Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Scrittori da (ri)scoprire – Ignazio Silone

Scrittori da (ri)scoprire – Ignazio SiloneIgnazio Silone (Pescina, 1900 – Ginevra, 1978) è lo pseudonimo di Secondo Tranquilli, scrittore abruzzese tra i più trascurati dalla critica letteraria recente.

Sopravvissuto ad appena quindici anni, insieme a un fratello, al terribile terremoto che nel 1915 colpisce la Marsica e distrugge la sua famiglia, inizia presto a frequentare le leghe dei contadini e verso la fine della Prima guerra mondiale si avvicina al socialismo. Nel 1921 è accanto ad Antonio Gramsci nel momento della scissione di Livorno, quando una parte dei socialisti, in dissenso sull’atteggiamento da tenere nei confronti del fascismo montante, fonda il Partito Comunista. Lavora per qualche tempo per alcuni quotidiani, ma nel 1923, dopo la presa del potere da parte di Mussolini, decide di espatriare e vive per qualche anno tra Francia e Spagna, partecipando anche ad alcune missioni italiane a Mosca per le riunioni dell’Internazionale Socialista.

Inizia probabilmente da questi viaggi in Russia il distacco progressivo di Secondo Tranquilli dal comunismo, che porta alla nascita dello scrittore Ignazio Silone: espulso dal PCI per il suo dissenso dallo stalinismo e ricoverato in una clinica svizzera per tubercolosi, inizia a scrivere il suo romanzo d’esordio, Fontamara, pubblicato per la prima volta in tedesco nel 1933 e divenuto da subito un successo mondiale. Il romanzo è ambientato nella Marsica delle prime lotte contadine, e descrive con un realismo spietato la condizione miserabile dei braccianti (i “cafoni”) in cerca di condizioni di vita migliori, ma delusi dal fascismo che si schiera dalla parte dei grandi proprietari terrieri.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Fino alla fine della Seconda guerra mondiale Silone svolge attività clandestine di supporto alla Resistenza europea, tanto da essere rinchiuso dagli svizzeri in un campo d’internamento. Alla fine della guerra torna in Italia, si schiera con i socialisti e viene anche eletto deputato, ma abbandona abbastanza presto la politica attiva per dedicarsi soprattutto all’attività letteraria, pubblicando romanzi come La scuola dei dittatori (1938), Una manciata di more (1952), Il segreto di Luca (1956), La volpe e le camelie (1960) e la raccolta di saggi Uscita di sicurezza (1965) che documenta il percorso del suo tormentato rapporto con il PCI. Grande successo ottiene il dramma teatrale L’avventura di un povero cristiano (1969) incentrato sul discusso personaggio di papa Celestino V, accusato di viltà da Dante per aver rinunciato al soglio pontificio, ma che agli occhi di Silone rappresenta l’essenza di una chiesa povera e pura, più fedele ai precetti evangelici.

Scrittori da (ri)scoprire – Ignazio Silone

LEGGI ANCHE – Scrittori da (ri)scoprire – Alberto Moravia

 

Silone si era definito «un socialista senza partito e un cristiano senza chiesa» ed è stata in gran parte la sua posizione di intellettuale difficilmente inquadrabile ad alienargli molte simpatie in Italia, mentre i suoi libri hanno goduto di una grande fortuna all’estero, soprattutto in Germania e in Francia: nel suo discorso di ringraziamento per il Nobel, nel 1957, Albert Camus sostenne addirittura che Silone avrebbe meritato il premio prima di lui. Un altro punto cruciale riguarda l’accusa di doppiogiochismo mossa a Silone per i rapporti con un ispettore della polizia politica, suo amico di gioventù, al quale avrebbe passato negli anni Venti notizie importanti sul Partito Comunista in cambio di un trattamento di riguardo verso il fratello Romolo, arrestato con l’accusa di aver organizzato il fallito attentato al re Vittorio Emanuele III, avvenuto il 12 aprile 1928 alla Fiera di Milano, che causò venti morti e altrettanti feriti. Romolo Tranquilli morì comunque nel 1932 per le torture subite in carcere, ma nessuno ha potuto esibire prove decisive di quest’attività spionistica di Silone, mai utilizzata del resto nemmeno dai suoi nemici all’interno del PCI nel corso dei feroci dibattiti del dopoguerra. Secondo Umberto Terracini, un altro protagonista della nascita del comunismo italiano, quello di Silone era stato addirittura un triplo gioco voluto dallo stesso PCI, per poter controllare da vicino i comportamenti della polizia fascista in cambio di qualche informazione poco importante.

Scrittori da (ri)scoprire – Ignazio Silone

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Di sicuro l’accusa di essere una spia non ha giovato alla reputazione di Silone, contribuendo a relegarlo nell’ombra proprio qui nel suo paese, nonostante il grande successo ottenuto all’estero: eppure questo scrittore è uno dei maggiori interpreti delle istanze sociali del mondo contadino oppresso, che anche nella narrativa è riuscito ben poche volte a far risuonare la sua voce con la stessa forza espressa da romanzi come Fontamara.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.