Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

“Room”, il film che racconta che cosa c’è dentro e fuori da una stanza

“Room”, il film che racconta che cosa c’è dentro e fuori da una stanzaHa trionfato al Toronto Film Festival vincendo il Grolsch People’s Choice Award, è stato applaudito alla Festa del Cinema di Roma 2015, è stato candidato a quattro premi Oscar (film, regia, attrice, sceneggiatura non originale) e si è aggiuticato quello a Brie Larson come migliore attrive protagonista: Room, l’ultimo lavoro di Lenny Abrahamson, esce finalmente nelle sale italiane (giovedì 3 marzo). Dopo aver diretto Michael Fassbender in Frank, dove dell’attore non si vede mai il viso, il regista irlandese firma una pellicola che, fra le altre cose, insiste sulle geografie dei volti dei personaggi e sulle loro possibilità narrative.

Room porta sullo schermo il romanzo Stanza, letto, armadio, specchio (Mondadori), della dublinese Emma Donoghue, che racconta di una madre (Ma’) e di suo figlio (Jack), segregati dentro una stanza da Old Nick, l’uomo che sette anni prima ha rapito la donna. Il bambino è nato lì dentro e ha cinque anni. Non sa nulla di quello che c’è fuori, conosce solo una porzione di cielo (quella che il lucernaio ritaglia per loro) e pensa che la televisione sia un mondo a parte. Quando di sera Old Nick viene a trovare Ma’, Jack viene nascosto nell’armadio dove c’è un piccolo giaciglio.

“Room”, il film che racconta che cosa c’è dentro e fuori da una stanza

La donna ha fatto di tutto per rendere la vita di Jack in qualche modo sostenibile (Jack corre, legge, disegna, cucina una torta per il suo compleanno, sogna di avere un cane, gioca con un topolino, guarda Dora alla televisione e chiama per nome tutti gli oggetti della stanza). Ma’ ha composto per lui una narrazione continua, definendo ogni giorno, con le parole, un universo possibile per il suo bambino. Fino a che, un giorno, la stanza diventa davvero troppo stretta e non rimane che un tentativo disperato di fuga.

 

LEGGI ANCHE – Come scrivere una sceneggiatura

 

Da questa vicenda, Lenny Abrahamson riesce nella difficile impresa di ricavare un film misurato, sottile, pieno di spunti di riflessione e di intuizioni estetiche. L’opera è divisa in due atti, entrambi scritti e girati con sapienza e misura.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

La drammaturgia si svolge a più livelli. Ci sono le parole della sceneggiatura, ben orchestrata (la scrittrice Emma Donoghue ha collaborato alla stesura, rendendo più duttile la lingua corposa e artefatta del romanzo). Ci sono le interpretazioni degli attori (Brie Larson e Jacob Tremblay su tutti, lui letteralmente straordinario). Poi ci sono gli spazi. Quelli nominati dalle parole, e quelli percorsi dai corpi. La stanza è più grande di come appare. Tutto significa qualcosa. È un film di dettagli: lo spigolo del lavandino, una superficie liscia oppure consumata, lo spazio dentro a un armadio. Questa insistenza sui particolari torna anche nella parte del film che si svolge fuori dalla stanza, a suggerire che di piccoli scorci, di frammenti si compone il mondo di ciascuno di noi.

“Room”, il film che racconta che cosa c’è dentro e fuori da una stanza

LEGGI ANCHE – “Nelle pieghe del tempo” di Madeleine L’Engle diventerà presto un film

 

In Room domina l’universo della visione, ma il film possiede anche una qualità sonora. C’è la musica commuovente del compositore Stephen Rennicks, e c’è la voce del giovane protagonista. Attraverso la voce, il suo mondo si struttura: è largo solo pochi metri, eppure, come dice lo stesso Jack, non ha confini. Vedere in lingua originale questo film di Lenny Abrahamson dà modo di sintonizzarsi sulla cantilena dei dialoghi madre figlio e sulle inflessioni del giovane attore, che sono una parte molto importante del film.

La bellezza formale di Room non si esaurisce in un esercizio di stile, e il senso di speranza che infonde non è posticcio. Riesce invece in quella possibilità recondita e sempre aperta dell’arte di produrre un effetto catartico.

“Room”, il film che racconta che cosa c’è dentro e fuori da una stanza

Lenny Abrahamson racconta di come l’uomo sia abitudinario, di come abbia necessità di routine emotive che lo guidino, di come queste abitudini formino il suo cervello. E di come il significato della parola libertà sia precario, costantemente aperto a una contrattazione antropologica.

«Ogni cosa ha due lati», dice a un certo punto Ma’ a Jack, quando decide di spiegargli che cosa ci sia oltre le pareti della loro stanza. Questa frase rimane come un viatico, e può far da guida alla seconda parte, quella della liberazione – che non è mai consolatoria, ma registra tutte le ambiguità del ritorno a casa delle vittime. I doppifondi dei rapporti umani.

“Room”, il film che racconta che cosa c’è dentro e fuori da una stanza

Room di Lenny Abahamson è un film di speranza e tratta delle grandi possibilità dell’intelletto umano di costruire un orizzonte di senso, ma d’altra parte è anche in grado di additare gli aspetti più contraddittori delle nostre relazioni e di sottolineare il valore abissale degli spazi in cui viviamo le nostre vite, un po’ dentro e un po’ fuori. Poiché ogni cosa, sembra dirci, ha almeno due lati.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)
Tag:

Commenti

La frase ".....a suggerire che di piccoli scorci, di frammenti si compone il mondo di ciascuno di noi" mi fa pensare che ognuno di noi è un grande mosaico di tante cose (emozioni, fatti, esperienze...) e che siamo tutti diversi nonostante "l'uomo sia abitudinario, di come abbia necessità di routine emotive che lo guidino".

Gentile estbi,

è proprio così. In effetti il film fa anche molto riflettere sui vari piani di cui si compone la nostra identità. Personale e familiare.
Se lo ha già visto, o lo vedrà, ci faccia sapere, se vuole.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.