Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

“Razza di zingaro”, il tributo di Dario Fo a una vittima dimenticata del nazismo

“Razza di zingaro”, il tributo di Dario Fo a una vittima dimenticata del nazismoAlla vigilia del suo novantesimo compleanno, Dario Fo ci sorprende con il romanzo Razza di zingaro (Chiarelettere, 2016), la sua ultima fatica letteraria, che esce a distanza di pochi mesi da Un uomo bruciato vivo (Chiarelettere, 2015) scritto con Florina Cazacu per ricordare la tragica vicenda del padre di lei, operaio rumeno bruciato dal datore di lavoro italiano, e dal Nuovo manuale minimo dell’attore (Chiarelettere, 2015), risultato di un lungo lavoro compiuto negli anni scorsi insieme alla moglie Franca Rame, scomparsa nel 2013.

Sempre in prima linea dunque, nonostante l’età, soprattutto per quanto riguarda le battaglie per i diritti civili, in questo romanzo che è splendidamente illustrato da suoi dipinti e disegni (per chi non lo sapesse, Dario Fo è anche un valente pittore) Fo ci racconta, con uno stile documentaristico, la breve vita di Johann Trollmann (1907-1943), pugile sinti nella Germania nazista, a cui l’origine “non ariana” costò prima la negazione del titolo nazionale dei pesi mediomassimi vinto sul ring, e poi l’emarginazione totale e l’arresto, fino a una tragica morte nel campo di concentramento di Neuengamme.

Solo in anni molto recenti la Germania si è ricordata di questo grande sportivo: nel 2003 la federazione pugilistica tedesca ha riconsegnato ai familiari superstiti la corona da campione che gli era stata sottratta nel 1933, mentre nel 2004 gli è stata intitolata una strada della vecchia Hannover, situata dove un tempo sorgeva la sua casa natale, andata distrutta durante la guerra.

Nel corso di un’affollata conferenza stampa, che si è tenuta nel suo bellissimo studio milanese, Dario Fo ha presentato al pubblico Razza di zingaro, rispondendo con la consueta vivacità a numerose domande, che dalla letteratura e dalla storia sono inevitabilmente sconfinate nella politica italiana, nei confronti della quale l’artista non ha mai rinunciato a esprimere idee spesso scomode.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Fo è venuto a conoscenza della storia di Johann Trollmann grazie a una ricerca storica compiuta dall’amico Paolo Cagna Ninchi, attivo nella promozione del dialogo con le comunità sinti e rom in Italia, e si è appassionato alle vicende di questo atleta. In lui dichiara di vedere un artista, prima ancora che un pugile, per il modo di boxare molto particolare usato da Trollmann, basato sull’agilità e sul gioco di gambe che lo faceva in un certo senso “danzare” sul ring, e rendeva molto spettacolari i suoi incontri. Questo modo di boxare gli venne a un certo punto proibito dai giudici tedeschi, che lo consideravano “poco virile”, ma oggi alcuni vedono in lui un antesignano di Cassius Clay, che trent’anni dopo sarebbe diventato celebre usando una tecnica molto simile.

“Razza di zingaro”, il tributo di Dario Fo a una vittima dimenticata del nazismo

Ricordarlo oggi è anche un modo per sottolineare come l’Europa, secondo Fo, non abbia mai chiuso del tutto i conti con il nazismo, come si evince anche da tanti episodi di razzismo accaduti in tempi recenti, tra cui l’incertezza nei confronti del fenomeno migratorio e del modo migliore per affrontarlo, non solo nei singoli Paesi, ma soprattutto a livello comunitario.

Il titolo Razza di zingaro intende porre volutamente l’accento su una parola, appunto “zingaro”, che in tempi recenti viene evitata perché considerata politicamente scorretta: ma siamo noi ad averle dato una valenza negativa, dichiara Fo, perché abbiamo sempre bisogno di crearci dei nemici, e abbiamo da tempo inserito gli zingari in questa categoria.

La storia di Trollmann, così come ci viene raccontata da Dario Fo, diventa così un tentativo di rendere giustizia a un personaggio tragicamente cancellato dalla storia, perché dovere di uno scrittore è prima di tutto quello di informare, di svelare le menzogne e di muovere le coscienze utilizzando qualsiasi mezzo a disposizione: il racconto, il romanzo, la rappresentazione teatrale. Non si tratta di fare la morale al pubblico, ma di trovare il vero nemico, al di là di ogni mistificazione, utilizzando se necessario anche l’ironia e la satira.

“Razza di zingaro”, il tributo di Dario Fo a una vittima dimenticata del nazismo

Secondo Fo è quindi davvero positivo che ultimamente si scrivano molti libri basati su storie vere, e che spesso se ne facciano poi dei film: anche l’avventurosa storia di Trollmann, in effetti, potrebbe diventare un magnifico soggetto cinematografico.

Fo, che ama profondamente lo sport fin da quando, giovane aspirante atleta, si allenava a Milano spiando Ottavio Missoni, che è stato un grande campione di atletica leggera negli anni Quaranta prima di diventare un famoso stilista, è dispiaciuto per il declino della boxe, da molti considerata troppo violenta, giudizio che l’artista non condivide affatto. Non si dovrebbe salire sul ring per abbattere l’avversario o fargli del male, ma per offrire uno spettacolo di fisicità, movimento e leggerezza, proprio come un attore che sale sul palcoscenico: è questa la lezione principale che ci dà oggi Johann Trollmann, il protagonista di Razza di zingaro.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.