Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Diffondi libro

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Se la scrittura è memoria ma non passato. “Beloved” di Toni Morrison

Se la scrittura è memoria ma non passato. “Beloved” di Toni MorrisonIn questa nona puntata della rubrica dedicata alla scoperta mensile di dodici premi Nobel per la letteratura, conosciuti e meno conosciuti (qui la puntata precedente), racconteremo di Toni Morrison, vincitrice del premio nel 1993. In particolare, concentreremo la nostra analisi su uno dei romanzi più celebri – Beloved (Amatissima) del 1987 – della scrittrice americana, in cui si racconta la vicenda di Sethe e sua figlia Denver, le quali cercano di ricostruire la propria vita dopo essere fuggite dalla schiavitù. La casa dove vivono è però infestata dai fantasmi, e uno di questi, che si manifesta molto spesso, si rivelerà essere proprio quello della figlia uccisa di Sethe.

Beloved è usualmente letto come un maternal narrative incentrato sul rapporto madre figlia. Nell’opera di Morrison il legame è letto in una concettualizzazione pre-edipica e semiotica, verificata anzitutto dalla fisicità del rapporto e finanche nel registro linguistico tra madre e figlia; dappiù, il fatto che il testo sia un archetipo di un romanzo sul femminile, non ne vincola l’interpretazione: Beloved non va letto come rappresentazione della dicotomia femminile-maschile. Invero, il romanzo sottolinea la binarietà dei suoi temi non solo a livello relazione, ossia fra due temi, ma anche all’interno di un tema stesso, ne è un esempio la dialettica presente in Beloved che raffronta l’archetipo della maternità con l’esperienza storica della schiavitù. Inoltre, tutti i temi centrale del testo non sono intesi in senso essenzialistico, bensì sono rapportati agli opposti; dunque, per comprendere appieno il discorso femminile di Beloved è necessario indagare la forma di identità maschile che Toni Morrison propone nel suo romanzo.

Se la scrittura è memoria ma non passato. “Beloved” di Toni Morrison

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

La dialettica dell’assenza paterna e della presenza materna è duplicata nella narrazione: mentre la seconda è riportata nel testo, la prima vive quasi soltanto nelle allusioni della scrittrice, perché, come la prima, è fondata sul rapporto padre-figlio. Tale rapporto è infatti evidente in una delle scene più forti del romanzo, ovvero quella in cui in cimitero lo scalpellino violenta Sethe e suo figlio osserva immobile come se stesse assistendo a una lezione. Da questa sequenza narrativa è facile assimilare una domanda cruciale del motore narrativo di Beloved: si può essere un uomo e non uno stupratore? Nel romanzo il giudizio sull’identità maschile non può essere frainteso: l’uomo è inaffidabile e inadeguato, le quali non sono altro che manifestazioni dell’assenza del maschio. A ciò si affianca una scrittura che fa della metafora del freddo e del congelamento la sua peculiare comunicazione dell’assenza e permanenza immutabile, sicché il gelo evoca il potere della scrittura di bloccare il flusso e il movimento della parola, e della solidificazione dell’identità e della permanenza.

Se la scrittura è memoria ma non passato. “Beloved” di Toni Morrison

Beloved, pertanto, è un romanzo sui poteri rischiosi e necessari della presenza, dell’oralità e della fusione, in cui la scrittura è l’indicatore della possibilità sia di amare al di là, sia, un legame stabilito sulla base della differenza e del rispetto, di amare dentro; ecco, allora, che la storia non va collocata se non accanto a questi elementi. Tutte queste tensioni emotive e narrative convergono in Beloved, in cui, nei suoi ultimi passaggi, la rinnovata dialettica fra scrittura e voce, presenza e assenza, ribadiscono le allegorie chiave del testo: la traccia, le impronte, il ghiaccio, l’acqua, il respiro, il vento, il disgelo.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Tuttavia, con il tempo, queste componenti tendono a sparire, ma al contempo comprovano come questa storia non sia qualcosa da trasmettere – It was not a story to pass on –, bensì un dono di immaterialità che si rende evanescente e regala la dimenticanza liberatrice. Resta, però una domanda al termine del romanzo, ossia come si può tenere la memoria ma dimenticare i fantasmi di Beloved? Morrison pare suggerire che sia proprio la scrittura a permettere questa operazione. La storia resterà, e questo ci solleva dal doverla trasmettere, perché è lei che parla e lo fa accanto a noi.


Per la prima foto, la fonte è qui.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.