Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Romanzo e sceneggiatura: le difficoltà di tale relazione in Italia

Romanzo e sceneggiaturaChi ama il cinema e chi aspira a cercare di scrivere per il cinema può incontrare tante difficoltà.

Soprattutto in Italia. Una prima difficoltà pratica è costituita dal difficile reperimento di sceneggiature scritte in italiano, contrariamente alle sceneggiature di film americani che sono invece reperibili in grande quantità direttamente su Internet. Questo primo ostacolo può certamente essere affrontato con lo studio dell’inglese.

Esistono però, almeno per le mie esperienze, altre difficoltà più complesse, legate a una certa arbitrarietà che in vari corsi viene usata nell’illustrazione dei concetti base e nelle definizioni coinvolte nella realizzazione di una sceneggiatura.

Le riflessioni che seguono traggono origine dalla mia esperienza personale ma sono anche il tentativo di raggiungere un certo grado di generalità con particolare riferimento al rapporto tra arte in generale, romanzo e sceneggiatura.

Scrivere per il cinema, con tutte le codificazioni che questo comporta (idea, soggetto, scaletta, sceneggiatura) e con tutti i vincoli formali e tecnici interni a ciascuna codificazione (idea in poche righe con precisa rappresentazione del tema centrale, soggetto senza alcuna descrizione psicologica dei personaggi e con verbi tutti al tempo presente, scaletta numerata con esatta successione delle scene, sceneggiatura con assoluta precisione di ogni rigo; precisione rispetto poi a che cosa non è chiaro, se è possibile dimostrare facilmente che grandi sceneggiatori scrivono con regole diverse rispetto a quelle insegnate nelle scuole e che le scuole stesse propongono regole diverse le une rispetto alle altre) costringe la mente a fermarsi e ripartire di continuo, bloccando, per poi pretendere che riparta successivamente, quel flusso naturale delle idee che chi scrive racconti spesso riesce a raggiungere.

Scrivere un romanzo è invece un'attività che può soddisfare molto la necessità del libero flusso delle idee di trovare naturale espressione nelle cose scritte.

Ricordo di aver ascoltato direttamente dallo sceneggiatore Giovanni Veronesi una definizione semplice, immediata, chiara ed estremamente precisa della differenza tra romanzo e sceneggiatura: "Il romanzo è uno sfogo, la sceneggiatura è una cosa tecnica". Giovanni Veronesi è oltretutto la persona più adatta per esprimersi su questo argomento essendo lui stesso, oltre che sceneggiatore di grande esperienza, anche fratello di uno dei più affermati scrittori contemporanei, Sandro Veronesi.

Dunque la sceneggiatura è una cosa tecnica. Non è arte. É casomai una delle basi tecniche su cui si poggia la settima arte, il cinema.

Ci sono insegnanti di sceneggiatura che pretendono di affermare che la sceneggiatura è una forma di arte. Niente di più assurdo secondo me. Loro insistono dicendo che "l'arte di sceneggiare" sarebbe basata sulla capacità di suggerire al regista, agli attori e agli altri soggetti coinvolti nella realizzazione del film, le scene da rappresentare.

Tuttavia le regole della sceneggiatura non sono affatto universalmente codificate.

Per verificarlo basta fare riferimento a indicazioni opposte o contrastanti proposte da diversi insegnanti. Qualcuno dice che è assolutamente necessario iniziare sempre con l’espressione inglese “fade in” altri che invece si tratta solo di una regola degli americani assolutamente da evitare. Certi insegnanti dicono che è una bestemmia assoluta scrivere in una sceneggiatura espressioni come “vediamo”, “si vede” quando invece anche in grandi sceneggiature vincitrici di oscar troviamo inequivocabili espressioni del tipo “we see” e così via.

Come può una codificazione così variegata suggerire senza equivoci a persone diverse le stesse immagini? La sceneggiatura, se ci fermiamo a questo punto del ragionamento, risulta casomai una tecnica mal definita e piena di lacune a tal punto da non poter costituire un insieme omogeneo di indicazioni e di strumenti base per una nuova disciplina. A mio parere quegli insegnanti di sceneggiatura che si scandalizzano nel vedere che non sono state rispettate alcune delle regole come quelle appena illustrate non hanno ben presente la differenza tra convenzioni e regole sostanziali e soffermandosi sulle prime perdono inevitabilmente di vista l’importanza delle seconde.

Ma andiamo avanti, supponiamo anche che la codificazione della scrittura per il cinema sia precisa, compiuta, senza equivoci e in grado di suggerire immagini senza equivoci come sostengono coloro che utilizzano espressioni come "l'arte di sceneggiare".

Se così fosse avremmo trovato il modo di suggerire alla mente delle immagini in modo univoco. Dunque il problema del rapporto tra mente e realtà che ha assillato la filosofia occidentale da Platone a Berkeley, da Cartesio a Kant sarebbe stato risolto. Inutile commentare.

Ma andiamo ancora avanti e cerchiamo di prendere per buona la definizione di sceneggiatura come arte e vediamo in che modo questa definizione può essere collocata rispetto a concezioni di arte eventualmente contrastanti e totalmente opposte tra di loro.

Nel corso del Novecento una delle dispute può profonde sul concetto di arte è stata quella che ha coinvolto Croce e Pirandello.

Consapevole di non poter riassumere in poche righe i termini della questione, cercherò di dare almeno un'idea della differenza tra il grande filosofo e il grande scrittore su questo argomento. Per Croce l'arte è intuizione; dunque è un'attività immediata dello spirito.

Questa attività si realizza nell'espressione e l'espressione coincide con la conoscenza. Croce non ammette dunque nella sua concezione di arte l'attività della riflessione come del resto nessun’altra attività che costituisca una mediazione tra l'intuizione e l'espressione dello spirito. 

Sempre nell'ipotesi che la sceneggiatura sia una forma d'arte perfettamente codificata, vediamo subito che è impossibile trovare una corrispondenza tra la sceneggiatura e l'arte così concepita.

Se la sceneggiatura corrispondesse alla definizione di arte di Croce essa stessa non avrebbe alcun bisogno del cinema per trovare compiuta espressione e risulterebbe completamente e clamorosamente sbagliata la nota affermazione di Pasolini per il quale "la sceneggiatura è una struttura che vuol essere un'altra struttura".

Per Pirandello invece l'arte trova la sua forma più alta nella coscienza, la quale attraverso la riflessione conduce l'individuo a vedere oltre le sue prime impressioni, passando così dall'avvertimento del contrario al sentimento del contrario che coincide con l'umorismo.

Se la sceneggiatura corrispondesse alla definizione di arte di Pirandello allora dovrebbe permettere allo spirito di riflettere sulle basi generali indicate dal testo sceneggiato lasciando libertà al lettore di trovare nello specchio della propria coscienza il significato profondo di una situazione come nell'esempio della signora anziana truccata come se fosse una ragazza o nell'esempio della poesia del Giusti in cui la prima osservazione di soldati dell'esercito nemico suscita odio ma ad una più attenta riflessione si potrà comprendere la loro difficoltà, perché anche loro sono lontani da casa e di continuo al contatto con la morte.

Il riferimento è al saggio “L’umorismo”.

Bisogna anche notare che per passare al sentimento del contrario, Pirandello sostiene che la coscienza deve riflettersi non in uno specchio fisso e predefinito ma in uno specchio d'acqua con cui la coscienza dovrà entrare in contatto, in una contaminazione dinamica delle continue immagini che il movimento dell'acqua suggerisce, esprime e propone. Ma tutto questo presuppone una libertà interiore dell'individuo e richiederebbe una codificazione convenzionale poco rigida e anzi dinamica delle regole esterne della sceneggiatura. E questo è in contrasto con l'ipotesi di regole ben poste, codificate e precise.

Ci accorgiamo che la sceneggiatura così come viene proposta al giorno d'oggi non si accorda (e nemmeno si avvicina) né con la definizione di arte di Croce né con quella di Pirandello. Qualcuno potrebbe allora rispondermi che possono esistere altre definizioni di arte. Io rispondo di dirmi quali sono queste altre definizioni di "arte" che coincidono con la cosiddetta "arte di sceneggiare".

Sottolineo che è molto significativo che la sceneggiatura sia così lontana da concezioni di arte così diverse tra di loro come quelle di Croce e Pirandello e dovrebbe far sospettare che essa, in realtà, non è affatto arte.

Voglio forse concludere allora che la sceneggiatura allora non dovrebbe avere nessuna regola precisa e lasciare completa libertà alla coscienza? Chi avesse visto questa mia intenzione non è in grado di comprendere che le problematiche della libertà della coscienza e della definizione delle regole devono essere poste su piani completamente diversi e indipendenti.

La libertà della coscienza e l'attività creatrice dello spirito individuale devono essere sempre salvaguardate in qualsiasi forma di espressione. Questa affermazione riguarda la morale.

La necessità del rispetto generale di alcune regole di scrittura è importante per evitare l'anarchia della presentazione di una sceneggiatura e per fare in modo che un lavoro non venga subito scartato da un produttore o un regista. Questa affermazione riguarda la pragmatica, l'opportunità e non ha niente a che vedere con la morale.

Voglio ancora fare l'avvocato del diavolo di me stesso e delle mie affermazioni sopra proposte. Forse potrebbe venire in mente a qualcuno che io voglia sostenere che le regole troppo precise tolgono libertà all'espressione della coscienza e dello spirito e obiettarmi dunque: ma allora forse la poesia, suprema espressione dell'animo umano, non ha regole.

Io rispondo che la poesia ha regole ben precise e fondamentali eppure garantisce libertà profonda all'animo umano.

Ma aggiungo le seguenti considerazioni.

Le regole della poesia hanno avuto sviluppo millenario e dunque non sono il risultato di convenzioni estremamente recenti come quelle della scrittura per il cinema, arte che compie circa cent'anni.

Queste regole della poesia non sono uniche nelle forme e nell'organizzazione dell'espressione perché si sono modificate a seconda delle esigenze ma senza mai annullare le forme e le regole precedenti (l'esametro dattilico dell'Iliade corrispondeva ad esigenza espressive di quel periodo storico, ben diverse dall'endecasillabo della Divina Commedia; la terzina di Dante è il risultato di un processo culturale ben preciso, l'ottava dell'Ariosto risponde alle esigenze di rinnovamento stilistico del momento in cui questi si trovava a scrivere).

Molti insegnanti di sceneggiatura pretendono di proporre regole uniche e non mutevoli secondo il tempo o le esigenze. Se vengono fatte notare molte differenze tra grandi sceneggiatori loro rispondono che è l'eccezione che conferma la regola. 

La seconda considerazione riguarda il fatto che le regole della poesia sono chiare e precise. Non c'è possibilità di equivoco tra endecasillabo e pentametro, tra sonetto e ottava, tra canzone e sonetto. Inutile sottolineare che non è nemmeno paragonabile la cristallina chiarezza di questi "strumenti" metrici con l'approssimazione con cui sono definite la slug-line o il parentetical, il flash back, la voice off o la voce over.

Si può inoltre osservare che la poesia trova la sua naturale compiutezza nella lettura e nell'interpretazione. Essa non si esaurisce nel testo scritto. Possiamo notare che questo è vero anche per la sceneggiatura che trova la sua completa espressione nella realizzazione del film. Ma questo non fa che confermare che la sceneggiatura è la tecnica di base, sottostante al film; la struttura che vuol diventare un'altra struttura appunto.

Sarebbe forse possibile affermare che la poesia è solo tecnica? Assolutamente no. Anche il solo testo scritto è arte senza dubbio. Mentre però la poesia ha chiarito il tipo di rapporto che deve sussistere tra sua forma scritta e l'espressione interpretata del testo poetico (ed è un chiarimento dinamico che non si definisce mai in modo assoluto ma si rinnova dinamicamente a seconda del gusto e del periodo storico), il rapporto tra cinema e sceneggiatura non ha ancora raggiunto un livello di chiarezza analogo.

Prima ho parlato della differenza che secondo me esiste tra scrittura per il cinema e romanzo. In una sorta di ragionamento per isomorfismo vorrei paragonare la differenza tra questi due tipi di scritture alla differenza che in matematica esiste tra analisi di un fenomeno nel discreto e analisi di un fenomeno nel continuo. Apparentemente i due argomenti sono completamente diversi ma un confronto di questo tipo può essere fondamentale per comprendere la reale e comune problematica epistemologica.

Un matematico conosce la differenza che comporta la scelta di rappresentare un fenomeno con un'equazione alle differenze invece che con un'equazione differenziale. É consapevole che la scelta dell'uno o dell'altro strumento comporterà dei risultati finali diversi.

Dunque in questo caso la consapevolezza riguarda la differenza nei risultati.

Uno scrittore avrà ben chiara invece la differenza tra scrivere un romanzo e una sceneggiatura? Credo che questa sarà ben chiara sotto il profilo dei risultati. É evidente che se io apro una sceneggiatura e un romanzo sarò in grado di capire qual è la sceneggiatura e qual è il romanzo. Ma per quanto detto sopra c'è anche una differenza fondamentale che riguarda la mente di chi si dedica all'uno o all'altro tipo di lavoro. Nel primo caso una continuità dell'espressione, nel secondo una frammentazione del lavoro mentale. 

Dunque in questo caso la consapevolezza riguarda la differenza nei presupposti: cioè l'applicazione della mente dell'artista-cineasta al tipo di lavoro.

Questa mancanza di lucidità epistemologica è secondo me alla base di tanti orientamenti sbagliati in chi si occupa di sceneggiatura come nel caso di chi pretende di ricercare qualità letterarie in testi di cinema o in coloro che pretendono di valutare una sceneggiatura, talvolta e senza un principio preciso, con criteri tipici dell'espressione letteraria. Espressione quest'ultima completamente opposta rispetto alla scrittura per il cinema.

Avviandomi alla conclusione non posso non fare riferimento agli americani. Il cinema, bisogna ammetterlo, loro lo sanno fare. É interessante leggere testi sulla sceneggiatura di studiosi e sceneggiatori americani, come “Good Scripts, Bad Scripts” di Thomas Pope oppure“ The Tools of Screenwriting” di Edward Mabley e David Howard, quest’ultimo fondatore del corso di specializzazione in sceneggiatura della University of South California. É subito evidente che in questi libri il riferimento a tutta la letteratura occidentale é molto forte. Dalla “Poetica” di Aristotele a Lope de Vega, da Shakespeare a Turgenev è evidente la convinzione degli specialisti americani che per scrivere bene per il cinema bisogna conoscere bene la letteratura considerata come lo strumento fondamentale per creare delle ottime storie. Ed è sempre chiara la loro consapevolezza che sarebbe uno sbaglio tentare a tutti i costi di mantenere nella scrittura per il cinema lo stesso tipo di qualità espresso nell’opera letteraria.

Questi autori inoltre precisano senza possibilità di equivoci le regole della formattazione delle sceneggiatura e riescono ad esprimere la loro piena consapevolezza della differenza tra regole sostanziali e convenzioni.

É la stessa chiarezza delle parole di Giovanni Veronesi.

Gli americani inoltre hanno elaborato schemi e paradigmi generali entro i quali uno sceneggiatore o aspirante tale può muoversi con quella flessibilità fondamentale per chi si sente creativo senza rinunciare ai punti fermi di base della disciplina. Syd Field e Michael Hauge sono autori importantissimi in questo senso.

Purtroppo in Italia questo atteggiamento di chiarezza che non sfocia in inutili rigidità è patrimonio forse soltanto degli sceneggiatori affermati ma non delle scuole e dei corsi in generale.

Questa è la causa fondamentale, a mio parere, delle difficoltà in Italia incontrate da chi vuole imparare a scrivere per il cinema.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.4 (7 voti)
Tag:

Commenti

Molti spunti interessanti, grazie Davide.

Perché un testo teatrale (che è a tutti gli effetti una sceneggiatura), allora, può essere considerato di profonde qualità artistiche, mentre una sceneggiatura cinematografica è un affare tanto grezzo, tanto "incolto"?

Colgo l’occasione per avanzare qualche ulteriore riflessione cercando di rispondere alla domanda.

Non ho parlato della sceneggiatura come qualcosa di incolto o di grezzo.

Ho parlato di una tecnica di base per il cinema che, a mio parere, almeno in Italia non ha raggiunto lo stesso grado di chiarezza e di coerenza interna che invece è possibile riscontrare leggendo molte sceneggiature di film americani e tanti libri di esperti americani.

Considerando la sceneggiatura come tecnica di base della settima arte, essa non viene affatto sminuita.
Per dimostrarlo sono possibili tanti esempi tratti anche dalla vita quotidiana o dal mondo che ci circonda.

Consideriamo un fiume. Alla sorgente non sarà che un rigagnolo, un ruscello che quasi a fatica delinea il proprio corso in mezzo ad alberi o rocce e forse in qualche punto sarà persino difficile da individuare per la vegetazione rigogliosa o la complessità delle forme assunte dal territorio.
Alcuni chilometri dopo quel rigagnolo sarà già un torrente di medie dimensioni, bello da vedere, ricco di alcune forme di flora e fauna.
Molti chilometri più avanti sarà probabilmente un fiume dalla grande portata con possibilità, forse, di navigazione, con la potenza e la profondità di un importante flusso d’acqua. Per analizzare il fenomeno nel suo complesso e comprenderlo non avrebbe senso dire che il rigagnolo è banale o rozzo e il torrente e il fiume sono importanti e fondamentali. Senza il primo non ci sarebbero i secondi. Per comprendere il fenomeno nel suo complesso è invece importante studiare e capire il rapporto che lega il rigagnolo, il torrente e il fiume anche perché è dal rapporto reciproco che li caratterizza che emerge la loro identità, il loro significato intrinseco e la possibilità di spiegarne l’andamento. Questo era un esempio di natura quantitativa.

Consideriamo un altro esempio. Quello di un automobile. Quando entriamo in macchina probabilmente troveremo dei sedili abbastanza comodi, un cruscotto ricco di strumentazioni, luci utili per indicare la situazione del motore, un cambio comodo da usare. Se però pensiamo a quello che c’è sotto di noi, dovremo immaginarci ingranaggi sporchi di grasso, cuscinetti sottoposti a tensioni meccaniche, odori sgradevoli di olio, di carburante e di fumi di scarico.
Non avrebbe alcun senso dire che nell’abitacolo ci sono oggetti e strumenti raffinati ed eleganti e che nella parte del motore e dello scarico ci sono invece oggetti grezzi. É nel loro rapporto che si definisce la loro reciproca identità.
Se non ci fosse la parte meccanica, l’abitacolo elegante e sofisticato non avrebbe potuto essere realizzato; senza gli strumenti elettronici che coadiuvano la guida i mezzi meccanici non potrebbero rendere e funzionare efficacemente.
Questo era un esempio di natura qualitativa.

Come negli esempi precedenti le caratteristiche della sceneggiatura possono emergere correttamente solo in modo dinamico nel rapporto con gli altri aspetti e le altre fasi della realizzazione di un film: con la regia, la scenografia, la fotografia, ad esempio.
Ma se vengono perse di vista le regole sostanziali a favore di convenzioni o si finisce col parlare di filosofia dell’arte, capire il ruolo della sceneggiatura diventa davvero difficile.

Fondamentale è invece concepire, come sosteneva Pasolini, la sceneggiatura come una struttura che vuol essere un’altra struttura, un rigagnolo che vuol diventare un torrente che poi si appresta a essere fiume, un motore che esprime tutte le sue potenzialità attraverso gli strumenti a disposizione del guidatore nell’abitacolo.

Ora la questione è questa: la sceneggiatura per come viene insegnata e diffusa in Italia (escludendo specialisti e professionisti affermati, perché mi riferisco alla diffusione generale, ai canali di fruizione mediamente accessibili a tutti gli interessati ) ha raggiunto un grado di definizione della propria identità nel senso sopra illustrato?
Secondo me no. E purtroppo una conferma sta anche nella stessa domanda dell’anonimo e gentile commentatore.
Se infatti per negare il carattere grezzo e incolto di una forma di espressione e rappresentazione, come la sceneggiatura appunto, si è concettualmente obbligati a farla corrispondere ad un'altra forma di espressione e rappresentazione, quella teatrale, implicitamente si è dimostrata la difficoltà a individuarne la precisa identità e dunque la funzione in rapporto alle altre funzioni coinvolte nella realizzazione di un film.

Per concludere, sono assolutamente d’accordo nel negare il carattere grezzo e incolto della sceneggiatura (e infatti nell’articolo non l’ho detto); non sono invece d’accordo con la modalità di tale negazione.

Nell’articolo volevo invece sottolineare che questa identità è espressa in modo molto più maturo (e dunque più chiaro anche agli aspiranti sceneggiatori) nella trattazione degli autori americani: più vicini alle regole sostanziali che non a convenzioni formali o a disquisizioni astratte sulla sceneggiatura come arte.

D a v i d e E c a t t i

Grazie...Davide per i tuoi spunti!

La sceneggiatura è arte allo stato puro e la tecnica è visiva. La differenza tra un romanzo scritto e una sceneggiatura cinematografica è che scrivi con immagini visive e non a ruota libera ma il valore che dai alle immagini, alla storia e al risvolto psicologico dei personaggi è completa creatività! In pratica è come se mentre le tue mani scrivono tu vedi il tuo film proiettato su un televisore e devi emozionare il pubblico quanto un romanzo. Chi è scrittore non è sceneggiatore e viceversa sono due professioni completamente diverse, poi ci sono persone che sono in grado di fare entrambe le cose e tanto di cappello... entrambe creative! Ti consiglio di scrivere un film prima di giudicare...

Salve Paula,
grazie per il tuo commento. Mi permetto di dare del tu per reciprocità.
Per quanto riguarda il tuo consiglio, ti confermo di averlo già seguito avendo scritto più di una sceneggiatura. Solo per fare un esempio:
“ Selezionati i finalisti del Premio “Cinema e Letteratura” Mauro Bolognini
Finalmente completato, con grande fatica e altrettanta soddisfazione, l’esame dei numerosissimi lavori che erano pervenuti per questa prima edizione del Concorso. La qualità complessiva ci è parsa molto buona, cosa che naturalmente fa piacere ma complica il compito di chi deve operare la selezione. Alla fine quella indicata qui di seguito risulta la scelta della Direzione Artistica, che ha ristretto la rosa dei finalisti a dieci sceneggiature:
• Simona Baldelli, Una settimana (da Le tribolazioni di un cinese in Cina di Jules Verne)
• Luciano Carradori, Perché (dal romanzo omonimo dello stesso sceneggiatore)
• Roberto Costa, L’età del fuoco (da Paesi tuoi di Cesare Pavese)
• Francesco De Luca, Il dono (da The gift di Cecelia Ahern)
• Davide Ecatti, Ragazze cattive (dal romanzo omonimo di Joyce Carol Oates)
• Francesco Gabbrielli, Non so (dall’omonimo romanzo di Lorenzo Licalzi)
• Benedetto Mortola, Il buco (da Un nemico del popolo di Erik Ibsen e, idem, di Arthur Miller)
• Massimiliano Schiavoni, Chiamami Fred (da L’inquilino di Marco Vichi)
• Stefano Turrini, Verso il mattino (ispirato a Della infanticida Maria Farrar di Bertolt Brecht)
• Grazia Villani e Caterina Pani, Sorelle maestre (da Prima della quiete di Elena Gianini Belotti”
Tuttavia devo risponderti che la mia posizione sul rapporto tra romanzo e sceneggiatura non è affatto un giudizio tout court ma un’ argomentazione lunga, articolata. Condivisibile o meno, naturalmente.
(segue)

Viceversa il tuo è un vero giudizio non basato su argomentazioni di sostanza come cercherò di mostrare.
La tua frase
“La sceneggiatura è arte allo stato puro e la tecnica è visiva”.
è una pura affermazione di principio, non vedo una tesi che la sostiene nelle tue parole che seguono. E questa affermazione crea esattamente quel tipo di confusione nella definizione di sceneggiatura contro la quale mi sono espresso nell’articolo.
Ma vediamo meglio i singoli aspetti.
Tu definisci la sceneggiatura come arte, poi per definire la tecnica che fa riferimento a questa forma di arte usi un aggettivo “visiva”. Questo già crea un’alea di vaghezza. Che cosa dobbiamo intendere per tecnica visiva?
Provo a pensare che la “tecnica visiva” faccia riferimento alle immagini.
Adesso mi soffermo sul rapporto tra tecnica di base e arte. Credo che sia doveroso ammettere che nella realizzazione di un lavoro artistico la tecnica è la base, è qualcosa che viene prima, che precede, che consente la realizzazione dell’opera d’arte: la tecnica dell’uso degli scalpelli per realizzare una scultura, la tecnica della preparazione dei colori e dell’uso dei pennelli per la pittura, la tecnica di respirazione e recitazione per la parte di un attore o un’attrice in un film.
Con la tua frase hai affermato che le immagini sono la tecnica di base della presunta arte di sceneggiare. Ma in questo modo viene clamorosamente invertito il rapporto tra sceneggiatura e realizzazione finale: il film, il cinema in quanto tale.
(segue)

E’ ovvio che lo sceneggiatore dovrà lavorare avendo presente le immagini, le scene che sta scrivendo (cercando di trasmettere emozioni, costruendo situazioni avvincenti etc..); così lo scultore avrà in mente la figura della statua che intende realizzare, il pittore dovrà avere ben chiara l’immagine che vuol realizzare sulla tela.
Ma non è possibile sostenere che le immagini che l’artista si prefigura sono la tecnica che gli consente di lavorare. Esse sono l’obiettivo per cui lavora.
La tecnica per la scultura è l’insieme delle modalità d’uso degli attrezzi per realizzare una statua, la tecnica per la pittura è l’insieme dei modi di preparazione del colore e di una tela.
La tecnica di base fondamentale per il cinema è appunto la sceneggiatura.
Altrimenti dovremmo concludere secondo un’inversione logica chiaramente assurda che il cinema e le sue immagini sono la tecnica di base per la sceneggiatura come arte.
(segue)

Infine una riflessione tra “arte” e “creatività”.
Che cosa è l’arte? Riconosco che la risposta è difficile, difficilissima.
Ma a mio parere non è possibile definire un’attività come forma d’arte solo perché quell’ attività comporta e richiede un alto grado di creatività. Così facendo cadremmo in un arbitrio assoluto.
Innanzitutto perché quasi tutte le attività umane sono suscettibili di essere realizzate con grande creatività. Anche le più semplici, le più quotidiane. Ma non tutte sono arte.
In secondo luogo perché facendo coincidere arte con creatività, si rischia di far dipendere il riconoscimento di un’opera d’arte dal livello di creatività del soggetto che le ha realizzate.
Quando la creatività raggiunge livelli straordinari ed eccelsi, allora siamo davanti al genio: Dante, Leonardo…
Ma non è possibile sostenere a priori che sotto un certo livello di creatività una certa opera non è più arte. Ci sono tante opere enormemente inferiori alla Divina Commedia in termini di creatività che sono pur sempre ancora arte.
Concludo con una nota. Il sottoscritto ama la sceneggiatura. E’ proprio per certe definizioni confuse che ho incontrato in Italia all’inizio del mio percorso di formazione che ho voluto indagare la concezione della sceneggiatura nel mondo anglosassone. E lì ho trovato molta più chiarezza(esempio: http://www.sulromanzo.it/blog/a-proposito-di-sceneggiatura-intervista-ad...)

Come fai a prendere come esempio gli sceneggiatori americano quando i loro dialoghi sono a dir poco penosi! Noi italiano siamo sempre pronti ad incensare gli americani per qualsiasi campo artistico o tecnico e criticare invece qualsiasi prodotto italiano:l'americanismo è ancora molto forte dal dopo guerra in poi! I dialoghi americani sono triti, poveri di significato e a volte mi fa rabbia sentire come i personaggi non sanno esprimere i propri sentimenti o spiegare decentemente un fatto accaduto o rispondere convenientemente ad una semplice domanda:o tutti gli americani sono analfabeti e gli sceneggiatori sono veramente così ignoranti letteralmete da non saper usare le parole giuste?

Sono Davide Ecatti. Sto avendo qualche difficoltà tecnica a rispondere. A presto. Auguri

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.