In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Scrittori da (ri)scoprire – Giorgio Bassani

Scrittori da (ri)scoprire – Giorgio BassaniCi sono città che abbiamo imparato a conoscere soprattutto leggendo le pagine di grandi scrittori che vi hanno ambientato le loro opere: una di queste è senz’altro la Ferrara del primo dopoguerra e degli anni del fascismo che Giorgio Bassani (Bologna, 1916 – Roma, 2000) ha immortalato nei suoi romanzi e racconti.

Anche se nasce a Bologna, è infatti a Ferrara, città d’origine della famiglia paterna, che Bassani trascorre tutta l’infanzia e l’adolescenza, studiando al liceo Ariosto e frequentando la comunità ebraica locale. Riesce a laurearsi in lettere a Bologna nonostante l’entrata in vigore delle leggi razziali (che permettevano agli studenti ebrei già iscritti di terminare l’università ma vietavano nuovi accessi) e va a insegnare nella scuola ebraica di Ferrara, che permetteva ai ragazzi espulsi dalle scuole statali di continuare gli studi, pubblicando il suo primo romanzo, Una città di pianura (1940), sotto pseudonimo. Diventa quindi un attivista politico in clandestinità, si sposa e viene anche incarcerato per qualche mese, ma nel 1944 riesce a lasciare Ferrara per stabilirsi a Roma, dove vivrà fino alla morte.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Negli anni successivi Bassani diventa una figura di spicco nel mondo editoriale, pubblica racconti e poesie, dirige importanti riviste letterarie e contribuisce a far conoscere molti autori stranieri ancora sconosciuti in Italia e giovani scrittori italiani che diventeranno famosi, da Mario Soldati a Carlo Cassola, da Giorgio Caproni a Italo Calvino. È molto attivo anche come sceneggiatore e collabora con i più importanti registi del momento.

Nel 1956 esce Cinque storie ferraresi, una raccolta di racconti scritti negli anni precedenti e tutti ambientati nella città della sua giovinezza, che vince il Premio Strega. Due anni dopo è la volta di Gli occhiali d’oro (1958), storia di uno stimato professionista che viene emarginato dall’alta società ferrarese a causa della sua omosessualità.

Scrittori da (ri)scoprire – Giorgio Bassani

Nello stesso periodo, Bassani diventa il direttore editoriale della narrativa presso l’editore Feltrinelli e pubblica molti autori importanti: famosa è rimasta la sua scelta di pubblicare Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, già bocciato da Elio Vittorini per Einaudi. Continua anche a scrivere sceneggiature per il cinema e nel 1960 il giovane regista Florestano Vancini gira il film La lunga notte del ’43, tratto da una delle Cinque storie ferraresi.

Nel 1962 arriva per Bassani il grande successo letterario: pubblica infatti quello che è considerato da più parti il suo romanzo più importante, Il giardino dei Finzi-Contini, storia di formazione e in parte autobiografica, che racconta la vita di una famiglia dell’alta borghesia ebraica ferrarese, spazzata via dalle leggi razziali. Vittorio De Sica ne ricava nel 1970 un film, che però Bassani non approva, chiedendo di togliere il suo nome dai titoli di testa.

 

LEGGI ANCHE – Scrittori da (ri)scoprire – Mario Soldati

 

L’anno dopo si costituisce il Gruppo ’63, definitosi Neoavanguardia e composto da molti giovani autori (tra cui Eco, Arbasino, Manganelli, Vassalli) destinati a diventare famosi nei decenni successivi, che prende di mira quelli che considera “scrittori tradizionali” legati a canoni letterari ormai superati, arrivando a definire con spregio autori come Bassani e Cassola “novelle Liala”.

Scrittori da (ri)scoprire – Giorgio Bassani

Nonostante queste critiche, Bassani prosegue con successo la propria carriera letteraria, diventa per un breve periodo vicepresidente della Rai e nel 1965 fonda Italia Nostra, di cui resta presidente fino alla morte, occupandosi attivamente della salvaguardia del patrimonio artistico e ambientale italiano. Pubblica L’airone (1968) e L’odore del fieno (1972) che poi confluiscono nell’edizione definitiva Il romanzo di Ferrara (1974, rivisto nel 1980), che comprende tutte le sue opere ambientate nella città emiliana. Negli stessi anni scrive alcune raccolte poetiche, di cui molte ispirate da Maratea, dove si reca in vacanza per molti anni, e dall’amore per Anne-Marie Stehlein con cui ha una lunga relazione.

Nel 1987 Giuliano Montaldo gira un film tratto da Gli occhiali d’oro e nel 1998 esce il Meridiano Mondadori contenente gran parte della produzione letteraria di Bassani, che muore a Roma nel 2000 e viene sepolto nel cimitero ebraico di Ferrara.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Nonostante l’esistenza a Ferrara di una Fondazione a lui dedicata, diretta dalla figlia Paola, di Bassani non si è parlato molto neppure in occasione del centenario della nascita, nel 2016, eppure si tratta di un autore fondamentale della letteratura del Novecento, soprattutto per come ha saputo raccontare, con precisione storica e lucidità di narratore, le infamanti leggi razziali e le sue conseguenze sulle comunità ebraiche italiane, sottolineando il ruolo negativo svolto dal resto della popolazione italiana dell’epoca, che quelle leggi accettò senza nessuna protesta. I protagonisti dei suoi romanzi passano improvvisamente dalla condizione di persone serene, spesso anche decisamente privilegiate, che abitano in belle case e si dividono tra partite di tennis (una delle grandi passioni dello scrittore) e vacanze al mare, a quella di individui privati senza un motivo valido dei propri diritti di cittadini. Anche per questo, ma non solo, Il giardino dei Finzi-Contini rimane un grande romanzo di formazione e di testimonianza del Novecento italiano, che andrebbe proposto in lettura soprattutto agli studenti delle scuole superiori.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.