Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Saggio (da) ritrovare – 3: “Vita di Edgar Allan Poe” di Julio Cortázar

Edgar Allan PoeEdgar Allan Poe è stato, come lo sono stati Isaac Asimov e Stephen King, uno dei miei primi amori letterari: quella che oggi si direbbe narrativa di genere, in Poe, è freudiana prima e oltre Freud, e tanto psicologica, quanto materica, perciò di tale attualità.

 

Credo che Poe avesse la capacità di scandagliare non tanto la paura in sé, quanto la paura di avere paura, più antico, anzi ancestrale, timore dell’essere umano. E proprio all’insegna dell’ignoto che pervade non solo l’opera, ma anche la vita, di Edgar Allan Poe, si muove un’agile biografia che Julio Cortázar, scrittore argentino del novero dei cosiddetti “rioplatensi”, ha dedicato all’autore di opere come Berenice o Il crollo della casa Usher.

 

Le partizioni sono delle più classiche: Infanzia, Adolescenza, Giovinezza, Maturità, Finale. Dalla nascita, a Boston, nel gennaio del 1809, al ritrovarsi orfano prima di aver compiuto i tre anni, da John Allan, suo “protettore”, fino al trasferimento in Scozia e dopo in Inghilterra, per poi rientrare negli Stati Uniti. Accompagnati da Cortázar, osserviamo Poe vivace adolescente, poeta alle prime armi, poi studente brillante. Più avanti, a carriera avviata e con un nome nei circoli di Boston, lo troviamo, nella seconda metà degli anni Trenta dell’800, già provato dalla miseria e caduto nel vortice dell'alcol. Vita grama, ma non priva di felicità, come per esempio nell’affetto per la cugina Virginia, che sarà sua moglie nel ‘36, salvo morire nel ‘46, consumata dalla tubercolosi; anche, vita conclusa in miserie e solitudine, in preda al delirium tremens.

 

Cortázar scruta con curiosità e pietas il “suo” Poe; e questi, a sua volta, attraverso le opere ci parla ancora da un misterioso regno delle ombre, come il protagonista del racconto La verità sul caso di Mr. Valdemar.

 

Da recuperare.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.