Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Renato Guttuso e il suo animo inquieto al Palazzo del Quirinale

Renato Guttuso e il suo animo inquieto al Palazzo del QuirinaleIl Palazzo del Quirinale ricorda l’animo inquieto di Renato Guttuso, ospitando per qualche settimana e fino al 9 ottobre alcuni dei suoi capolavori. 

Renato Guttuso (Bagheria 1911-Roma 1987) è stato uno dei massimi esponenti della pittura neorealista del Novecento e, allo stesso tempo, figura di spicco del Partito Comunista Italiano. Iscritto dal 1940 al partito come clandestino, disegnò il simbolo del rinato PCI, utilizzato fino al suo scioglimento nel 1991. Per due legislature fu eletto senatore durante la segreteria di Enrico Berlinguer.

Nonostante si dichiarasse ateo, in punto di morte avrebbe palesato la sua intima religiosità con una richiesta di conversione, oggetto di numerose critiche. In suo onore, due funerali: uno laico e di partito con un seguito di bandiere rosse e uno religioso.

La mostra, intitolata Guttuso. Inquietudine di un realismo, è curata dal figlio adottivo del pittore, Fabio Carapezza, nonché Presidente degli Archivi Guttuso, e da monsignor Crispino Valenziano, Presidente dell’Accademia Teologica «via pulchritudinis».

Molti sono gli aspetti che caratterizzano la personalità dell’artista, tuttavia, le circa trenta opere, esposte nella Galleria Alessandro VII, racchiudono la forte ispirazione religiosa del pittore, la cui ricerca fideistica è evidenziabile nei suoi quadri attraverso i continui riferimenti alle Scritture e alla Liturgia, così come ha rilevato nel suo saggio, Guttuso credeva di non credere, monsignor Valenziano. Lo stesso curatore ha affermato che, nonostante la forte fede comunista, il pittore fosse costantemente alla ricerca di risposte.

 

LEGGI ANCHE – Henri Matisse e il suo odio per Raffaello. Un’intervista possibile

 

Protagonista dell’esposizione è Crocifissione (1940-41), l’opera più famosa del pittore siciliano e uno dei quadri più significativi del Novecento italiano. In occasione della presentazione al Premio Bergamo del 1942 fu giudicata blasfema dalle autorità ecclesiastiche, che proibirono ai chierici di guardarla. Lo scalpore era dettato dalla posizione delle tre croci, assemblate e non sistemate frontalmente, e soprattutto dalla nudità delle donne raffigurate.

Renato Guttuso e il suo animo inquieto al Palazzo del Quirinale

Del resto, Guttuso non era solito dipingere personaggi in costume per non legarli a un’epoca definita. Scopo dell’opera era rappresentare il dramma della guerra e della violenza. Il cavallo rappresentato al centro della tela rimanda a Guernica dell’amico Picasso. Nel 1969 il quadro verrà sdoganato da padre David Maria Turoldo, che propose un’interpretazione di Guttuso come «un narratore biblico di una Bibbia in fiamme, mai finita che è la nostra storia».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Di ispirazione religiosa anche le altre opere come Cristo deriso, Il legno della Croce, Cena di Emmaus e gli Studi di Crocefissione.

Altro capolavoro esposto, la grande tela Spes contra Spem del 1982, riconosciuta come suo testamento spirituale, ripercorrendo in modo nostalgico la sua vita: il passato, il presente e l’incerto futuro che gli si prospetta davanti. La scena è suddivisa in tre parti. A sinistra l’atelier dell’artista: i suoi libri, lo scrittore Elio Vittorini e altri suoi amici e maestri, lui e la moglie Mimise, sul cavalletto un’opera di Picasso del 1913. A destra persone che parlano. Al centro, a dominare la scena, una donna, nuda, bionda e formosa, davanti alla finestra di fronte al mare, oltre il quale si intravede la città natale del pittore.

Renato Guttuso e il suo animo inquieto al Palazzo del Quirinale

Emblematica la rappresentazione della bambina vestita di giallo che attraversa la tela, superando la tartaruga immobile sul pavimento. Da qui si spiega la scelta del titolo per il quadro, che rimanda a un versetto della Lettera ai Romani di San Paolo: nella vita, sia che si cammini o che si corra, si spera contro ogni speranza. Anche in questo quadro ritorna il nudo di donna. Del resto, la figura femminile è uno degli aspetti dominanti della sua pittura: sua Musa ispiratrice fu la modella e stilista italiana Marta Marzotto.

 

LEGGI ANCHE – Crederci sempre porta al successo. Intervista a Vincent van Gogh

 

Renato Guttuso è un personaggio simbolo del Novecento italiano. I suoi quadri trasudano di emozioni legate alla sua vita di artista, politico e uomo. A dominare le opere i colori accesi e vivi, che sembrano quasi sprigionare le inquietudini interiori che tormentano l’artista.

La mostra allestita nei saloni del Quirinale è un’occasione per celebrarlo a quasi trent’anni dalla morte. La visita di Guttuso. Inquietudine di un realismo, inoltre, da l’opportunità di percorrere le sale di uno dei palazzi più significativi dello Stato repubblicano.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.6 (5 voti)
Tag:

Commenti

Grazie all'autrice della recensione. Sono un lettore del blog e spesso stimolato dalla lettura di queste recensioni sono andato a vedere le mostre suggerite. Grazie ancora!

Mi fa molto piacere!
L'intento è proprio quello di informare i lettori sulle mostre in corso. In questo caso, la visita permette l'ingresso in alcune sale deI Palazzo del Quirinale e le guide che accompagnano sono altamente preparate!
Grazie
Stefania Caviglia

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.