Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Roberto Saviano: ecco perché continuo a scrivere

Roberto Saviano: ecco perché continuo a scrivereSono trascorsi dieci anni da quando per Roberto Saviano, dopo la pubblicazione di Gomorra (Mondadori, 2006), è iniziato un periodo molto particolare. A un riconoscimento pubblico senza pari per la sua opera di denuncia e il suo coraggio si è subito affiancato un periodo di grande isolamento non solo morale ma anche fisico. Saviano finisce sotto scorta. È lo stesso scrittore a ricordare, in un articolo su «La Repubblica», come il maggiore dei carabinieri Ciro La Volla lo abbia informato della necessità di proteggere la sua persona con l’affiancamento costante di una squadra di carabinieri:

«Non dimenticherò mai le sue parole. Cercava di non spaventarmi, cercava di dare una comunicazione tecnica, ma lui stesso aveva la voce preoccupata: mi avvertiva che sarei stato messo sotto protezione. Quando vennero a prendermi, chiesi: "Ma per quanto?". E un maresciallo rispose: "Credo pochi giorni ". Sono passati dieci anni».

 

Dieci anni che Saviano prova a ripercorrere con precisione, non tralasciando un accenno ai momenti bui, ma soffermandosi soprattutto su chi si è occupato di lui per permettergli di continuare con le sue denunce a rendere chiare cose che spesso all’opinione pubblica sfuggono:

«Fare una sintesi di questi anni è difficilissimo, le prime parole che mi sento di spendere sono tutte di gratitudine per i carabinieri che mi hanno scortato ogni giorno, così come per gli ufficiali che li hanno coordinati. Ho vissuto con i carabinieri gran parte del tempo.

Ho visto il loro impegno, i sacrifici, le attenzioni, che in questo momento vorrei omaggiare. Sono diventati per me una famiglia, spesso le loro caserme mi hanno accolto».

 

LEGGI ANCHE – Roberto Saviano: riflessione sulla sua letteratura

Roberto Saviano: ecco perché continuo a scrivere

Nonostante tutte le minacce, nonostante la mancanza di libertà, nonostante la protezione diventi ben presto una limitazione del diritto alla vita privata, Saviano riconferma la sua forza e determinazione ad andare avanti con le sue denunce, con la forza delle sue parole:

«Eppure, nonostante tutto, quello che oggi mi sentirei di gridare loro in faccia è: non ci siete riusciti! Non siete riusciti a ottenere quello che volevate. Non mi sono fermato, non mi sono piegato, anche se più volte mi sono spezzato. Ma se c'è una cosa che insegna questa lotta che ho intrapreso con l'arma più fragile e potente che esista, la parola, è che proprio quest'ultima può di volta in volta rimettere insieme ciò che è andato in frantumi. Esattamente come scrissi dieci anni fa in Gomorra: "Maledetti bastardi, sono ancora vivo!"».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Se Saviano non si è arreso, proseguendo a scrivere e a denunciare, a noi non resta che continuare a leggerlo, accettando la sfida che le sue parole ci pongono e di cui Saviano stesso è consapevole:

«È come se chi scrive di mafia mettesse in difficoltà il lettore. È come se si innescasse un senso di colpa nel lettore che si chiede: e io dov'ero mentre accadeva questo? Io che faccio?».

 

E per chi non sapesse da quale delle sue opere cominciare, forniamo qui di seguito una lista dei libri scritti da Saviano:

 

LEGGI ANCHE – Saviano visto dal Brasile?

 

Gomorra. Viaggio nell'impero economico e nel sogno di dominio della camorra, Mondadori, 2006

Roberto Saviano: ecco perché continuo a scrivere

*****

La bellezza e l'inferno. Scritti 2004-2009, Mondadori, 2009

Roberto Saviano: ecco perché continuo a scrivere

*****

La parola contro la camorra, Einaudi, 2010

Roberto Saviano: ecco perché continuo a scrivere

*****

Vieni via con me, Feltrinelli, 2011

Roberto Saviano: ecco perché continuo a scrivere

*****

ZeroZeroZero, Feltrinelli, 2013

Roberto Saviano: ecco perché continuo a scrivere

*****

La paranza dei bambini, Feltrinelli, 2016

Roberto Saviano: ecco perché continuo a scrivere

*****

A noi non resta che tenere alta l’attenzione sui temi posti da Roberto Saviano e, perché no, dimostrargli che siamo in grado di accettare la sua sfida.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.