Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“Sentimenti sovversivi” di Roberto Ferrucci: l’altrove della scrittura

Roberto Ferrucci, Sentimenti sovversiviSentimenti sovversivi, il nuovo libro di Roberto Ferrucci, traccia l’itinerario di una narrazione che – prese le debite distanze dall’Italia, Paese di origine dell’autore – manifesta un senso di rivolta. La storia dell’edizione n’è testimone. Questa, difatti, è stata inizialmente pensata per la casa editrice francese Meet, di proprietà della Maison des écrivains étrangers et des traducteurs de Saint-Nazaire, residenza dove l’autore è stato più volte ospitato. La decisione, oltre che di natura pratica, sottintendeva un gesto di ribellione, implicito nel titolo del testo. La situazione italiana di questi ultimi anni si trova ad essere al centro delle riflessioni aspre, pungenti e dirette dell’autore.
La scrittura diventa così strumento d’accusa, arma che vorrebbe tagliare e squarciare – con violenza – una mentalità che si perde con estrema facilità nel disinteresse politico, nell’indifferenza sociale, seguendo il modello oggi imposto dai media e dallo stesso governo. La narrazione è allora bisturi che viviseziona con precisione chirurgica i meandri di una società che sembra in caduta libera. «Oggi non posso che raccontare questo – scrive Ferrucci – il mio senso di repulsione, la mia rabbia, il mio sconcerto, la mia indignazione, la mia stanchezza. Provare a raccontare una storia che – suo malgrado – racconti questo e – in qualche modo – vi si opponga».

 

Il libro esce in edizione bilingue in Francia nell’aprile del 2010. Per vie traverse è letto da due case editrici italiane, e, infine, la Isbn riesce a convincere Ferrucci ad un’edizione, rivista e ampliata. Questa è pubblicata nel maggio del 2011, a distanza di un anno dalla precedente sorella francese. Le due edizioni non sono tuttavia gemelle, benché entrambe s’inseriscano in un contesto di rottura, sovversione e distacco. L’edizione della Isbn è, infatti, limata, lavorata con un più ampio respiro narrativo e vede l’aggiunta di due ulteriori capitoli al testo complessivo. È quest’ultima, quindi, l’edizione di riferimento.
Strano garbuglio di passaggi e di trasformazioni editoriali porta con sé Sentimenti sovversivi, l’edizione francese essendo ormai esaurita e quella della Isbn attendendo un’ulteriore traduzione presso un altro editore francese, di cui però l’autore tiene ancora segreto il nome.
Il fulcro della narrazione rimane, tuttavia, il medesimo e si staglia in una bipolarità perenne, che si sviluppa tra il luogo del vivere e il luogo dello scrivere, tra l’Italia e la Francia, tra il lido veneziano e Saint-Nazaire. È allora anche lo spazio, il protagonista di questo testo che – benché inizialmente volesse essere una storia d’amore – si trasforma in diario di bordo, con l’intento di scrutare con occhi nuovi – quelli di un espatriato temporaneo? – la situazione del proprio Paese.

È a Saint-Nazaire, dinanzi al porto che si apre sull’oceano – porto agli antipodi di quello veneziano con cui Ferrucci ha acquisito una certa familiarità fin dall’infanzia – che ha inizio l’avventura dello spazio narrativo, della scrittura che si dipana seguendo i suoi luoghi, le sue estensioni geografiche che poco hanno a che vedere con quelle scientifiche, rivelandosi come paesaggi intimi e personali. Saint-Nazaire rappresenta pertanto, per Roberto Ferrucci, il luogo della distanza critica, dell’oceano a vista d’occhio, del paquebot, edificio dai contorni mastodontici che s’impone allo sguardo dei bretoni e si confonde con le tante barche all’orizzonte che quotidianamente salpano e approdano nel porto. «Quando ci sono arrivato – ci racconta Ferrucci – mi sono reso conto che se nella tua vita sono tante, di solito, le case che hai abitato, che abiti, e che abiterai, mi sono accorto che fra queste da una parte c’e la casa dello stare, dall’altra la casa dell’essere. Quest’ultima, è meglio non coincida con casa tua. È piuttosto un sentimento. Senti che questo è il luogo. Non necessariamente dove vivere ma, di sicuro, dove ritornare quanto più di frequente possibile. Poi ho pensato che queste sono considerazioni legate al mio mestiere, alla scrittura, forse».

 

Sembra, pertanto, essere questa dualità dello spazio a permettere la narrazione, a metterla in scena, portando con sé il ricordo dell’Italia, l’amore di Teresa, la storia di Krzystof e, soprattutto, lo sconforto dovuto ad una realtà che sembra ripetersi inesorabilmente con dei contorni ormai ben troppo noti. L’essere in Francia permette all’autore di considerare con sguardo straniero la propria cultura. L’immagine che Ferrucci ci lascia dei nostri cugini d’oltralpe risulta sicuramente furtiva e forse leggermente superficiale, per chi, come me, conosce ed ha vissuto svariati anni in Francia. L’essere altrove permette all’autore di sviluppare una distanza critica dalla propria realtà. La scrittura – per mezzo del sentimento di lontananza – vede la sensibilità acuirsi, le percezioni diventare sensibili, iper-reattive. Il bello del libro sembra così ritrovarsi nel ritmo impresso alle parole, ritmo che deriva dall’ondeggiare di tutti quegli elefanti marini che si stagliano all’orizzonte, dal vento che si porta appresso la memoria dell’oceano, a volte amica e altre crudele, del dettaglio che altrimenti si sarebbe perso, perché il quotidiano è nemico dei dettagli e dimentica – forse troppo spesso – come lo sguardo abbia fame di paesaggi, benché sconosciuti o forse proprio perché ignoti, di uno scorcio di sabbia, forse anche della reminiscenza di un vecchio film che ci aveva accompagnato durante i nostri anni d’infanzia.

***

Lo scorso gennaio Barbara Greggio aveva intervistato Roberto Ferrucci.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.