Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Scrittori da (ri)scoprire – Paolo Volponi

Scrittori da (ri)scoprire – Paolo VolponiPaolo Volponi (Urbino, 1924 – Ancona, 1994) è uno dei pochi rappresentanti di quella che viene considerata la “letteratura industriale”, cioè di tutta quella produzione narrativa che abbia come filo conduttore la nascita e lo sviluppo delle grandi fabbriche, di cui raccontare sia le prospettive positive, sia le numerose problematiche: abbandono delle campagne, crescita disordinata dei centri urbani, lotte di classe, alienazione causata dal lavoro ripetitivo.

Volponi nasce in una famiglia marchigiana della piccola borghesia e dopo una breve esperienza da partigiano e la laurea in giurisprudenza incontra nel 1950 Adriano Olivetti, l’imprenditore noto per una personale visione sociale e solidaristica del mondo della fabbrica (che l’avrebbe portato a fare di Ivrea una città-modello), che qualche anno dopo lo assume nella sua azienda.

Negli stessi anni Volponi scrive delle poesie, ma presto passa a dedicarsi alla narrativa, mentre fa una veloce carriera all’interno della Olivetti, dove resterà fino al 1975 arrivando a dirigere tutte le relazioni aziendali (negli stessi anni ci lavora anche Ottiero Ottieri, altro scrittore che racconta il mondo industriale).

Nel 1962 esce il primo romanzo di Volponi, Memoriale, incentrato sulla contrapposizione tra operai e imprenditori, a cui fa seguito nel 1965 La macchina mondiale, storia di un contadino fuori dagli schemi ricca di spunti filosofici e di invenzioni linguistiche, che vince il Premio Strega.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Nel 1975 Volponi viene scelto come presidente della Fondazione Agnelli, ma deve rinunciare per l’opposizione della famiglia Agnelli che non approva la sua iscrizione al PCI, col quale lo scrittore inizia una carriera politica e viene eletto senatore dal 1986 al 1991.

Scrittori da (ri)scoprire – Paolo Volponi

La carriera letteraria prosegue invece in modo discontinuo, perché Volponi è affascinato dalle sperimentazioni e tenta varie strade, scrivendo anche poesie e saggi, ma i romanzi Corporale (1974) e Le mosche del capitale (1989) affrontano sempre temi legati al mondo del lavoro, esprimendo pesanti critiche al capitalismo. Con La strada di Roma (1991), un romanzo parzialmente autobiografico che racconta il trasferimento nella capitale di un giovane urbinate e la cui prima stesura risaliva a molti anni prima, Volponi vince per la seconda volta il Premio Strega, impresa ripetuta solo di recente da Sandro Veronesi (vincitore nel 2006 conCaos calmo e nel 2020 con Il colibrì).

 

LEGGI ANCHE – Scrittori da (ri)scoprire – Fausta Cialente

 

Nel 1991 Volponi si oppone alla fine del PCI e passa al neonato gruppo di Rifondazione Comunista, con cui viene eletto deputato l’anno successivo, ma nel 1994 muore per una grave malattia renale. Non possiamo ricordarlo come un autore di facile lettura: nei suoi romanzi si mescolano molte tematiche legate da un lato al suo costante impegno politico, dall’altro a una visione progressista dell’economia e dello sviluppo industriale, in apparente contraddizione con l’adesione al comunismo, idee che lo hanno posto spesso in conflitto con il suo grande amico Pier Paolo Pasolini.

Scrittori da (ri)scoprire – Paolo Volponi

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Rimane comunque un grande testimone della nascita e della crescita dell’industria italiana tra gli anni Cinquanta e Sessanta del ventesimo secolo: si può anzi dire che tutti i suoi libri siano riconducibili a quel periodo e che il suo percorso letterario non si sia evoluto più di tanto nei decenni successivi. La forte base ideologica che caratterizza sia le ambientazioni sia la costruzione dei personaggi determina anche un andamento particolare della sua scrittura, spesso molto riflessiva e tendente al saggio più che alla narrazione romanzesca. Uno scrittore forse “difficile”, ma che si fa testimone importante di un periodo cruciale nella storia italiana.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.