In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“Sale grosso” di Maria Moresco, come a un teatro di emozioni

“Sale grosso” di Maria Moresco, come a un teatro di emozioniSale grosso di Maria Moresco è una raccolta di poesie edita da Nottetempo, la definirei un teatro di emozioni, vediamo perché.

Le cinque sezioni della raccolta si articolano su temi differenti e risonanti in un continuum che sembra portarci dentro la vita e dentro l’anima dell’autrice.

La prima sezione, Zona di non volo, segna una cesura con il mondano e l’insensibilità. È la zona dell’artista, della sensibilità elitaria che si scontra inevitabilmente con la durezza del mondo.

L’ambiente claustrofobico senza alcuna prerogativa di sogno diventa luogo della diversità e della lotta. Moresco lo esprime benissimo in una nelle sue poesie che contiene un’anafora pregnante:

Gettarsi così

all’arma bianca

 

In un mondo di vetri antiproiettile il poeta si getta così, all’arma bianca, riconoscendo la violenza del mondo come fragilità interiore che ci accomuna tutti, in un tentativo nobile di dare all’altro la possibilità di reagire, di porci filo contro filo e trovare un confronto nella lotta. Non si tratta di un duello o uno scontro, è un gettarsi per mancanza di alternative, per circostanze avverse dell’esistenza.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

La seconda sezione, Giardini, è una sublime contrapposizione alla precedente. La definizione di questi giardini la dà l’autrice stessa:

Nelle aiuole fiorite del tempo

non succede niente.

 

Il luogo del sogno prende il sopravvento e inghiotte la zona di non volo, seppur limitando l’anima in uno stato quasi vegetativo di pacifica indolenza. Sono attimi di tempo sereni e immutabili, che nascondono un lato difficile da percepire: la stasi, che altro non è che la morte. Allora si deve andare avanti, si deve uscire dai paradisi artificiali e incontrare la vita.

Ciliegie è la terza sezione, un cestino di felicità. L’infanzia e la bellezza fanno da padrone.

Qui ritroviamo alcuni dei piccoli capolavori sparsi per tutta la raccolta, in particolare uno dei temi principali di Moresco: il rapporto tra i sentimenti e gli altri che fa da eco all’altro grande tema poetico del rapporto tra parole e la vita. Entrambi affiancati da un tema accompagnatore: rispettivamente il quotidiano e il tempo atmosferico. Quest’ultimi, poi, non sono forse nient’altro che allegorie di due modi di percepire lo scorrere dell’esistenza. Il tempo degli impegni che si sussegue e il tempo ciclico delle stagioni e degli umori.

Tutta questa metafisica, in realtà, è fatta di parole semplici e soavi:

Mi appoggio un sorriso

alle labbra

mi metto gli occhi

delle grandi occasioni

e voilà!

“Sale grosso” di Maria Moresco, come a un teatro di emozioni

Ciononostante di una profondità infinita, come la seguente in cui vedo un elogio all’anti-fragilità (avevamo già introdotto questo concetto):

Mi sono fracassata contro gli scogli

ma non mi sono fatta molto male

e tu

mio caro

che sei stato così attento ad aggirarli

soffri molto?

 

La penultima sezione è Sale grosso che dà il titolo alla raccolta. Si arriva al climax, i temi dominanti sono la purezza e l’anima delle cose. Sale grosso è la realtà senza costruzioni, è il luogo di chi esce dalla grotta.

Il vento tra le foglie

non fa frr frr

le rane non fanno affatto

cra cra

il vento e le rane

non sono mica scemi.

 

E di nuovo il tema della sofferenza come occasione di vita, un tema anche cristiano ma che non viene incastonato in chiave religiosa:

Quando tornerai

sarò un’altra

avrò educato la mia sofferenza

come un figlio.

 

Infine, Bianca, la figlia che dà il nome all’ultima sezione. La maternità come tema poetico diventa un regalo a cui va slegato il nastro con lentezza e delicatezza per il lettore. Ormai si è giunti alla conclusione, ci si sente dentro a un viaggio che ci riporta a casa.

Moresco anche qui è molto limpida:

Non date retta

a chi parla di sensazioni

e di dolore

partorire è andare in un posto

tornare da un lungo viaggio

mentre tutti gli altri

sono rimasti a casa.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Per concludere, uno dei componimenti più ispirati dell’autrice, di nuovo legato alla tematica del rapporto tra il proprio sentire e il prossimo, dove la delicatezza e la raffinatezza di un animo poetico si scontrano con la banalità e la meschinità del materialismo e dell’avidità del desiderio.

La mia voce

ancora piú nuda

cosa doveva togliersi

ancora?


Per la prima foto, copyright: Nigel Tadyanehondo su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.