Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Quante volte nella storia la religione è stata pretesto di censura e morte?

CensuraLa storia, lo sappiamo, è piena di episodi nei quali la religione è stata pretesto per censure e morte. Si pensa spesso ad un passato lontano, si torna con la mente all'antichità o al Medioevo, ma ancora oggi esistono fanatici che, nascondendosi dietro alla parola di un improbabile dio, impongono (o tentano di imporre) la propria volontà agli altri con la violenza.

Già, sembra incredibile, ma ancora nel 2015 sussistono tentativi di censura che ricordano quelli dell'Inquisizione raccontati in famosi volumi come Il formaggio e i vermi, il cosmo di un mugnaio del '500 (giustiziato nel 1600) e I benandanti, stregoneria e culti agrari tra Cinquecento e Seicento, entrambi di Carlo Ginzburg ed entrambi pubblicati da Einaudi. Insomma, i cristiani perseguitati dai romani “si riscattano” e dopo 1000 anni diventano persecutori. In modo analogo anche l'Islam vira, in poco meno di 1000 anni, da credo di larghissime vedute a religione che culla pustole di odio indicibile.

Basti pensare a chi furono Avicenna e Averroè, o all'importanza che l'Islam ha avuto per un'opera fondamentale per la cultura occidentale come la Divina commedia di Dante. A questo proposito si può vedere Il “Libro della scala” e la questione delle fonti arabo-spagnole della Divina Commedia, di Enrico Cerulli, ed. Biblioteca apostolica vaticana, 1949. Pensatori e opere che quasi stridono con un'attualità che ha visto alti esponenti dell'Islam distinguersi per l'aver “messo all'indice” I versi satanici di Salman Rushdie (di fatto condannato a morte con la fatwa di Khomeini nel 1989).

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Qualche anno fa anche l'ebraismo insorse contro un libro che poi venne pure ritirato dallo stesso editore e riproposto dopo attenta revisione (si tratta di Pasque di sangue. Ebrei d'Europa e omicidi rituali, di Ariel Toaff, pubblicato da Il Mulino per la prima volta nel 2007 e, rettificato, nel 2008, però in tal caso, occorre dirlo, non è morto nessuno).

Ma oggi, come detto, è l'Islam (anche a causa di azioni  ferocissime, di forte impatto mediatico, compiute da alcune frange integraliste) la religione verso cui tutti puntano il dito anche se, analizzando le vere cause di genocidi come quelli compiuti negli anni Novanta nei balcani, così come gli eccidi ancora in corso in Asia e in Africa, e le azioni che puntano a minare la tranquillità del mondo Occidentale, come quelle del 2001 e del 7 gennaio nella redazione di Charlie Hedbo, alla base sembrano esserci ragioni molto più complesse rispetto alle altre volte in cui, nella storia, la religione ha portato censura e morte.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)

Commenti

Premesso che gli atti di ferocia vanno sempre condannati e non c'è religione, credo politico o interesse economico che possa giustificarli, sarebbe tempo che una civiltà adulta cominciasse a pensare ad un mondo senza padrone, dove le virtù e le qualità abbiano diritto di cittadinanza senza aspettarsi premi a compenso o che venga pagata la cambiale del cielo di cui parla Omar Kayyam. In un universo senza padrone che ci premi, una società adulta potrebbe tentare di essere onesta e persino di essere felice.
Sono innegabili certi sevizi che la Chiesa ha reso alla società, e di ciò va ringraziata, ma l'umanità, dopo essere stata per secoli tenuta al guinzaglio delle religioni dovrebbe essere aiutata a camminare da sola. Il materiale umano è quello che è, obietteranno i pessimisti, cioè scadente. Ed è vero, ma l'obiettivo deve essere quello: puntare verso una forma di Libertà mai da nessuno predicata: liberarci dal guinzaglio delle religioni e accettarci, accettare i nostri limiti rifiutando, senza eroismi inutili o la viltà dei pusillanimi, che ci trucchino la morte.

Caro Carmelo,
una riflessione condivisibile, la tua, pur considerando che parliamo di concetti (il credo, religioso o politico che sia) che hanno una forte presa sulla coscienza, sia personale che collettiva.
L'unica via, a mio parere, è puntare (e investire, ovunque) sulla formazione, sulla buona scuola, l'unica in grado di scardinare credenze e preconcetti.
Troppo spesso si parla di esportare la democrazia, quando invece forse si otterrebbe di più esportando conoscenza. Ma finché esportare la democrazia (con le armi) sarà più conveniente che esportare conoscenza (per la quale possono bastare fogli e matite) difficilmente ci potremo liberare da forme di cattività come sono quelle dei fondamentalismi.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.