Interviste a scrittori

Curiosità grammaticali

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

“Riot”: la violenza è un gioco?

RiotRealizzare un videogioco che parli di proteste e rivolte: questa è l’idea che, circa sei mesi fa, è venuta a Leonard Menchiari, regista, animatore, esperto di visual effects.

 

Menchiari ha deciso di dare avvio al progetto Riot avendo visto le proteste dei NO TAV, da un lato, e le vicende che abbiamo ormai imparato a chiamare “Primavera Araba”, dall’altro.

 

Stando alle immagini e al video ufficiale rilasciati, Riot, che sarà disponibile per Pc, Mac, iOS, Android e OUYA, ci metterà di fronte alla possibilità di scegliere se stare dalla parte dei manifestanti, o da quella delle forze dell’ordine, in numerosi scenari diversi e con precise missioni da portare a termine.

 

Nel team di sviluppo anche il designer Mattia Traverso, il quale ha dichiarato che l’obiettivo principale dell’opera (perché non chiamarla così?) è permettere al giocatore di “capire” cosa significa stare da una parte o dall’altra. Un “documentario interattivo” nelle intenzioni degli autori; ma, ci chiediamo, è possibile narrare la dialettica della protesta? La risposta migliore, immaginiamo, dovrebbe essere: sì e no.

 

, perché se c’è un mezzo artistico che possa rendere conto di certi fatti, da un punto di vista “immersivo”, quello è proprio il videogioco, al pari, se non meglio, del cinema.

No, perché si rischia di appiattire i concetti, i diritti, le rivendicazioni, sull’azione, rischiando in questo modo di banalizzare notevolmente.

 

Ad ogni modo, qualcosa di veramente importante c’è: in un momento storico in cui si parla di realtà aumentata, videogiochi sociali, web semantico, le forme del “racconto” conoscono nuove necessità, e dunque si mescolano, diventano ibride, crossmediali.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.