Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Sbocchi professionali per laureati in Storia dell’Arte

Laureati in storia dell'arteIn un Paese come l’Italia gli sbocchi professionali per i laureati in Storia dell’Arte dovrebbero essere illimitati data la presenza di beni artistici, architettonici, culturali e ambientali di inestimabile valore e quantità.

Tra i possibili sbocchi professionali opzionabili da un neolaureato in Storia dell’Arte figurano occupazioni in:

 

  • Soprintendenze e Musei.
  • Comuni, Province, Regioni, Fondazioni.
  • Case editrici.

 

L’offerta formativa dei vari atenei ha lo scopo di indirizzare i nuovi operatori del settore verso le istituzioni preposte alla conservazione e valorizzazione del patrimonio archeologico, oppure organismi e unità di studio, di ricerca e di conservazione del patrimonio archeologico, artistico, documentario e monumentale, oppure ancora verso la comunicazione e i media specializzati.

Con la legge n. 135 del 29 marzo 2001, meglio conosciuta come “Riforma della legislazione nazionale sul turismo”, sono stati definiti i parametri di riconoscimento della professione di guida turistica. Per esercitarla bisogna essere in possesso di una licenza rilasciata dagli enti locali a seguito di un esame di abilitazione. I laureati in Storia dell’Arte e in Archeologia non devono sostenere l’esame abilitante o altre prove, fatta salva la possibilità di verifica delle conoscenze linguistiche e del territorio di riferimento che sono punti focali dell’esercizio di detta professione. Per intraprendere l’attività di guida turistica è necessario presentare al Comune di residenza una dichiarazione di denuncia di inizio attività, attestante l’esistenza dei presupposti e dei requisiti di legge. Il Comune provvede, ai fini della tutela dell’utente, al rilascio di una tessera di riconoscimento con fotografia.

Fermo restando la certezza di aver dato e superato gli esami richiesti, per i laureati in Storia dell’Arte è possibile anche tentare la strada dell’insegnamento nella scuola pubblica per la classe di concorso 61/A, Storia dell’Arte appunto. Ovviamente ciò solo previa trafila burocratica e concorsuale valida per tutte le classi di concorso e tutti i corsi di laurea che offrono tra le altre l’opzione all’insegnamento. Per rimanere nel campo dell’amministrazione pubblica del patrimonio artistico e culturale figura anche un’altra professione papabile per i neo laureati: lo Storico dell’Arte. Secondo la nota del MIBACT questi ha il compito di:

  • Svolgere attività di ricerca scientifica.
  • Inventariare e catalogare.
  • Vigilare e monitorare.
  • Coordinare operazioni di restauro.
  • Redigere cataloghi e testi scientifici.
  • Consulente tecnico, perito e arbitro.

 

Dal 1999 è stata istituita anche l’Associazione Nazionale Storici dell’Arte con lo scopo principale di «promuovere la figura dello storico dell’arte e tutelare la sua specifica professionalità che, malgrado la straordinaria consistenza del patrimonio storico-artistico nazionale, non è mai stata legalmente riconosciuta dallo stato italiano».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Per coloro i quali la Laurea in Storia dell’Arte non rappresenta solo un titolo di studio ma il coronamento di una passione, che amano osservare, studiare, documentarsi su tele, dipinti, vasi e produzioni artistiche varie allora la strada da percorrere potrebbe essere quella che li conduce a diventare dei critici d’arte. Valutare opere d’arte, redigere relazioni di autenticità, collaborare con case d’asta o musei… aiutano molto in questo campo: senso critico, capacità di analisi, buona propensione ai rapporti interpersonali, capacità di espressione scritta e orale. Chi è interessato o meglio orientato in questa direzione potrà inviare il curriculum a musei, case d’asta, riviste specializzate, tribunali (per proporsi come CTU), oppure partecipando ai concorsi indetti dalla soprintendenza delle belle arti. Molto simile alla figura professionale del critico d’arte è quella dell’art advisor, il quale ha prevalentemente il compito di orientare i propri clienti nell’acquisto o meno di opere d’arte. L’art advisor deve possedere sia le competenze di un critico e storico dell’arte sia quelle di un analista finanziario. Deve essere infatti in grado non solo di consigliare al cliente il pezzo da comprare ma anche valutare per lui la tempistica dell’acquisto. Nel 2006 è stata istituita anche l’Associazione Italiana per l’Art Advisor (Ass.I.Art).  Avendone possibilità si può anche aprire una propria galleria d’arte dove esporre e vendere opere d’arte, ospitare mostre, vernissage, esposizioni, in sostanza svolgere la professione di gallerista. Un tempo gli artisti e più in generale tutti coloro che si dedicavano allo studium venivano accolti alla corte di un mecenate che dava loro protezione e garantiva collaborazione e lavoro. Oggi la figura del mecenate è pressoché scomparsa ed è stata sostituita dal gallerista. Gli artisti producono per vendere e a comprare o a fare da tramite, nella maggior parte dei casi, sono proprio i galleristi. In un’epoca in cui le apparecchiature elettroniche e digitali acquisiscono sempre maggiore spessore nell’economia e nella cultura inoltre è possibile anche creare soluzioni alternative come quella istituita a Lucca già dal 1996, ovvero una galleria d’arte virtuale, gestita da persone che non si definiscono mercanti o galleristi ma volenterosi disposti a mettere in contatto tutti gli artisti della loro città con persone che apprezzano l’arte.

Certo i tempi sono quelli che sono e in più bisogna anche tenere in considerazione il fatto che, per fronteggiare la crisi, Paesi come la Germania hanno adottato la politica del “sacrifici e tagli fuorché per la formazione e la ricerca”, mentre l’Italia ha adottato il principio “sacrifici e tagli soprattutto per la cultura e la ricerca”. Decisioni che si ripercuotono inevitabilmente sul patrimonio storico, artistico e culturale, sulla sua amministrazione nonché sulla sua corretta tutela e conservazione. Così succede che il settore che in Italia dovrebbe garantire sbocchi professionali illimitati in realtà si caratterizza sempre più per l’elevata incidenza del lavoro atipico, part-time e stagionale. In una parola: precario.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.1 (12 voti)

Commenti

credo che la legge n.135 del 2001 sia stata abolita e sostituita con la legge Bersani del 2007 in cui si fa obbligo anche ai laureati in Storia dell'Arte di sostenere l'esame di abilitazione. Quindi date informazioni più corrette, per favore...

Mi sa che prima di ribattere dovresti informarti meglio tu, i laureati in discipline artistiche, archeologiche e letterarie non devono sostenere nessun esame!

La legge Bersani ribadisce il concetto espresso dalla legge n.135 del 2001, non è cambiato nulla Anonimo.

Peccato che la Brambilla di turno con l'art. 3 del D.Lgs. 23/05/2011 n. 79, "Codice della normativa in tema di orientamento e mercato del turismo", ha abrogato il quarto comma dell'art. 10 della L. 40/2007 (c.d. Legge Bersani sulle liberalizzazioni) riguardante l'accesso alle professioni di Guida Turistica ed Accompagnatore turistico per coloro che sono in possesso di laurea in materie specifiche...

Con decorrenza dal 21 giugno 2011, è entrato in vigore il D.Lgs. 23/05/2011 n. 79, “Codice della
normativa statale in tema di ordinamento e mercato del turismo…”, che con l’art. 3 ha abrogato il
comma 4, dell'art. 10 della L. 40/2007 (c.d. Legge Bersani sulle liberalizzazioni), riguardante
l'accesso alle professioni di Guida turistica ed Accompagnatore turistico per coloro che fossero
risultati in possesso rispettivamente della laurea magistrale in Storia dell'Arte e Archeologia,
necessaria ai fini dell’acquisizione dell’abilitazione alla professione di Guida Turistica, e della
laurea triennale in materie turistiche, necessaria ai fini dell’acquisizione dell’abilitazione alla
professione di Accompagnatore turistico.

Intanto, il Consiglio dei Ministri ha approvato il 22 maggio 2014 un decreto legge per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo che prevede, per quanto riguarda i requisiti per le guide turistiche, che previa intesa con le Regioni e le province autonome, entro il 31 ottobre 2014 verranno individuati i requisiti necessari per ottenere le abilitazioni specifiche per le guide turistiche nei siti di particolare interesse storico, artistico o archeologico e il procedimento di rilascio.
Quindi, la situazione è tuttora in grande fermento, e temo che non si possa essere così drastici nelle affermazioni visti i cambiamenti in atto e l'adeguamento alle direttive europee.

ergo, come stanno le cose? chi ha una laurea in archeologia deve o meno sostenere l'esamino da guida turistica?

Meglio attendere gli sviluppi che verranno a seguito della nuova normativa attesa.

Le lauree in storia dell'arte e in materie artistiche non servono a NULLA

tutti i mestieri relativi alle descrizioni sopra riportate praticamente non esistono

buonasera a tutti
perdonate se torno sull'argomento, ma non ho ben chiari gli sviluppi. Io ho una laurea specialistica in conservazione dei beni culturali e mi è stato proposto di fare occasionalmente accompagnamento di turisti: devo quindi secondo voi conseguire il patentino di guida o no?
grazie a chi vorrà rispondermi

Buongiorno Francesca, le normative cambiano di frequente e per non darti delle indicazioni che potrebbero risultare errate oppure superate, se mi consenti, ti consiglierei di visionare le indicazioni date dal Ministero. Qualcosa trovi già qui:

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/MenuPrincipale...

grazie per la gentile risposta...purtroppo a quel link avevo già controllato e si riferisce solamente a professionisti esteri temporaneamente in italia...ma continuerò a cercare! grazie! :-)

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.