In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Raccontare i millennial dall’interno. Intervista a Iacopo Barison

Raccontare i millennial dall’interno. Intervista a Iacopo BarisonCon Le stelle cadranno tutte insieme, edito da Fandango, seconda fatica letteraria di Iacopo Barison, il giovane scrittore riprende a parlare della sua generazione, quella dei millennial, così come aveva in parte fatto con Stalin+Bianca, suo primo romanzo edito da Tunué.

Certo, cambiamo i protagonisti e lo scenario, ma l’attenzione di Barison per i giovani resta sempre sensibile e inquieta al tempo stesso, in grado di accompagnarsi anche a una buona dose di ironia funzionale a creare quel necessario miscuglio di distacco e partecipazione emotiva.

E proprio questo è stato uno degli argomenti che abbiamo toccato con Iacopo Barison nell’intervista che ci ha gentilmente concesso.

 

Da Stalin+Bianca alla pubblicazione dell’attuale Le stelle cadranno tutte insieme sono trascorsi quattro anni. Com’è cambiato nel frattempo il suo approccio alla scrittura?

L’approccio è rimasto pressoché lo stesso. Continuo a essere molto lento e di rado riesco a scrivere più di una pagina al giorno. Anche lo stile non ha subito stravolgimenti – in parte si è evoluto ma resta asciutto, minimale, con un senso dello humor che ad alcuni fa ridere mentre altri trovano un po’ deprimente. Ho cercato, però, rispetto a Stalin+Bianca, di parlare della contemporaneità in maniera diretta, senza il velo della distopia che in fondo serviva a proteggermi, a evitare di mettermi completamente in gioco. Stalin+Bianca raccontava un mondo, Le stelle cadranno tutte insieme invece racconta il mio mondo, seppur totalmente trasfigurato dalla finzione. In questo senso sono due romanzi molto diversi.

 

Anche in questo nuovo romanzo si occupa di giovani “particolari” (mi perdoni l’aggettivo molto generico, ma mi verrebbe da usare “problematici”, che mi sembra ancora più riduttivo) animati da qualcosa dentro che li spinge a guardare altrove. Possiamo provare a definire i contorni di questo qualcosa e di quell’altrove? Ovviamente, al di là delle concrete manifestazioni nei due libri.

Nel mio primo romanzo raccontavo una storia di giovani borderline, cresciuti in un quartiere e in un contesto che non dava loro alcuna possibilità di riscatto, e per trovarlo lo cercavano proprio nell’altrove di cui parla, lontano da casa. Ora racconto una storia di giovani privilegiati, che in fondo hanno tutto ma vogliono l’unica cosa che forse non possono avere: il successo. Il loro però non è un capriccio, sono animati da una sincera passione verso il cinema. A renderli alienati è tutto il contorno – i social network, l’esposizione mediatica, la voglia di stare sotto i riflettori. In generale, penso che Stalin e Bianca volessero semplicemente qualcosa, perché non avevano nulla, mentre i protagonisti de Le stelle cadranno tutte insieme siano cresciuti con l’idea malsana che alzare sempre di più l’asticella sia giusto a prescindere, il che può portare a non accontentarsi mai, condannandosi così all’infelicità.

Raccontare i millennial dall’interno. Intervista a Iacopo Barison

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Le stelle cadranno tutte insieme comincia con una domanda semplice e diretta ma anche fortemente ambigua («E poi?»), dal momento che quel “poi” può avere una semplice funzione temporale, ma rimandare anche al futuro con un sentimento di speranza o di paura. Che funzione ha rispetto al romanzo e perché ha deciso di cominciare proprio così?

In una prima fase, il romanzo cominciava senza la domanda di cui parla. Però sono sempre stato convinto che le prime righe di un libro debbano riassumere al meglio il nucleo dell’intera storia. E non è facile racchiudere così tanto in così poco spazio. Anzi, può essere frustrante. Mi ci sono scervellato a lungo e un giorno mi è venuta l’idea. Ho pensato, e se lasciassi tutto com’è, ma aggiungessi soltanto E poi?

Il risultato mi ha subito convinto. Era perfetto per mettere in tavola fin dalla prima riga l’ansia dei protagonisti, il terrore che i loro sogni non si realizzino mai.

 

Dei tre protagonisti del libro, Aria è convinta di poter parlare con i morti, Danny è un aspirante attore e l’io narrante vorrebbe diventare uno sceneggiatore. Cos’è il talento per Iacopo Barison? E qual è il confine tra legittima aspirazione ed eccessiva autostima?

Ritengo che il vero talento stia nel capire il prima possibile cosa sappiamo fare e cosa no, e da lì migliorarsi ogni giorno attraverso la fatica e i sacrifici. Questo è possibile solo con una buona dose di autocritica. Voglio dire, se mi piacesse tutto quello che scrivo probabilmente non avrei mai pubblicato un romanzo. Bisogna essere consci che il mondo è pieno di persone che sanno fare le nostre stesse cose in modo infinitamente migliore di noi. Ma anche avere il coraggio di investire il proprio tempo e le proprie risorse in ciò che ci riesce bene. Essere ambiziosi è legittimo, persino obbligatorio in certi casi, ma l’eccessiva autostima non porta da nessuna parte. Le assicuro che io sono il peggiore critico di me stesso, molto più di qualsiasi editor o lettore.

Raccontare i millennial dall’interno. Intervista a Iacopo Barison

Mi sembra che i personaggi del libro, dai protagonisti fino a quelli minori, vivano una mancanza di ancoraggio, come se un po’ fluttuassero alla ricerca di qualche concretizzazione o certezza. Se è così, si tratta più di una situazione momentanea o di una condizione esistenziale? In caso contrario, lei come descriverebbe i suoi personaggi?

Penso che la descrizione sia giusta, e che la mancanza di ancoraggio non appartenga solo ai personaggi del libro, bensì a molti fra coloro che si trovano ad avere fra i venti e i trent’anni oggi, me compreso, in un’epoca così assurda e schizofrenica, dove la tecnologia ha sempre più spazio nelle nostre vite ma si trova a convivere con elementi quali la cabala, l’esoterismo, il fondamentalismo religioso, eccetera. Più il mondo intorno a noi si fa complesso, più la nostra idea di felicità si complica, diventando quasi irraggiungibile. Viviamo in anni dove essere felici è molto difficile. 

 

Come i protagonisti del suo libro, lei appartiene alla generazione dei millennial. Com’è raccontare una generazione dal di dentro?

Raccontare qualcosa dall’interno può portare a descrizioni efficaci ma non oggettive. Sinceramente, spero che il ritratto dei millennial che emerge dal romanzo possa essere entrambe le cose, però so che è molto difficile. In ogni caso è autentico, racconta un mondo che conosco e ho intorno ogni giorno. Le stelle cadranno tutte insieme è un distillato di tutte le ansie, le paure e le ossessioni di chi si trova a dover diventare adulto senza gli strumenti per poterlo essere.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Anche Le stelle cadranno tutte insieme, come il precedente romanzo che presto diventerà un film per la regia di Daniele Ciprì, è ricco di rimandi cinematografici. Cos’è il cinema per lei e in che modo influenza la sua scrittura?

Il cinema, per me, è l’espressione artistica più immediata e travolgente che ci sia oggi. Sono cresciuto guardando col cinema, di tutti tipi, d’autore e non, per cui è normale che i miei romanzi ne parlino. Inoltre da quando Daniele Ciprì, che non smetterò mai di ringraziare, ha deciso di trasformare Stalin+Bianca in un film, è un mondo che ho potuto iniziare a conoscere anche dal di dentro. Penso che in qualche modo sarà sempre legato a ciò che scrivo.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Mubariz Mehdizadeh.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.