Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Saggio (da) ritrovare - 4: “Saper vedere l’architettura” di Bruno Zevi

Saper vedere l'architetturaBruno Zevi è stato un intellettuale di levatura straordinaria. Romano, laureato in architettura ad Harvard, alla scuola di Walter Gropius, in seguito ordinario di Storia dell’architettura e direttore dell’Istituto di Critica Operativa dell’Architettura dell’Università di Roma.

 

Ma non è in virtù della sua, pur luminosa, carriera accademica, che voglio invitare alla lettura, o alla riscoperta, per chi già avesse la fortuna di conoscerla, dell’opera di Zevi, e in particolare di Saper vedere l’architettura. Il mio invito è formulato, invece, in virtù della capacità divulgativa che Zevi ha dimostrato nei suoi numerosi scritti; quella capacità di far comprendere concetti anche molto complessi con poche parole, dirette al cuore del problema.

 

Saper vedere l’architettura, pubblicato per la prima volta da Einaudi nel lontano 1948 e poi passato attraverso molte edizioni, ha un sottotitolo in cui sta racchiusa già l’essenza del contributo: Saggio sull’interpretazione spaziale dell’architettura. È proprio di questo che parla Zevi: della capacità, che è anche una necessità, di guardare all’architettura considerando il suo protagonista, lo spazio. Da esso prende avvio un viaggio straordinario attraverso le “età dello spazio”, dalla Grecia classica, a Roma, e poi via via fino all’età moderna, con le sue contraddizioni e deflagrazioni.

 

Ma così sarebbe forse ancora troppo poco, per il genio di Zevi, e dunque il volume è completato da un’arguta rassegna di interpretazioni dell’architettura, oltre che da un capitoletto conclusivo intitolato Per una storia moderna dell’architettura. L’esortazione, condotta in punta di penna, è quella a una storia dell’architettura che riprenda in mano, una buona volta, passione e coraggio.

 

Da recuperare.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.