In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Quei terribili segreti di famiglia. “Idaho” di Emily Ruskovich

Quei terribili segreti di famiglia. “Idaho” di Emily RuskovichIdaho di Emily Ruskovich, appena pubblicato da Mondadori nella traduzione di Roberto Serrai, è un lungo romanzo dalla trama complessa. Procede per salti temporali in avanti e indietro, e nonostante più personaggi vi prendano parte e più vicende, anche secondarie, si intreccino, la storia è narrata prevalentemente dal punto di vista di un solo personaggio, scelta che dà unità all’intricata vicenda. Anche l’ambientazione, in diversi luoghi dell’Idaho, tiene insieme le fila della storia.

All’inizio del romanzo si allude a un delitto passato, e del tutto inspiegabile. Capitolo dopo capitolo, i fatti vengono precisati, ma mai illuminati per intero. La voce narrante torna sempre a evocare due giovani genitori e due bambine ancora piccole; una gita in montagna, per far legna e divertirsi all’aria aperta. Una famiglia che vive felicemente isolata in una fattoria dell’Idaho, e poi un fatto assurdo, irreparabile.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

In un attimo la famiglia Mitchell è distrutta: Jane, la madre, sparisce in carcere, dove annulla se stessa dedicandosi a lavori massacranti. Le bambine, May e June, sono perse per sempre per entrambi i genitori. Infine il padre, Wade, è condannato a perdere anche la memoria, a causa di una malattia familiare.

Quei terribili segreti di famiglia. “Idaho” di Emily Ruskovich

La persona che, a dispetto di tutto, tiene viva la memoria di quello che è stato è Anne, la seconda moglie di Wade. Trasferitasi a casa di lui dopo la tragedia, Anne è assediata da ricordi che non sono suoi, dall’eco di momenti che non ha mai vissuto. Attraverso i racconti frammentari del marito e la cura degli oggetti appartenuti alle scomparse, si sforza di immaginare la vita, i pensieri delle bambine, di comprendere l’atto tanto disumano compiuto dalla loro madre. Mentre si prende cura di Wade, che dà i primi segni di demenza senile, manda avanti le ricerche, ormai vane, di June; con discrezione, cerca di informarsi sulle condizioni di vita di Jane, in carcere. Guidata da un’empatia e una sensibilità da musicista, viene a capo, nel suo cuore, del mistero dell’uccisione di May. Nello stesso tempo si trasforma nella memoria di Wade, e ricompensa Jane tardivamente di quanto, innamorandosi di Wade, le aveva tolto.

Fa da leitmotiv, nel romanzo una canzone su un amore destinato a finire e a essere dimenticato. Take your picture off the wall, recita il primo verso. Anne la insegna a Wade, al pianoforte, e l’ironia della situazione è che Wade cerca di imparare a suonare il pianoforte proprio per contrastare la demenza, proprio per riuscire a non dimenticare. Una cosa effimera come una canzone segna l’atmosfera di tutto il romanzo, e sembra persino determinare, impercettibilmente, la tragedia raccontata. Insieme all’Idaho, con i suoi fiumi e le sue montagne terribili, la canzone è il tema del romanzo.

Il libro sembra parlare dell’importanza del non detto, delle cause sconosciute ed effimere di quanto ci succede. I personaggi si dicono pochissimo l’un l’altro; Jane e la sua compagna di cella Elizabeth comunicano attraverso gesti misteriosi, che, vivendo nell’isolamento, sono diventate abili a interpretare. Persino Anne riesce a comunicare con Jane, in prigione, senza mai parlarle.

Quei terribili segreti di famiglia. “Idaho” di Emily Ruskovich

Allo stesso modo, l’eufonico titolo Idaho allude alla forza del caso: il nome dello stato americano nasce per un equivoco. Non è chiaro quale sia la sua origine, due ipotesi fantasiose se la contendono. Alla fine il nome viene attribuito a un nuovo stato, non a quello cui era stato originariamente destinato, che verrà poi battezzato Colorado.

La scrittura è densa come i pensieri della narratrice, che si fondono di continuo con quelli – immaginati – di Jane, di Wade, del padre di lui, di ciascuna delle bambine. Così la storia lascia un’impressione di perdita e di malinconia, che l’autrice è molto brava a trasmettere, anche grazie ai versi ricorrenti della canzone strappacuore.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Idaho di Emily Ruskovich è un romanzo avvolgente, che scopre legami appena accennati, allude a possibili vite non vissute, mostra una rete invisibile di rapporti tra le persone, le cose, i ricordi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.