Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Scrittura creativa – Fabula e intreccio

Scrittura creativa, IntreccioEccoci qua. La nostra rubrica dedicata alla scrittura creativa esplorerà oggi alcuni aspetti relativi alla fabula (di cui abbiamo parlato anche la volta scorsa) e all’intreccio. Se attingete ai vostri remoti ricordi scolastici o se questi sono ancora “recenti” vi sarà capitato, nel corso di un esame, che il prof. di Lettere vi domandasse: «Mi parli della poetica di…». Il termine poetica può trarre in inganno se riferito alla sola poesia come espressione artistica o all’opera di Aristotele, con la quale ha tuttavia innegabili parentele. Poetica è un termine impiegato in estetica per tutte le attività artistiche; riferendolo a un autore si intende l’insieme strutturato degli intenti espressivi e di contenuto che vengono esplicitati nelle sue opere, o che un movimento artistico propugna nell’ambito di un periodo storico e culturale di riferimento.

È probabile che qualcuno di voi si stia domandando: «Perché scocciarci con le definizioni quando dovresti parlare di scrittura creativa?». Al tempo. Indugio su questi termini perché ritengo che la riflessione sugli strumenti che un narratore può utilizzare nel suo lavoro faccia la differenza e costituisca un valore aggiunto a quanto va realizzando.

Prendiamoci perciò la briga di scomodare Gerald J. Prince, illustre accademico e autore di vari trattati sulle funzioni della narrativa. Tra i suoi testi tradotti in italiano vi caldeggio il Dizionario di narratologia (Sansoni, Firenze, 1990). Prince ci trae d’impaccio dalla palude delle definizioni e suddivide schematicamente la narrativa in due principali tronconi d’indagine:

Narrative

Story: la “storia” o fabula designa una successione di avvenimenti reali o fittizi che formano l’oggetto del discorso e le relazioni di concatenamento, opposizione o ripetizione. È il piano dei contenuti.

Discourse: il “discorso” o intreccio è il complesso degli eventi, dei casi o delle vicende nel loro susseguirsi, intrecciarsi e sciogliersi. È il piano dell’espressione.

Così abbiamo fatto un po’ di chiarezza sui termini. Riguardo alla fabula vi ho già offerto qualche imbeccata qui. Vediamo invece di fornire delle informazioni per una maggiore comprensione dell’intreccio. Quando costruite una narrazione disponete l’insieme degli elementi della vostra storia secondo un ordine nel testo (con tutto l’insieme di inversioni temporali e logiche che ritenete opportune). Poniamo il caso di un testo come la Vitadi Vittorio Alfieri. Nel disporsi a raccontare la sua vita, Alfieri ha suddiviso il testo in Epoche; prevedibilmente l’Epoca prima si apre con la Pueritia. L’ordine degli elementi, in quest’opera, è stato concepito nella successione logica e cronologica in cui i fatti della vita di Alfieri si sono svolti.

Ma cosa accade se proviamo a scomporre e ricombinare l’ordine degli eventi che compongono la storia che intendiamo raccontare? Un grande e illustre maestro nella “gestione” dell’intreccio è senza dubbio Ludovico Ariosto. Con il suo poema L’Orlando furioso, il nostro autore ricorre con mano sicura alla tecnica dell’entrelacement (incastro, “inter-allacciamento”), derivante dalle canzoni di gesta di area italiana e dal ciclo arturiano francese, ovvero l’inserire nella linea principale della vicenda ampie e numerose diversioni, soprattutto di argomento amoroso. L’azione viene spesso interrotta dall’ingresso sulla scena di un nuovo personaggio, che racconta la propria storia, spostando bruscamente il centro narrativo verso la creazione di un “episodio” in sé compiuto, che rifluisce poi nella vicenda generale. È questo un modo, attraverso continui stravolgimenti di azioni, fatti e tempi della narrazione, di spingere al massimo l’attesa e la curiosità del lettore). Credo che anche le storie più sorprendenti ci farebbero sbadigliare (e alcune abbandonare la lettura) se chi le ha scritte non avesse saputo strutturare il suo intreccio con grande abilità.

Un utilizzo emblematico dell’intreccio è la soluzione proposta da Martin Amis nel suo romanzo La freccia del tempo (Mondadori, 1993). Amis decide di raccontare a ritroso la storia di un uomo, a partire dalla sua conclusione. Il romanzo inizia con la morte dell’anziano e malato Tod T. Friendly, che in seguito si sente meglio, riprende vigore e torna a vivere. L’aspetto più curioso (e impegnativo) della tecnica di Amis è quella di procedere come se gli avvenimenti raccontati scorressero in un lento rewind di immagini. Il lettore scopre per gradi che Friendly è un criminale nazista; attraverso il personaggio si riavvolge il nastro di un terribile scorcio di Storia del XX secolo. I cadaveri degli ebrei vengono estratti dai forni crematori, stipati sui vagoni dei treni e fatti rientrare nelle loro case! Un uso così particolare dell’intreccio rivela l’intenzione consapevole di produrre un certo effetto emotivo nel lettore e di pervenire, nel contempo, a un determinato esito formale. Un altro modo decisamente più “pop” di raccontare una storia a ritroso lo trovate nel videoclip realizzato per il brano The scientist dei Coldplay.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Cominciate a farvi un’idea di quel che potete fare con un impiego intelligente dell’intreccioPotrei citarvi tanti altri lavori il cui punto di forza è l’ordine degli eventi in un discorso. Cos’hanno in comune, giusto per osare una boutade (semiseria), Ludovico Ariosto e Quentin Tarantino? Abbiamo avuto l’ardire di confrontare un’opera letteraria con una cinematografica; difficile pensare a qualcosa di così differente, sia sul piano cronologico che dei contenuti e dello stile. Certo, in termini di intreccio, vi sorprendereste se andaste a leggervi qualche canto del Furioso e lo comparaste per similitudine con la sceneggiatura di Pulp Fiction (1994), che valse a Quentin Tarantino e Roger Avary l’Oscar per la Migliore sceneggiatura originale e la Palma d’Oro a Cannes. Esercizio: sia che l’abbiate visto o no, andate a (ri)vedervi il film e poi tornate sulle note che seguono:

[Los Angeles: le storie di alcuni gangster e delinquentelli si incrociano]

[A 1] Zucchino (Tim Roth) e Coniglietta (Amanda Plummer) preparano una rapina in un coffee shop.

[B 1] Due gangster vestiti di nero, Vincent Vega (John Travolta) e Jules Winnfield (Samuel L. Jackson) devono recuperare una misteriosa valigetta; Jules ha una propensione per la predicazione religiosa; Vincent ce l’ha per la droga. I due uccidono una banda di spacciatori e si portano dietro il più giovane di loro come ostaggio.

[C 1] Un pugile di nome Butch (Bruce Willis) si accorda con lo stesso boss di Vega e Winnfield per truccare un match: sono in un bar quando entrano i due gangster che vestono in shorts hawaiani.

La storyline [B 2] viene ripresa: Vega accompagna fuori a cena la moglie del boss, Mia (Uma Thurman) su mandato del marito. Si riprende la storyline [C 2]: il pugilatore non sta ai patti e vince il match; mentre è in fuga con la sua ragazza uccide Vega e salva la vita al boss Marcellus Wallace (Ving Rhames) finito tra le grinfie di due psicopatici.

Quindi la storyline [B 3] è così riassunta: quando hanno ucciso gli spacciatori, Vega e Winnfield si sono messi nei guai; inavvertitamente hanno ucciso il loro ostaggio nel sedile posteriore dell’auto. Per liberarsi del cadavere ricorrono all’aiuto di Wolf. Risolta la questione, si ritrovano tutti al coffee shop dell’inizio, dove la storyline [A 2] e la [B 4] si incorporano: i gangster vengono coinvolti nella rapina di Zucchino e Coniglietta. Jules mette poi in scacco il rapinatore, puntandogli contro la propria arma. Zucchino non ha scelta; desiste ascoltando il sermone biblico di Jules e si accontenta del denaro del gangster, lasciandogli il portafogli e la valigetta. I due rapinatori se ne vanno e i due killer escono così dal coffee shop in “tenuta balneare”.

Da notare che a fine film la storyline [B] torna indietro cronologicamente al punto in cui si intreccia alla storyline [C]. Il finale del film non è perciò allineato col finale della storia.

A 1 – B 1 – C 1 – B 2 – C 2 – B 3 – A 2 – B 4 (ordine dell’intreccio o discorso); B1 – B 3 – A 1 – A 2 – B 4 – C 1 – B 2 – C 2 (ordine della fabula o cronologia lineare).

Trovate che sia andato sul concreto riguardo all’intreccioLa prossima settimana parleremo di patto narrativo. A presto, con una nuova puntata delle nostre lezioni di scrittura creativa.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.