ormai a più di mille chilometri, in quell’isoletta color mattone sospesa su quel mare verde che li circonda». Si sa che lo sviluppo psicologico e sentimentale non va sempre di pari passo con quello fisico e sembra che Krupa giochi proprio su questo per far muovere i tre ragazzi come ombre in un labirinto esistenziale a loro ancora sconosciuto. Più volte anche il lettore cade nel tranello di confondere realtà e finzione, ovvero allucinazione, esattamente come Fanta, Seco e Polonio che, nonostante tutto, riescono a rimettersi sulla via del ritorno col sempre presente libro “scanza serpenti”, il Derecho de matar.

Pur vivendo la medesima avventura il lettore noterà da subito un riscontro diverso nei giovani, una maturazione differente, anche nel modo di esternarla. «I serpenti non possiedono il senso dell’udito, poiché sono privi di timpano. Possono soltanto captare le vibrazioni del suolo. Il senso della vista non è ben sviluppato, benché riescano a fissare e a seguire un oggetto che si trovi a pochi metri di distanza». Esattamente come noi umani, che a volte ci affidiamo a quello che viene definito “sesto senso” o “intuito” ma che in fondo è solo il residuo di quell’istinto che per gli animali è ancora fattore determinante per la crescita, l’accoppiamento e la sopravvivenza e che agisce e si manifesta sempre in maniera e in momenti diversi.

Non è un libro che ti sconvolge più di tanto, né tantomeno cerca di avvalersi di colpi di scena o situazioni a effetto, quanto piuttosto fare presa proprio nella semplice “meraviglia” che è la vita. Di sicuro Serpenti di Daniel Krupa può facilmente rivelarsi una piacevole e spensierata lettura.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.