Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Quando una biblioteca può salvare la vita. La testimonianza di Maya Angelou

Quando una biblioteca può salvare la vita. La testimonianza di Maya AngelouMaya Angelou, poetessa, attrice e ballerina statunitense, autrice di Io so perché canta l'uccello in gabbia (edito da Beat nella traduzione di M. L. Cantarelli), insignita nel 2011 della Medaglia Presidenziale della Libertà, è una delle voci più apprezzate della poesia afro-americana degli ultimi anni.

Nell’autunno del 2010, quattro anni prima della sua morte, il Centro Schomburg per la Ricerca nella Cultura Nera, una divisione di ricerca della New York Public Library con sede a Harlem, acquistò i libri della poetessa, che quindi prese parte a un evento pubblico per celebrare l’acquisizione. È in quest’occasione che Angelou rivela come una biblioteca le abbia salvato la vita e come le biblioteche possano giocare questo ruolo nelle vite di tutte le persone anche nei periodi più bui. Per questo motivo decide di condividere la propria vicenda personale.

 

Quando sembrava che il sole non dovesse più splendere

Dio mise un arcobaleno tra le nuvole

 

Guardalo – guardalo. È una biblioteca – una biblioteca è un arcobaleno tra le nuvole.

 

Sappiamo che, dal XIX secolo, alcuni lirici e poeti afro-americani sono stati ispirati da una dichiarazione nel libro della Genesi. Nella Genesi ci viene raccontato che, proprio mentre pioveva ininterrottamente da molto tempo al punto che la gente pensava che non avrebbe più smesso, Dio pose un arcobaleno nel cielo nel tentativo di far sentire le persone a loro agio.

 

LEGGI ANCHE – Le biblioteche aziendali, la nuova sfida della Fondazione Pirelli per la cultura

Quando una biblioteca può salvare la vita. La testimonianza di Maya Angelou

Questo è nella Genesi. Ma nel XIX secolo, qualche lirico afro-americano, un poeta – forse una donna, non so – disse: «No. Dio non ha solo messo l’arcobaleno nel cielo». Noi sappiamo che gli arcobaleni, i soli, le lune, le stelle – tutto ciò che illumina – sono da sempre nel firmamento, ma le nuvole possono essere più o meno sfumate al punto che chi guarda potrebbe anche non vedere la luce. Così Dio ha messo l’arcobaleno tra le nuvole stesse – nel peggiore dei tempi, nel più meschino dei tempi, nel più triste dei tempi – così che chi osserva può vedere tutte le volte una possibilità di speranza.

Ecco cos’è una biblioteca.

 

[…]

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

Quando una biblioteca può salvare la vita. La testimonianza di Maya Angelou

È meraviglioso, per me, essere stata portata in una biblioteca quando avevo otto anni. Avevo subito abusi ed ero tornata in un piccolo villaggio dell’Arkansas. E una signora di colore… sapeva che io non parlavo – mi rifiutavo di parlare – per sei anni sono stata una muta volontaria. Mi portò nella biblioteca della scuola per persone di colore. La biblioteca forse aveva 300 libri. I libri erano stati donati alla scuola per persone di colore dalla scuola dei bianchi e, spesso, non c’erano i dorsi sui libri. Così prendemmo delle tegole, le tagliammo delle stesse dimensioni del libro, ci procurammo del cotone e un po’ di stoffa, e coprimmo le tegole e poi le legammo al posto dei dorsi, così i libri divennero bellissimi. E quelli erano i libri che lei mi portò a vedere. Disse: «Voglio che tu legga ogni libro di questa biblioteca».

 

LEGGI ANCHE – Le 10 biblioteche più strane del mondo

 

Mi sembravano migliaia di libri. Nella mia casa in North Carolina ora ho una biblioteca di circa 4000 libri. Ma all’epoca pensai «Posso farcela? Vivrò abbastanza a lungo?». Non dico che compresi quei libri, ma leggevo ogni libro, e ogni volta che andavo in biblioteca mi sentivo al sicuro. Non può succederti niente di male in una biblioteca.

 

In un’intervista ad Angela Montefinise della New York Public Library in occasione dell’acquisizione dei suoi scritti, Maya Angelou aggiunge:

 

Tutte le informazioni appartengono a tutti. Dovrebbero essere disponibili. Dovrebbero essere accessibili al bambino, alla donna, all’uomo, all’anziano, al semianalfabeta, ai rettori delle università, a chiunque. Dovrebbero essere aperte.

Quando una biblioteca può salvare la vita. La testimonianza di Maya Angelou

[…]

 

LEGGI ANCHE – La più antica biblioteca al mondo

 

Le informazioni ti aiutano a vedere che non sei solo. Che c’è qualcuno nel Mississippi e qualcuno a Tokyo che ha pianto, che ha desiderato ardentemente e ha perso, che è stato felice. Così la biblioteca ti aiuta a vedere non solo che non sei solo, ma che non sei veramente diverso da chiunque altro. Potrebbero essere dei dettagli che sono diversi, ma un essere umano è un essere umano.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.