Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Corso online di Scrittura Creativa

Rudyard Kipling, lo scrittore dai mille volti

Rudyard Kipling, lo scrittore dai mille voltiRicorrono oggi i 150 anni dalla nascita di Rudyard Kipling (Bombay, 30 dicembre 1865 – Londra 18 gennaio 1936). Ma cosa spinge a celebrare un artista in occasione di un anniversario? Le ragioni possono essere tante e ciascuno può scegliere quella che più gli aggrada o ritiene consona per sé, anche in relazione al tipo di vincolo che lo lega al personaggio in questione: semplice reminiscenza, magari dei tempi della scuola, riconosciuta popolarità o artista d’elezione.

Senza proporre inani gerarchie, si potrebbe affermare che più che l’uomo (o altrimenti la donna) in sé, è quello che ha lasciato al mondo che ci invita a ricordare: la vita è nella memoria che si deposita come un patrimonio nelle esistenze degli altri e l’arte è la sublimazione di questa eredità, ancor più del Nobelvinto nel 1907 a poco più di 40 anni.

Se ne Il libro della giungla (1894, seguìto da Il secondo libro della giungla, 1895) si raccolgono veri e propri apologhi sull’età dell’innocenza rappresentata da Mowgli, accettato dalla società degli animali proprio per il suo essere “uomo naturale” più che “uomo primordiale” e l’eco dell’etica roussoiana, nell’antitesi stato di natura/stato di cultura non è troppo remota, è pur vero, tuttavia, che la componente avventurosa filtra una morale altrimenti oziosa e finanche dogmatica che ripudia per l’ennesima volta la corruzione della moderna società industriale.

Se Capitani coraggiosi (1897) è, in fondo, un inno al duro lavoro come ricompensa della vita stessa (l’equipaggio della We’re Here salva il giovane Harvey da se stesso, dall’indolenza e dall’inettitudine di una ricchezza materiale disconnessa da un reale obbligo di responsabilità spirituale e morale), è altresì evidente l’impressione prodotta dal soggiorno negli Stati Uniti, con l’esaltazione dei principi legati alla forza attiva, della dottrina de «l’uguaglianza di condizioni» tipica del pensiero fondante la società americana, almeno secondo il giudizio di uno tra i suoi maggiori estimatori, Alexis De Tocqueville (1805-1859).

Rudyard Kipling, lo scrittore dai mille volti

Se L’uomo che volle farsi re (1888) e le altre novelle (ricordiamo, tra le altre, i racconti per l’infanzia di Storie proprio così, 1902) hanno il sapore caratteristico degli exempla e un fondo non troppo dissimulato di didatticismo, non è comunque possibile trascurarne la vitalità e lo humor che porta il narratore ad apparire spesso come persona e non solo funzione narrativa. L’ideale a cui questi racconti sembrano tendere naturalmente è una sintesi tra la vivacità del racconto orale, intriso di “color locale” e il realismo del metodo, con la scelta di situazioni e soggetti tipizzati, mostrando il colonialismo anglosassone in Oriente attraverso un repertorio di eroi più o meno quotidiani, più o meno cinici, più o meno consapevoli delle conseguenze delle proprie azioni e sogni di grandezza.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Se Kim (1901) è un classico del genere picaresco, una sequela di bozzetti che raccontano l’India dove l’autore è nato e cresciuto, per mezzo delle peripezie dell’orfano fanciullo attraverso la regione in compagnia di un lama, l’obliquità del taglio del racconto non diminuisce la finezza nel tratteggiare la variegata fisionomia dei popoli, della cultura e delle religioni, delle superstizioni, leggende e tradizioni offerte dal subcontinente indiano.

Se la teoria del fardello dell’uomo bianco (The white man’s burden, dal titolo di una delle sillogi di Kipling, The Five Nations, 1899), secondo la quale la colonizzazione è una necessità del più civile Occidente rispetto all’anacronistico Oriente, appare oggi quanto meno opinabile, se non proprio confutabile tout court, bisogna nondimeno considerare, più che la dominante influenza del darwinismo sociale, la cornice intellettuale della formazione dello scrittore, una cornice che non può ancora prescindere dal garantire al quadro del colonialismo, su cui l’Impero britannico si erge, un presupposto di tipo mistico.

Rudyard Kipling, lo scrittore dai mille volti

Se Kipling è riconosciuto come uno dei propulsori del racconto d’avventura («potere dell’osservazione, originalità dell’immaginazione» cita la motivazione ufficiale del conferimento del Nobel), è allo stesso che si deve il conio del termine Janeite, vocabolo iconico per schiere di devote lettrici austeniane. 

Se da una parte la sua liricasprigiona un’espressività molto vicina al dannunzianesimo, con l’esaltazione delle macchine e la modernità cantata con piglio appassionato, questi celebri versi:

 «[…] Se saprai parlare alle folle senza perdere la tua virtù,

O passeggiare con i Re rimanendo te stesso.
Se né i nemici né gli amici più cari potranno ferirti.
Se per te ogni persona conterà, ma nessuno troppo.
Se saprai riempire ogni inesorabile minuto,

Dando valore ad ognuno dei sessanta secondi.
Tua sarà la Terra e tutto ciò che è in essa,

E — quel che più conta — sarai un Uomo, figlio mio!»

…valgono da soli più di un Nobel, sintetizzando ogni ragione per ricordare, seppur sommariamente, Rudyard Kipling a 150 anni dalla nascita, un poeta e uno scrittore dai mille volti ma dall’eredità artistica unica e peculiare. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Brava! Finemente costruito questo articolo. Dal terzo capoverso comincia con "Se" e termina con la più nota delle poesie di Rudy (per gli amici anglofili e appassionati di Letteratura Inglese). Se non l'hai fatto casualmente, è un capolavoro costruttivo. Quasi come "La storia infinita" di Ende. Brava!

Grazie Sfranz. Ma non rivelerò se la costruzione sia stata casuale o meno... :-) Posso solo ricambiare il complimento, perché anche l'interpretazione e la lettura sono un talento. E tu l'hai dimostrato.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.