Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Romania, mon amour. In Sardegna tra libri e tradizioni

Romania, mon amour. In Sardegna tra libri e tradizioniAlbum da disegno (Aisara Edizioni), Caiet de desen il titolo originale, di Adrian Chivu, traduzione italiana di I. M. Pop, è un dramma che si propaga in più direzioni. Un ragazzo il protagonista. Amore incestuoso e una gravidanza come risultante, amore tra una donna matura e un giovane, la storia di una vittima di violenze fisiche da parte di una donna anziana sul nipote. E il protagonista è sempre un ragazzo. Un ragazzo e la sua malattia. E i disegni. I suoi. Dipinti in cui si racconta, esorcizza, allontana i propri demoni. Come la convinzione, penetrata nella mente per mano della nonna materna, di essere la causa del divorzio tra i genitori. Per diverse pagine il narratore gioca abilmente con il lettore. La nonna viene uccisa dal ragazzo e il cadavere è nascosto in un luogo dove egli spesso si rifugia. O meglio: la nonna viene uccisa dal ragazzo e il cadavere nascosto? O forse il ragazzo racconto un nuovo dipinto? Risposta che vi lascio scoprire assieme al romanzo.

Non da meno La casta dei suicidi (Aisara Edizioni), in romeno Circul nostru va prezinta:, di Lucian Dan Teodorovici, traduzione in italiano I.M. Pop. Personaggi senza nome e con identità incerte, sui quali il lettore apprende solo ciò che il narratore vuole rivelare. Tutto il resto lo si scopre grazie alla suggestione, emerge dal desiderio di mostrare che sotto il paesaggio grigio gli eventi scottano. “La prosa di Teodorovici lascia l’impressione di una lava appena raffreddatasi”, si legge sui siti romeni in relazione allo stile dell’autore. Non lo si potrebbe dire meglio. E mentre si entra in contatto con lo stile lavico di Teodorovici, si scopre una trama altrettanto originale. Un’illusione accomuna i personaggi: la certezza che, se non oggi, domani si suicideranno. Viene dipinto così un insieme di esistenze assurde, che in ultima analisi, però, si mostra come appartenente a tutti noi.

Cosa condividono questi due romanzi, oltre a provenire dalla Romania e in italiano dalla stessa traduttrice? Ebbene condividono il panorama di un evento culturale nato con un obiettivo che ha il sapore della missione: Romania, mon amour. Alla seconda edizione, nelle terre sarde, l’evento ha riscosso un notevole successo di partecipazione sia da parte del pubblico italiano sia romeno. E la missione (impossibile?) dell’evento è quella di far avvicinare i due mondi.

Il momento più emozionante? – ho avuto il piacere di poter domandare all’organizzatrice dell’evento, Gabriella Pascaru Bisi. «Sono stati numerosi i momenti addirittura commoventi. Uno è sicuramente quello in cui i romeni presenti hanno eseguito il ballo in tondo (hora, danza tradizionale romena di forte impatto visivo, ma anche sentimentale per gli autoctoni, ndr.) con le lacrime agli occhi. Alla stessa stregua, i diversi momenti in cui gli italiani mi sono venuti incontro per dirmi entusiasti di aver scoperto un altro lato della Romania che ha il sapore d’Italia, in un certo senso, e sicuramente diverso da quello che i mass media lasciano trasparire.»

Non solo letteratura protagonista dell’evento, quindi, ma anche le tradizioni romene, fotografie, esposizione di materiale proveniente dal Museo del Villaggio, ceramiche, uova dipinte, musica e abiti tradizionali. E una storia di vita: un signore nato settant’anni fa a Bucarest da mamma “taranca’’ (contadina), come si è definito egli stesso, e padre italiano. Una storia commovente: il signor Sandro si è rivolto agli astanti in lingua romena benché l’ultima volta quando è stato a Bucarest aveva solo 17 anni.Un episodio che non ha bisogno di commenti e interpretazioni ulteriori.

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.