Corso online di Scrittura Creativa

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Ricordi che emergono dalla nebbia. I racconti di Leonardo Sinisgalli

Ricordi che emergono dalla nebbia. I racconti di Leonardo SinisgalliPuntata n. 103 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Con la complicità dei sogni, io e Silvio avremmo potuto forse guardarci ancora negli occhi, con bontà, con dolcezza come ci raccomandavano i confessori (perché era il nostro solo peccato e, ogni settimana, per accostarci alla balaustra della cappella a ricevere in corpo anima e sangue Gesù Eucaristico, bisognava minuziosamente raccontare tutti i nuovi episodi di quella mostruosa guerra). Proprio in quegli anni io mi accorsi che la mia vista si affievoliva; la immagine di Gesù Crocefisso, in cima all’altare, diventava ai miei occhi irriconoscibile. Pensai che fossero i fumi dell’incenso a cancellarla o la distanza dei nostri banchi, le ultime file, perché davvero a tutti erano cresciute le gambe. Ricordavo di averla vista quell’immagine tante volte e mi struggevo di non riconoscerla più, e di essere punito così dolorosamente.»

 

La memoria è uno strumento delicato, è un luogo incerto dove si rischia spesso di inciampare; ma al contempo, se maneggiata con cura, la memoria può essere dolce, può essere come una carezza, come una coccola.

Ricordi che emergono dalla nebbia. I racconti di Leonardo Sinisgalli

Dai ricordi possono tornare indietro le voci e i volti, i passi e i sospiri, possono tornare indietro le vacanze, gli anni della scuola, i compagni e i vecchi amori; luoghi, volti, persone, la terra natia, i gesti che ci hanno portato verso la maturità. Ci sono momenti che spezzano le ossa, altri momenti che fanno da colla e riescono a rimettere insieme i pezzi, ci sono buchi neri che nessuno riuscirà mai a colmare e ci sono istanti di pace in cui tutto sembra fermo, immobile, anche se sotto gli occhi gli oggetti e gli eventi scappano via veloci come fossero fatti d’acqua.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Leonardo Sinisgalli è nato a Potenza nel 1908 ed è morto a Roma nel 1981. I Racconti sono stati pubblicati da Mondadori.

Ricordi che emergono dalla nebbia. I racconti di Leonardo Sinisgalli

Un volume, questo, che racchiude le tre raccolte di racconti di Leonardo Sinisgalli (poeta, narratore, saggista e traduttore). C’è tutto ciò che appartiene alla sua materia narrativa, racconti quasi del tutto autobiografici, fatti di accadimenti dolorosi o felici, fatti di amori e degli anni da militare. L’infanzia, la Lucania, i rapporti con gli altri artisti di quell’epoca romana.

«Non è la prima volta ch’io cerco di chiarire a me stesso il significato di una storia d’amore che ebbe breve durata negli anni della mia prima giovinezza. Devo dire che questa storia non ha avuto grande importanza per la mia vita, e perfino la memoria, spesso così curiosa e sorniona e dispettosa, non si è mai curata di ripropormela sotto l’aspetto sconcertante che indubbiamente essa venne ad assumere negli ultimi tempi, quando io vivevo in un’altra città, lontano dalla mia fidanzata. Avevo finito a Roma i miei studi universitari, avevo poco più di una ventina d’anni. Tolte le mie rare e frettolose visite alle Case di piacere di Via Baccina, di Via del Boschetto, di Via delle Frasche – case che avevo imparato a ritrovare alzando gli occhi sulle persiane sempre chiuse (gli sportelli erano legati da una caratteristica catenina di ferro) e abbassandoli sull’ingresso tappezzato di lucide maioliche – io non avevo mai conosciuto l’intimità di una donna. Posso dire che non avevo mai scambiato con una donna parole d’amore. Da ragazzo non mi erano mancate le accensioni furiose, disperate, e le lacrime della solitudine: ma erano stati fuochi della mente, erano stati i miei primi incontri coi fantasmi.»

 

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

Ricordi che emergono dalla nebbia. I racconti di Leonardo Sinisgalli

La lingua di Sinisgalli è delicata, armoniosa, i suoi ricordi emergono come se fossero stati celati per troppo tempo dentro una nebbia, emergono e arrivano al sole per giungere sulla pagina in tutta la loro brillantezza. Echi lontani di vecchi fantasmi, di donne e di intimità distanti, oramai perdute; passi autobiografici che si miscelano a visioni oniriche, arcaiche e trasformano l’intera opera in qualcosa di originale e di indiscutibile bellezza.

«Il nostro primo incontro, dopo uno scambio di sigarette attaccate allo spago, da una finestra all’altra del secondo e terzo piano, avvenne proprio in mezzo a quelle aiuole una sera già estiva. Mi confessò che non avrebbe mai potuto immaginare che ci fosse al mondo un altro poeta. Mi disse che la vocazione si era manifestata qualche anno prima, a Santa Margherita Ligure, dove la madre lo aveva portato subito dopo la morte del padrigno, un famoso baritono. Aveva conosciuto nella pensione un vecchio pittore inglese con una moglie giovane che diventò la sua amante. Fu proprio per farsi bello con lei che scrisse i primi versi, bruttissimi diceva lui stesso: ma non vuol dire, perché l’incontro con la poesia è come l’incontro con l’amore, la donna bella o brutta c’entra ben poco. A contatto con la società intellettuale di Santa Margherita egli imparò a prendere gusto per certe stravaganze, il bastone, la bombetta, la barba, le ghette.»

 

Leonardo Sinisgalli, con questi racconti, ci restituisce l’immagine di un’epoca, ci riporta a qualcosa di primigenio e di definitivo.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Tutto quello che accade possiede un senso, bisogna solo capire in che modo utilizzare gli eventi che ci nascono e ci muoiono intorno.


Per la prima foto, copyright: Gemma Evans su Unsplash.

La fonte della quarta foto è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.