Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Saggio (da) ritrovare: “L’occhio della Medusa” di Remo Ceserani

L’occhio della MedusaFotografia e letteratura: a prima vista potrebbe essere un rapporto di facile considerazione. Il saggio del comparatista Remo Ceserani, L’occhio della medusa (Bollati Boringhieri, 2011), invece, dimostra l’esatto contrario.

 

Non poco ha in comune, questo volume, con un precedente saggio dello stesso Ceserani, vale a dire Treni di carta. L’immaginario in ferrovia: l’irruzione del treno nella letteratura moderna, edito in origine nel 1993, in cui lo studioso rendeva conto dell’impatto dell’“innovazione” ferroviaria nella letteratura, per tramite degli immaginari degli autori.

 

Così, anche L’occhio della medusa prende le mosse dal modo con cui il medium, in questo caso la fotografia, come mezzo tecnico e artistico, fu considerato, rappresentato, denigrato, finanche demonizzato agli inizi, fino ad arrivare ai diversi approcci che studiosi come Sigmund Freud, Roland Barthes, Pierre Bourdieu, Philippe Dubois hanno utilizzato per rapportarsi alla fotografia.

 

Ma il cuore dell’ampio saggio è la categorizzazione con cui Ceserani, in modo di certo parziale e del tutto personale, enumera i contesti letterari in cui ricorre la fotografia: che sia un’istantanea l’innesco narrativo, o il personaggio principale un fotografo, o qualcuno “predato” dal mezzo fotografico, tra inevitabili mancanze ma anche numerosi spunti di approfondimento, l’affresco è notevole.

 

Forse un modo “alternativo” per leggerlo potrebbe essere partendo dal nutrito indice dei nomi, e girovagando per il dedalo dei riferimenti intertestuali che spaziano dall’Ottocento all’estremo contemporaneo.

 

Da recuperare.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.