Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

RACCONTAMI (22) – “Amarsi male” di Antonio Debenedetti

Antonio Debenedetti, Amarsi maleAmarsi male, ovvero i volti della solitudine

 

Quella di Antonio Debenedetti è una voce autorevole in ambito letterario: collabora da tempo con le pagine culturali del «Corriere della sera» e ha preso parte alla redazione di diversi programmi radiofonici e culturali dedicati ai libri. Come sempre, questo pone di fronte all’imbarazzo di scindere l’autorevolezza in ambito critico con il talento creativo, o la sua assenza. Ebbene, presi singolarmente i racconti dallo stile piano e raffinato raccolti in Amarsi male di Debenedetti paiono privi di particolari guizzi narrativi, ma nel suo complesso l’opera è capace di trasmettere una penetrante sensazione di solitudine, di angosciata resa all’epilogo della vita. Sullo sfondo si staglia Roma, luminosa e cinica, e resta sottesa la tradizione letteraria italiana del Novecento, a partire da Alberto Moravia che, in «Diario europeo», scrive proprio su Debenedetti: «La sua è un’osservazione più da entomologo che da ritrattista, più pronto ad infilzare con uno spillo l’insetto che talvolta convive con l’uomo, che a ritrovare tratti umani in situazioni e comportamenti da insetti».

Non vi è alcuna nota o prefazione che segnali che la raccolta era già stata pubblicata nel 1998 dalla Rizzoli con il medesimo titolo, Amarsi male, e l’aggiunta del sottotitolo undici sentimenti brevi, ma questo spiega la presenza nella recente edizione Marsilio di una sezione conclusiva dal titolo Altre storie, che comprende tre nuovi testi – tutto questo rientra, però, nelle strategie editoriali e probabilmente esula dalla percezione del lettore comune.

Ad aprire la raccolta Più veloce della paura, la storia di un omosessuale che dopo aver perso i suoi compagni di avventura teme di aver contratto l’AIDS; seguono La giovinezza è finita, in cui l’amore in una coppia trascolora in affetto e dipendenza, e Un’anima in ghiaccio, con un protagonista privo di passioni e interessi. Quest’ultimo racconto lascia però la sensazione che alcuni passaggi siano troppo bruschi, che la volontà di Debenedetti di scarnificare la storia finisca per generare un effetto di incompiutezza; lo stesso accade per uno dei testi migliori: La ragazza del fine settimana, che ruota intorno alle grette congetture di un condominio su una nuova inquilina, affascinante e misteriosa. Senz’altro degni di nota sono anche Ti aspetto con ansia, in cui una madre si rivolge al figlio che tarda a rincasare, e Cara signora Wilma, che descrive il tentativo di un anziano di cercare conforto per la perdita della moglie scrivendo una lettera alla rubrica di posta di un giornale.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Antonio DebenedettiCome si può facilmente evincere, sono tutte storie di angoscioso isolamento, anche quando i protagonisti sono in due (madre e figlio o marito e moglie) e anzi spesso è proprio nella coppia che si rafforza l’impressione di esser soli (come in Amarsi male o in Segreti di un matrimonio chic). Ma può anche accadere, anzi «è avvenuto chissà quante volte che un uomo che aveva bisogno di una certa donna e la donna che aveva bisogno proprio di quell’uomo si siano sfiorati senza fermarsi» (Prima che le luci si spengano). A completare la galleria di personaggi, uno scrittore invidioso (L’invidia ha un cuore onesto), un’anziana signora straniera nella Roma fascista (Un vicino più freddo del marmo), un professore in procinto di sposarsi a “colloquio” con la madre trapassata (Strategia di una madre), una vedova (La compagna d’un intellettuale), una suora e un chiromante (Sotto le ali del cielo): altri mesti volti solitari ed emarginati.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.