Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

"Sentimi", dialogo tra una scrittrice e la voce di cento donne

Sentimi, dialogo tra una scrittrice e la voce di cento donneSentimi è il nuovo romanzo della scrittrice siciliana Tea Ranno, edito da Frassinelli e di recente pubblicazione.

Cento voci, una storia recita il sottotitolo del libro, in una frase che raccoglie tutta l'essenza di ciò che Tea vuole narrare.

Le voci, infatti, appartengono a donne defunte che, una notte, si presentano in forma di nebbia a una giovane scrittrice. Tornata nel suo paese natale, passeggia per le strade rivivendo le atmosfere di un tempo, finché non arriva nella piazza principale dove, una dopo l'altra, si materializzano le voci delle donne.

Per un momento la scrittrice crede di essere in un sogno, e quasi si spaventa di ciò che sente, ma poi capisce che quelle donne sono lì per lei, in attesa di un'altra donna che ascolti i loro racconti.

Il fatto di non poterle vedere, forse, dà quasi più importanza alle loro parole. È come se anche lei si trovasse nei panni di un lettore che, purtroppo o per fortuna, non può conoscere realmente i personaggi della storia che sta leggendo.

Rimarrà, pagina dopo pagina, quella sensazione di mistero e inafferrabilità che solo le voci autorevoli delle donne scomparse sapranno dissolvere.

Sentimi, dialogo tra una scrittrice e la voce di cento donne

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Il “filo rosso”

La storia che fa da collante a tutte le altre è quella di Pietra e Rosa, due sorelle in conflitto da quando erano bambine. Pietra, moglie di Tano, non può avere figli, mentre Rosa, donna piacente, ne ha uno con il marito Rosario. Il destino, però, vuole che Rosa e Tano diventino amanti, e dalla loro relazione extraconiugale nascerà una bambina: Adele.

La somiglianza con il padre, data dai capelli rossi della piccola, però provocherà immediatamente la reazione violenta di Rosario, che si rende conto dell'avvenuto tradimento con Tano.

Rosario, ferito nel profondo, uccide i due amanti e a Pietra, disperata sia per la tragedia che per il tradimento subìto, non resta che tenere in custodia i figli della sorella, amandoli come fossero i suoi. Rosario viene dipinto da Pietra come il diavolo, di cui lei ha paura, anzi la donna è dominata dal terrore che possa uscire di prigione per vendicarsi ancora, questa volta agendo sulla figlia illegittima dai capelli rossi.

Questa prima storia si conclude perché subito un'altra voce prende il sopravvento, quella della levatrice di Adele, che racconta alla scrittrice la sua versione dei fatti.
Mano a mano, alla storia principale se ne aggiungono delle altre, che hanno come protagoniste le donne del paese che, in un modo o nell'altro, conoscevano la storia di Pietra e Rosa.


Le situazioni che si presentano all'orecchio attento della donna sono le più svariate: c’è Stella, una bella monaca violentata dal parroco, un'usuraia, poi Luisa, un'insegnante senza lavoro perché voleva badare alla nipote Nina, e poi ancora Cosima, che in convento fu quasi come una terza madre per Adele, e anche Graziella, la pasticcera che offrì lavoro alla bambina ormai cresciuta.

Sentimi, dialogo tra una scrittrice e la voce di cento donne


Tra le tante voci, anche quella di una donna di un vecchio romanzo della scrittrice che, a quel punto, emozionata e quasi incredula, non sa più se essere lei la donna che viene dall'aldilà o quelle che finora hanno narrato le vicende intricate del paese.


I rumori notturni della città, i latrati dei cani, le luci della bottega dello speziale che si accendono e si spengono, contribuiscono a creare un’atmosfera in bilico tra realtà e finzione.
Sono vere le voci delle donne che finora si sono confessate a lei, o sono solo frutto della sua fantasia di scrittrice?
Forse non c'è una risposta a questa domanda, ma c'è invece il filo rosso che tutto collega: rosso come i capelli di Adele, come il sangue versato dalle vittime, come il colore della passione, ma anche della rabbia e della vergogna.


Alla fine la scrittrice è stanca, vorrebbe alzarsi, ma cerca di resistere perché vuole conoscere il finale della storia di Adele, sperando si sia salvata dalle mani sporche di Rosario.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!


Sono tutte queste le emozioni e i sentimenti che ci arrivano dal romanzo di Tea Ranno, dove il tema della violenza, del tradimento e del maschio padre-padrone ci fa riflettere sulla situazione delle donne nella nostra società.

La scrittrice siciliana riesce a fornirci, indirettamente, un quadro d'insieme che non riguarda solo alcune vicende del sud, perché ad oggi si possono estendere a tutta l'Italia.

Gli spunti su cui riflettere sono molti, ma su tutti domina la gelosia di alcuni uomini verso le proprie donne e la poca libertà che, spesso, si trovano a dover subire per non peggiorare la situazione in cui si trovano.


Per la prima foto, copyright: Marion Michele.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.