In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Razzismi all’italiana, a uso della politica

Razzismi all’italiana, a uso della politicaL’Italia è razzista? O meglio, c’è del razzismo all’italiana? C’è, lo si sente, lo si vede, lo si può gustare ogni giorno, da Nord a Sud, isole comprese. Ed è un sentimento nutriente per la politica tutta, perché sul razzismo si investe, si soffia, si dibatte. Lo fa Salvini, ovvio, perché sta nelle sue corde morali essere per forme aspre di xenofobia, come lo fanno le forze del centro-sinistra che delegittimano la richiesta di lavoro da parte dei migranti. Come le altre forze politiche che si trincerano dietro un buonista “sono troppi”, “dobbiamo pensare agli italiani, prima di tutto”, “l’Ue deve darci una mano”, “Non possiamo accogliere tutti”.

Queste diverse sfumature di razzismo hanno permeato la cultura nazionale, facendo riemergere un nazionalismo sepolto, a tratti fascista, che si impadronisce dei territori della periferia sottoacculturata.

 

LEGGI ANCHE – Il Paese delle scimmie razziste

 

È davvero paradossale, infatti, che anche nelle città del Sud, dove la memoria dell’emigrazione dovrebbe essere più viva che altrove, dilaghino attacchi ai migranti, forme rozze e violente di esclusione sociale. A uso e consumo della politica che non investe nei sistemi di accoglienza sani.

Stenta infatti ad affermarsi tra i comuni il cosiddetto modello Riace, quello che usa spazi privati per allocare migranti con percorsi di integrazione sociale costruiti con la cittadinanza. Pochi i comuni che hanno preso il paese calabrese come esempio da seguire.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Eppure, conti ed economie alla mano, Riace riesce a debellare il razzismo a monte, prima che si presenti, perché favorisce il dibattito, la conoscenza reciproca, la narrazione bidirezionale, a discapito di quella unidirezionale dei media, delle tivù e della politica nazionale. Inoltre, Riace stimola a riconoscere nella complessità del mondo globalizzato la risorsa più utile per il Paese. Ma il Paese è provinciale assai, si è seduto sugli allori di un passato la cui gloria (tutta, invero, da dimostrare ancora) è passata da parecchio e non tornerà più.

 

LEGGI ANCHE – Necrologio per la Democrazia

 

Un Paese che si professa amante del bello, ma che consente di schiavizzare donne e uomini stranieri nei segmenti più bassi del mercato del lavoro. Un Paese amante del gusto, ma che disgustosamente tratta Rom e Sinti nelle strade dopo averli rinchiusi nei campi. Un Paese democratico che non concede immediatamente la cittadinanza ai figli degli stranieri nati in Italia. Un Paese così è culla per l’odio razziale. Fomenta i razzismi disponendoli come strumenti per la costruzione di consenso elettorale e politico. E questo non fa bene alla democrazia.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.