Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Sbocchi professionali per laureati in Lingue

Laureati in lingueGli sbocchi professionali per i laureati in Lingue sono abbastanza noti:

  • Operatore linguistico in ambito Turistico-culturale.
  • Traduttore e Revisore di testi in lingua straniera.
  • Produttore e Programmatore di eventi interculturali.
  • Mediatore socio-culturale.
  • Interprete/Traduttore.
  • Docente di Lingue e Letterature straniere.
  • Assistente linguistico nelle Istituzioni italiane all’estero e nelle rappresentanze diplomatiche e consolari.
  • Consulente per le lingue e i dialetti.
  • Consulente nella ricerca medica per logopedia, audiologia, rieducazione alla parola, neurolinguistica.

Il punto però è che praticamente ogni voce dell’elenco è una professione a se stante e la Laurea in Lingue non prepara a nessuna di queste in particolare.

Sandra Bertolini, presidente dell’Associazione Italiana Traduttori e Interpreti (Aiti), nel corso di un’intervista per «L’Avvenire», ha posto l’accento su come la crisi, di fatto, abbia ulteriormente complicato il lavoro dei professionisti del settore per la diminuzione degli incarichi, la richiesta di riduzione delle tariffe e la concorrenza sleale compiuta per mano di chi, per ovviare la mancanza di occupazione, sfruttando vecchie conoscenze linguistiche, si è improvvisato traduttore o interprete. I corsi per la formazione in tal senso non mancano, anzi abbondano per numero e varianti. Ancora la Bertolini sottolinea che ciò è dovuto al fatto che in Italia queste professioni non sono regolamentate con un ordine o albo e quindi non è previsto un percorso rigidamente fissato dallo Stato  che preveda un’abilitazione tramite apposito esame. Ecco che ancora una volta si riscopre la carenza di un’adeguata normativa e si ripete quanto detto per i laureati in Scienze archeologiche, in Conservazione dei Beni Culturalie in Storia dell’Arte.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

La conclusione dell’intervento della presidente di Aiti  è tutto sommato ottimistica, in quanto è sua opinione il perdurare delle opportunità professionali. Suo suggerimento è di evitare di credersi o atteggiarsi a “tuttologi” cercando invece di studiare e specializzarsi quanto più possibile e solo a esperienza acquisita magari cercare di ampliare conoscenze e competenze ad altri settori. Che le possibilità occupazionali ci siano nonostante tutto è confermato dalla classifica stilata da Almalaurea che pone la Laurea in Lingue e Letterature straniere al 6° posto con una percentuale di occupati dell’80,4 e un guadagno medio di 937 €. Basta anche solo dare uno sguardo all’elenco della Società di Selezione internazionale Michael Page delle 10 Professioni più richieste del 2013 per rendersi conto di quanto sia importante e direttamente o indirettamente coinvolta l’ottima conoscenza delle lingue, in particolare di quella inglese.

Gli operatori di mosalingua.com invece, seguendo tre semplici criteri, hanno individuato le 7 lingue straniere più utili per un italiano, inglese a parte naturalmente. Sulla base della diffusione nel mondo, dell’interesse dal punto di vista economico e politico e della vicinanza geografica le lingue che un italiano dovrebbe conoscere per comunicare senza intoppi in tutti i contesti lavorativi sono:

  • Francese.
  • Tedesco.
  • Cinese.
  • Spagnolo.
  • Russo.
  • Arabo.
  • Giapponese.

Su italiansinfuga.com e sul portale online del Corriere dell’Università si trovano indicazioni e riferimenti per opportunità di lavoro e stage in Italia e all’estero che possono risultare utili ai giovani laureati in Lingue alla ricerca di sbocchi professionali nel loro settore di studi. Conoscete qualcuno laureato in lingue? Ci raccontate le vostre o le loro esperienze?

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.8 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.