Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Reso pubblico “Existing State of Things”, il poema di Shelley contro la guerra

Reso pubblico “Existing State of Things”, il poema di Shelley contro la guerraIl poema Existing State of Things di Percy Bysshe Shelley è stato acquistato e reso pubblico dalla Bodleian Library dell'Università di Oxford: si tratta di una ventina di pagine di cui esiste attualmente un'unica copia conosciuta (quella della Bodleian, appunto), stampata per la prima volta nel 1811 in forma anonima (o, meglio, l'autore era «un gentiluomo dell'Università di Oxford») e attribuita ufficialmente a Shelley solo cinquant'anni dopo la sua morte, quando l'opera era ormai pressoché introvabile. Si pensava che il testo fosse andato ormai irrimediabilmente perduto, finché, nel 2006, non venne ritrovato in una collezione privata.

Existing State of Things è stato composto da Shelley, giovane studente, nel 1810: il periodo a Oxford fu fondamentale per l'educazione del poeta, soprattutto grazie a letture come Giustizia politica, saggio del 1793 di William Godwin. Existing State of Things è un documento di eccezionale importanza: in quei 172 versi Shelley esprime la sua posizione contro la guerra e, nello specifico, tratta il coinvolgimento della Gran Bretagna nelle guerre napoleoniche. Inoltre, Shelley si schiera in difesa del giornalista irlandese Peter Finnerty, imprigionato per aver diffamato il politico anglo-irlandese Viscount Castlereagh (diventato poi ministro degli esteri nel 1812). Il poema è accompagnato da una prefazione e da alcune note dell'autore: Shelley riflette sulla libertà di stampa, sulle istituzioni politiche disfunzionali e sull'impatto della guerra a livello globale.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Il testo, quindi, è notevole poiché di grande attualità, in quanto i temi trattati da Shelley circa duecento anni fa sono di considerevole importanza anche ai giorni nostri (e non potrebbe essere altrimenti, visti i recenti, terribili episodi di terrorismo). Michael Rossington, professore di Letteratura all'Università di Newcastle, ha confermato il peso del poema nella produzione di Shelley, in quanto esso segna una fase di sviluppo nella formazione poetica dell'autore, dimostrando il suo interesse per le grandi questioni del proprio tempo e la convinzione che la poesia possa costituire uno strumento utile ad «alterare l'opinione pubblica e attuare dei cambiamenti».

Per maggiori informazioni sul poema, vi rimandiamo all'ottimo articolo sul «Guardian» di Alison Flood, dove potete trovare anche alcuni versi del componimento. Infine, la Bodleian ha digitalizzato lo scritto, così da renderlo accessibile ai lettori: a questo link potete consultare proprio la versione digitale di Existing State of Things di Shelley.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (8 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.