Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Scrittori da (ri)scoprire – Vasco Pratolini

Scrittori da (ri)scoprire – Vasco PratoliniA Vasco Pratolini (Firenze, 1913 – Roma, 1991) si devono alcuni romanzi che raccontano in modo impareggiabile la Firenze dei primi decenni del Novecento. Nato in una famiglia operaia, costretto a esercitare fin da giovanissimo i mestieri più disparati per mantenersi ma al tempo stesso furiosamente autodidatta, Pratolini vive la sua giovinezza in una Firenze culturalmente molto vivace e ricca di stimoli, dove frequenta gli ambienti delle riviste letterarie e scrittori come Palazzeschi, Bilenchi, Vittorini e Montale. Si sposta poi per lavoro in altre città, stabilendosi definitivamente a Roma, collabora con la Resistenza durante la Seconda Guerra Mondiale e si iscrive al PCI, pubblicando i primi racconti e collaborando come sceneggiatore con diversi registi, tra cui Luchino Visconti.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Verso la fine della guerra inizia a lavorare a Cronache di poveri amanti, un romanzo corale ambientato tra gli abitanti di una strada di Firenze nei primi anni del fascismo, che interrompe per dedicarsi a Cronaca familiare, storia autobiografica della morte prematura del fratello Ferruccio, scritto di getto in pochi mesi. I due libri escono con successo nel 1947 e in seguito lo stesso Pratolini collabora alle sceneggiature delle versioni cinematografiche, realizzate per il primo romanzo da Carlo Lizzani nel 1953 e per il secondo da Valerio Zurlini nel 1962, protagonista un grande Marcello Mastroianni.

Negli anni Cinquanta Pratolini pubblica diversi romanzi, ma il maggiore successo lo riscuote con Metello (1955), storia di un muratore fiorentino negli anni a cavallo tra diciannovesimo e ventesimo secolo, di cui lo scrittore racconta da un lato il coinvolgimento nelle prime lotte sindacali, dall’altro l’educazione sentimentale e i rapporti con tre donne diverse. Il romanzo finisce al centro di una forte polemica: una parte della critica lo considera il capolavoro della letteratura neorealista, mentre negli ambienti della sinistra militante si accusa lo scrittore di aver inserito troppo sentimento nella ricostruzione storica di un momento importante delle lotte operaie. Nel 1970 Mauro Bolognini dirige poi il film omonimo interpretato da un giovanissimo Massimo Ranieri.

 

LEGGI ANCHE – Scrittori da (ri)scoprire – Alba de Céspedes

 

Metello diventa il primo volume di una trilogia con cui Pratolini si propone di creare un grande affresco della storia italiana: seguono infatti Lo scialo (1960) sulla borghesia che sostiene l’ascesa del fascismo e Allegoria e derisione (1966), sugli anni della Resistenza, ma nessuno dei due riesce a eguagliare il successo di Metello.

Scrittori da (ri)scoprire – Vasco Pratolini

A partire dalla fine degli anni Sessanta, Pratolini abbandona quasi completamente la narrativa, pur continuando a collaborare alle sceneggiature di numerosi film e pubblicando delle raccolte poetiche. Quando muore, nel 1991, è già uno scrittore dimenticato, nonostante che dalle sue opere siano stati tratti film e sceneggiati televisivi anche in anni recenti: l’adattamento televisivo di Le ragazze di san Frediano, romanzo del 1952, è stato trasmesso dalla Rai nel 2007.

Nonostante che nel 2013 la città di Firenze gli abbia dedicato celebrazioni e convegni nel centenario della nascita, Pratolini continua a restare nell’ombra, pur essendo l’autore italiano da cui il cinema ha attinto di più in assoluto: Mondadori, che pure gli aveva dedicato due volumi della prestigiosa collana dei Meridiani, nel 2010 ha rinunciato ai diritti di pubblicazione, considerandolo evidentemente ormai privo d’interesse a livello di vendite. Per fortuna Rizzoli ha scelto di ristampare, a partire dal 2011, nuove edizioni dei principali romanzi, corredate da importanti prefazioni.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Nessuno come Pratolini ha saputo raccontare certi momenti cruciali della storia italiana, spesso presentando come protagonisti degli antieroi, pieni di molti difetti tipici di una buona parte del popolo italiano: ed è questo, forse, che non gli è stato perdonato.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.