Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Quanti erano i Mille di Garibaldi? La vera storia dell’Unità d’Italia

Quanti erano i Mille di Garibaldi? La vera storia dell’Unità d’ItaliaCome è nata l'Italia e soprattutto perché? Garibaldi è un eroe nazionale o un mito costruito per giustificare una storia pensata a tavolino? Ne abbiamo parlato in un'intervista con Pino Aprile, autore di Carnefici (Piemme, 2016), un libro con il quale prosegue la sua instancabile volontà di ricostruire una storia più vera e aderente ai fatti di quella raccontata dalla storiografia ufficiale al pari di una bella fiaba studiata per rabbonire ed "educare".

 

La storiografia ufficiale ha sempre descritto l'azione dell'esercito sabaudo come la liberazione del Sud dalla dominazione spagnola volta all'unificazione dell'Italia, ma questa è la versione ricostruita in seguito. Cosa è accaduto realmente tra il 1860 e il 1861 nell'attuale Sud-Italia?

Tutte le grandi imprese e la nascita dei Paesi hanno bisogno di quelli che vengono chiamati "miti fondanti", ovvero delle belle favolette, delle fiabe. Non raccontano la verità. Indicano la direzione del racconto.

La Spagna moderna nasce grazie alle imprese del Cid Campeador, ma questi non è mai esistito. La Svizzera moderna origina dalla sfida di Guglielmo Tell che centra la mela con la balestra, ma è scientificamente provata l'esistenza solo della balestra e della mela, lui non è mai esistito. Il più grande impero, per estensione, della storia dell'umanità, quello sovietico, è nato sul mito della conquista del Palazzo d'Inverno a San Pietroburgo. Ma il palazzo era vuoto, ci sarebbe potuto entrare chiunque.

Noi abbiamo il mito dei Mille di Garibaldi. In realtà questi erano 60.000. Con circa 22.000 soldati piemontesi che figuravano come disertori e colpevoli di aver rubato agli arsenali militari del Piemonte cannoni, esplosivo, armi varie... molti combattevano addirittura con le loro divise, altri con delle decorazioni della guerra di Crimea. Normalmente i disertori vengono fucilati, invece loro vennero ripresi nell'esercito e qualcuno fece anche una bella carriera.

Tutto questo per dire intanto che non c'era nessuno da liberare al Sud perché l'Italia da redimere era quella occupata dagli austriaci, ovvero il Triveneto. Ma al Sud non c'erano gli "spagnoli", c'erano i meridionali, che non erano meridionali di nessuno. I Borbone erano una dinastia napoletana da 127 anni, parlavano napoletano. In Turchia vige un'espressione: «Storia costruita ufficiale». E, in Italia, viene giustificata la costruzione di questa storia "molto educativa", affermando che il compito della storia non è di raccontare i fatti ma di servire a creare gli italiani, uno spirito nazionale, unitario.

 

In Carnefici lei afferma che pochi Paesi hanno fatto uso politico della storia come il nostro. Si riferisce a qualcosa in particolare? Ci sono episodi di vera e propria censura?

Non solo veri e propri casi di censura ma un'intera storia costruita a tavolino, calpestando la realtà concreta degli eventi. Quando pubblicai Terroni (Piemme, 2013) raccontavo di massacri, come quelli di Pontelandolfo e Casalduni. La prima reazione fu il silenzio. In seguito mi accusarono di aver inventato tutto. Va da sé che non è così: i documenti sulla strage di Pontelandolfo sono numerosi; grazie al lavoro extra-accademico svolto da ricercatori volontari fuori dall'Università è diventato uno degli eventi più documentato della storia. La terza reazione fu l'affermare: «Noi lo sapevamo». Allora mi è venuto naturale chiedermi: «E perché non ne avete parlato per un secolo e mezzo?». Quello che fecero i nazisti è niente se confrontato con le azioni dei bersaglieri al Sud.

Quanti erano i Mille di Garibaldi? La vera storia dell’Unità d’Italia

Non è che noi siamo peggiori degli altri. Con la rivoluzione industriale sorgeva l'esigenza di creare gli Stati nazionali. Ovvero le Nazioni dovevano costituirsi in Stati. Questo avvenne ovunque con un bagno di sangue. Basti pensare alla guerra di secessione degli Stati Uniti che loro, più onesti di noi, non hanno mai etichettato "di liberazione". Si è trattato di una guerra che ha fatto più vittime statunitensi delle due guerre mondiali. In Francia la Vandea è stata letteralmente rasa al suolo perché contraria alla rivoluzione. Un esercito guidato dal generale Westermann, in poco tempo, sterminò tutti. Però oggi, in Francia, c'è un Istituto di Stato con un'immensa biblioteca e un centro studi che finora ha prodotto 850 volumi sul massacro della Vandea. Dov'è in Italia il centro studi sul genocidio dei meridionali? Sta nascendo fuori dallo Stato. Quello che stiamo facendo in tanti. Una costruzione collettiva di una memoria vera che possa unire e non dividere.

 

LEGGI ANCHE –"Il Sud puzza" di Pino Aprile

 

La guerra condotta dall'esercito sabaudo contro l'esercito borbonico durò pochi mesi. Quella combattuta contro i cittadini e i ribelli durò all'incirca dieci anni. Perché di tutto questo non si fa menzione nei testi e nei saggi della storiografia ufficiale?

Ora viene anche detto esplicitamente: la paura che sapere come è stata unita l'Italia potesse distruggere questa costruzione così fragile. L'Italia, a differenza di altri Paesi, è una comunità molto ricca di culture diverse. Può essere relativamente facile dare uno Stato a una Nazione, ma quando devi dare una Nazione a uno Stato dove sono già presenti più Nazioni non hai altra possibilità che eliminarne alcune. È la ragione per cui in Turchia hanno eliminato gli armeni, massacrano i curdi, sono stati eliminati gli assiri di montagna, sterminati i greci dell'Asia Minore. Una sola Nazione si deve prendere lo Stato.

È un'ideologia molto radicata e potente, che ha fatto centinaia di migliaia di morti, nata già sul finire del Settecento ma è l'Ottocento il secolo della sua massima espressione. In Italia, lo Stato più grande dell'epoca, il più solido economicamente, il primo a essersi avviato verso la rivoluzione industriale era il Regno delle due Sicilie. Se i vinti avessero ricordato come al Sud sono state distrutte le fabbriche tra le più grandi d'Italia, il modo in cui sono stati sottratti i depositi d'oro delle banche – che equivarrebbero oggi a un valore nominale pari a 1.500 miliardi di euro –, se qualcuno ricorda tutto questo prende un'arma e protesta. E così è stato fatto per anni, al Sud. Perciò l'unico rimedio era l'amnesia. Sterminare chi voleva ricordare e chiedere di render conto, e far dimenticare agli altri. E questo è stato fatto.

«L'Italia è un Paese nato sulla menzogna e sull'assassinio della verità». Lo diceva Sciascia, non Pino Aprile.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Il Sud è stato annesso o conquistato?

Lo dicevano loro: «Il Sud è stato annesso e conquistato, non unificato». Tant'è che un parlamentare siciliano, Giuseppe Bruno, nel 1861 in Parlamento protesta contro i giornali e gli stessi colleghi parlamentari del Nord e afferma: «Onorevoli colleghi basta parlare di province conquistate, il Paese è stato unito! Siamo italiani!». Quanto riportato si trova negli atti parlamentari, chiunque può andare a leggerli.

Nel 1866 ci fu un dibattito, sempre in Parlamento, generato dall'elezione di Mazzini a Messina, per dispetto ai Savoia. Lui era un condannato ma siccome era nato un nuovo Stato, l'Italia appunto, tutte le giurisprudenze degli Stati precedenti non avevano più valore. Eppure la risposta del capo del Governo in Parlamento fu: «Mazzini resta condannato perché è vero, signor capo dell'opposizione, che le legislazioni di tutti i Paesi preunitari non valgono più, tranne che per il Piemonte, perché noi non abbiamo fatto l'Italia ma abbiamo allargato il Piemonte». E l'impresa partì con l'ordine di Cavour: «Non perdete tempo a fare prigionieri, fucilate».

 

Perché la Repubblica di San Marino è rimasta esclusa dal processo di unificazione?

La risposta è: «Boh!». Se tutti gli Stati preunitari vennero invasi, annessi e derubati, perché la Repubblica di San Marino no? Ci sono delle ipotesi. Nella Repubblica di San Marino nascevano banche. Crispi e i figli di Garibaldi, ovvero i duci della spedizione in Sicilia, coloro che portarono via l'oro dei depositi del Banco di Sicilia, potrebbero aver pensato a un porto franco dove depositare il “bottino di guerra”. È esagerato sospettare che un paradiso fiscale non lontano da casa facesse comodo?

Se non c'è un'altra spiegazione plausibile, uno è autorizzato a sospettarlo, a maggior ragione in quanto Garibaldi era un evasore fiscale. In una sua lettera manoscritta si legge: «Signor esattore non sono in grado di pagare le imposte». Poi, sempre lui, fa da garante a un enorme prestito chiesto dal figlio al Banco di Napoli, senza garanzie, e non pagano né lui né il figlio. Come ha fatto a costruire a Caprera le case, le strade, la stalla per 500 capi di bestiame, e ancora comprare un'intera flottiglia di imbarcazioni, compreso un panfilo da 42 tonnellate? Si racconta che dopo aver consegnato il Regno a Vittorio Emanuele si sia ritirato a Caprera con un sacco di fagioli. Forse non erano solo fagioli. È documentato che prendesse soldi da Vittorio Emanuele. Nei documenti è pure testimoniato che prese una grossa somma prima di andare a Caprera.

Quanti erano i Mille di Garibaldi? La vera storia dell’Unità d’Italia

LEGGI ANCHE –Un archivio segreto rivela come Mazzini e Garibaldi cospirarono contro I Borbone

 

Nel libro lei entra nel merito anche dei rapporti tra Garibaldi, i Sabaudi, Inghilterra e Stati Uniti. Perché inglesi e statunitensi avevano così a cuore il processo di unificazione dell'Italia?

Da una parte per via dell'ideologia degli Stati nazionali. Gran parte del pianeta è stato disegnato a tavolino da inglesi e americani, vedi il Medio Oriente o l'Africa, per esempio. Dall'altra perché questa ideologia ha origine in ambiente massonico. E loro erano i capi della massoneria mondiale. La nascente civiltà industriale aveva bisogno di Stati nazionali incubatori della stessa industria, che la facessero crescere fin quando non fosse stata in grado di competere alla pari con le altre e a quel punto sarebbero cadute le frontiere. Così è nata l'Europa, che si è unita quando i livelli di industrializzazione sono diventati equiparabili. Un'Italia grande faceva comodo, rappresentava un pugnale sotto la Francia, serviva a schiacciarla, con l'Inghilterra che stava sopra. In più in Italia c'era un Paese, come il Piemonte, che aveva un disperato bisogno di rubare i soldi a qualcuno perché, di fatto, era fallito e diventato di proprietà dei Rochelle di Parigi.

 

Buoni rapporti però Garibaldi sembra averli avuti anche con Cosa Nostra, il cui patriarca Joe Bonanno narra «[…] che il nonno e i suoi picciotti seguirono Garibaldi perché fu loro garantito di poter condurre più liberamente i propri affari». La trattativa Stato-Mafia è nata con la stessa Italia?

Esatto. Quella fu la prima trattativa Stato-Mafia. Grazie anche ai buoni uffici del barone Sant'Anna della Massoneria inglese, che mise al servizio di Garibaldi i suoi picciotti.

 

A chi come lei cerca un'altra verità viene spesso chiesto quale sia il senso di tanto rivangare. Invece io le domando perché, secondo lei, a tanta gente spaventa poter conoscere una verità diversa da quella ufficiale?

Perché tocca rivedere tutto quello che si sa, che si è. La propria identità. Tocca ricostruire, letteralmente, la propria anima. Le ragioni per stare insieme. Ormai, in un certo senso, un equilibrio, sia pure malato, è stato raggiunto. Io ritengo che gli equilibri malati portino brutte cose, meglio affrontare, come in una cura psicoanalitica, la verità e ripartire da basi più vere e più solide.

 

Lei dedica un capitolo, in Carnefici, anche all'interpretazione di Matteo Simonetti del Piano di Kalergi, indicato dalla Merkel come «il padre dell'Europa», dove si prospetterebbe, prima della seconda guerra mondiale, «[…] la trasformazione dell'Europa in un continente meticcio, con l'invasione di migranti, specie dal Sud». Era stata prevista o predetta anche l'emigrazione interna italiana verso il Nord?

È stata organizzata. Dopo la seconda guerra mondiale il Sud, contrariamente al Nord, ne uscì devastato. Gli alleati risarcirono l'Italia. L'allora presidente di Confindustria Costa impose che il risarcimento dato per il Sud venisse investito al Nord, per finanziare la ripresa industriale. Peppino di Vittorio protestò e la risposta fu: «Se vogliono mangiare, vengano al Nord».


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (8 voti)

Commenti

La ricostruzione della vicenda di Mazzini fatta da Aprile è lacunosa: Aprile non dice che Mazzini fu condannato in contumacia per i fatti di Genova del 1857 e non dice che fu eletto per ben tre volte a Messina...

Alla fine lo stesso Mazzini in una lettera aperta ai suoi elettori, respinge le accuse di cospirazione e dice che rinuncia all'elezione per non giurare fedeltà alla monarchia..

"Io giurai – trentaquattro anni addietro – fede all’Italia ma repubblicana. Tacqui della mia fede quando il paese intiero dissentiva e decretava un esperimento su via diversa: non la rinnegai. Secondai, come mi pare debito, e quanto a me individuo era dato, ciò che potea giovare a risolvere la prima metà del problema; ma senza mai convertire, come altri fece, in principio assoluto ciò che non poteva essere per noi tutti se non base, per un tempo, all’esperimento. Spinsi l’abnegazione sino ad additare alla monarchia per quali gloriose e non difficili vie essa avrebbe potuto compirlo; ma non rivocai quel primo mio giuramento, non contrassi vincolo alcuno con chi poteva deludere; non cancellai la libertà dell’intelletto e dell’anima dietro a una ipotesi.
Ed oggi che, per me almeno, quello esperimento è senza frutto compito – oggi che la monarchia, statuita, con aperta violazione dei plebisciti, Firenze metropoli, accetta, da un lato, una convenzione che sancisce l’esistenza in Italia di due sovranità temporali, e sbanda dall’altro un esercito che, con rovina della finanza, era stato ordinato per emancipare Venezia – io non potrei – né voi lo vorreste – falsare l’antico unico mio giuramento, giurando alla monarchia e a uno Statuto anteriore alla vita nazionale d’Italia, e che non è, né può esserne la formula."

Quando fu rieletto per la terza volta, l'elezione fu convalidata ma Mazzini rifiuto di giurare fedeltà allo Statuto e alla Monarchia....
http://www.30giorni.it/articoli_id_13670_l1.htm

La ricostruzione di Pino Aprile non è lacunosa, lui lo dice che Mazzini fu eletto per ben tre volte e racconta anche in dettaglio tutto l'iter. Ciò naturalmente lo descrive nel libro oggetto dell'intervista e anche in altri testi che raccolgono il suo lavoro di ricerca.

Quella qui pubblicata è un'intervista... non ci poteva stare dentro tutta la storia d'Italia...

Sillogismo apriliano: "La Spagna moderna nasce grazie alle imprese del Cid Campeador, ma questi non è mai esistito. La Svizzera moderna origina dalla sfida di Guglielmo Tell che centra la mela con la balestra, ma è scientificamente provata l'esistenza solo della balestra e della mela, lui non è mai esistito....

Ergo, Garibaldi non è mai esistito....

Babbo Natale esiste?

Aprile farebbe bene a dire una buona volta cosa sarebbe questa "storiografia ufficiale", termine molto vago e generico che serve solo a fare un po' di vittimismo storiografico.
Su Pontelandolfo e Casalduni si era scritto da decenni! Consiglio ad Aprile di consultare la pubblicazione fatta in occasione di un'importante mostra sul Brigantaggio a Napoli nel 1984 sotto la Presidenza del prof. Alfonso Scirocco, il quale nella sua Introduzione parlava proprio di Pontelandolfo e Casalduni. Se Aprile non ne aveva mai sentito parlare prima, il problema è la sua ignoranza e nient'altro.
El Cid non è esistito, Guglielmo Tell non è esistito e Garibaldi è un personaggio delle favole! Ma davvero bisogna dar retta a questo cialtrone?!

"I Borbone erano una dinastia napoletana da 127 anni, parlavano napoletano."

Venuti dopo la guerra di successione polacca dal ducato di Parma e Piacenza

El Cid è https://it.wikipedia.org/wiki/El_Cid è esistito . Aprile non sa questo ? Allora è davvero l'ignorante che dimostra di essere con le sue pubblicazioni!
Poi santo Dio anche sul piano Kalergi, nota bufala ci cade AH AH AH AH AH AH

"ma è scientificamente provata l'esistenza solo della balestra e della mela, lui non è mai esistito...."

Quanti secoli ha la mela di Guglielmo Tell?

Una riflessione sulla napoletanità dei Borbone

Il buon Aprile non si è mai chiesto come Carlo di Borbone ha ottenuto il regno nel 1736?

Non è a conoscenza del fatto che nel XVIII secolo esisteva la concezione patrimoniale dello stato?

Non sa forse che Carlo di Borbone era già Duca di Parma e di Piacenza?

(non sappiamo se Carlo di Borbone fosse solito parlare nei dialetti di Parma e di Piacenza quando amministrava i suoi possessi feudali.. Sappiamo che era spagnolo, essendo nato a Madrid, e che poi diventò Re di Spagna dopo essere stato Re di Napoli, lasciando tutto nelle mani di Bernardo Tanucci che era il ministro più preparato del regno perché aveva notevoli capacità amministrative)

Ebbene, cosa c'entra la napoletanità della dinastia con il dialetto? Non è certamente questa la condizione necessaria e sufficiente per dare patenti di napoletanità, calabresità, sicilianità etc... (scusate i neologismi)

Si presume che Aprile non conosce ciò che era prassi politica nel XVIII: la concezione patrimoniale e tardo feudale dello stato per cui si diventava sovrani perché le grandi dinastie europee erano tutte imparentate tra loro.

Appare scontato che Aprile non si pone il problema che una dinastia insediata a Napoli grazie ad una guerra dinastica come quella polacca, non può durare in una Europa post napoleonica (Codice Civile etc.) nella quale emerge il concetto di Stato-Nazione.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.