Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

RACCONTAMI (13) - “Storie ciniche” di William Somerset Maugham

Storie cinicheStorie ciniche, ovvero inclementi ritratti novecenteschi

 

Gli undici racconti raccolti in Storie ciniche di William Somerset Maugham (traduzione di Vanni Bianconi, edito da Adelphi) sono stati scritti nel periodo tra le due guerre mondiali e occorre tenerne conto per cogliere tutta l’irriverenza degli intrecci e delle note di costume, che costituiscono il valore precipuo di questi testi, dal momento che della credibilità di alcuni dei frequenti dialoghi, delle volute stilistiche e ancor meno degli sperimentalismi Maugham, a differenza di tanti suoi contemporanei, sembra curarsi poco, attratto com’è dallo spettacolo bizzarro e involontario offerto dai suoi simili. Per intenderci, è una lettura che entusiasmerà sicuramente i tanti che hanno apprezzato la Zia Mame di Patrick Dennis, pubblicato anche questo da Adelphi.

Spesso è lo stesso alter ego dell’autore a narrare le vicende in prima persona – senza curarsi affatto che tale scelta strida un po’ con la sua onniscienza – e il suo sguardo attento e disincantato, o appunto cinico se si preferisce, si rivela spesso la lente migliore attraverso cui comprendere il comportamento di pettegole e annoiate nobildonne e di gentiluomini veri o presunti (Maugham ha sempre frequentato l’alta società, sia poiché di famiglia abbiente, sia perché il successo dei suoi scritti gli consentì sempre una vita agiata). Quale allora il segreto della sua popolarità? La novità della sua opera? Probabilmente l’atteggiamento bonario e divertito cui non giudica ma ritrae le debolezze altrui: non c’è mai condanna per i vizi, semmai per l’idiozia, quella sì davvero imperdonabile. Eppure la sua risposta è comunque un’alzata di spalle: «se uno dovesse prendersela per la stupidità umana passerebbe la vita in uno stato di ira cronica».

Diversi i racconti che ruotano intorno all’infatuazione di donne di mezza età per baldanzosi giovinetti (La promessa, Jane, La virtù): sebbene spesso siano sentimenti sinceri a innescare la scintilla il finale è quasi sempre drammatico, ma spesso diverso da come ce lo aspetteremmo – Maugham cerca sempre di spiazzare il lettore nelle battute finali, e sovente ci riesce. In altri sono, invece, gli interessi economici a generare una commedia degli inganni a cui, quasi a premiare la scaltrezza, viene concesso il lieto fine (Apparenza e realtà) o comunque una dignitosa resa (La pelle del leone). Soggetto privilegiato delle ironiche invettive di Maugham restano però le donne, attrici talmente abili da finire per credere loro stesse ai propri autoinganni, come Louise, la protagonista dell’omonimo racconto, o le amiche di Le tre donne grasse di Antibes; ma a rassicurarci che l’autoillusione non sia solo prerogativa femminile c’è il capitano Forestier della Pelle del leone.

Anche quando la scrittura tende a occhieggiare a generi diversi, come il giallo o il noir, la messinscena (e non la critica, è bene ribadirlo) dell’ipocrisia della vita sociale ne è lo sfondo imprescindibile; ne sono esempi la Coppia felice, Un filo di perle, Il sogno e soprattutto Prima della festa (il racconto più compiuto, e non a caso il più lungo, insieme a La virtù): in quest’ultimo, si ritrovano in un salotto madre padre e due figlie, di cui una è vedova da poco e rivela i retroscena tutt’altro che limpidi sulla morte del marito.

Quanto della distanza che Maugham riesce a mettere tra sé e gli altri, così come della sfiducia che sembra nutrire nel matrimonio, derivi dalla sua presunta omosessualità non è facile definirlo; il suo è, in ogni caso, un punto di vista mai banale attraverso cui rivivere alcuni aspetti dei primi decenni del Novecento e, inevitabilmente, riconsiderare gli “scandali” della contemporaneità.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.