Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Quando nacque l’uso del nome e del cognome?

CognomiCi siamo mai chiesti quando nacque l’uso del nome e cognome, così come li utilizziamo ogni giorno nei più svariati momenti della vita quotidiana?

Se la necessità di attribuire un nome personale a ciascun individuo di una famiglia, di un gruppo, o di una tribù, nasce già agli albori della storia dell’umanità, le origini dell’uso del cognome variano sia storicamente che geograficamente.

I Greci usavano aggiungere al nome il patronimico figlio di e lo stesso facevano le antiche popolazioni del Nord Europa, aggiungendo al nome del padre i suffissi -son o -sen, il cui uso è continuato per secoli, giungendo fino a noi: Gustafsson equivale a figlio di Gustaf.

Presso gli antichi Arabi troviamo invece la parola ibn a significare figlio di (Muhammad ibn Abd Allah), mentre in ebraico si usa bar (Shimon bar Yohai).

I Romani sono stati i primi ad usare un’onomastica complessa, almeno per quanto riguarda i nobili (plebei e schiavi avevano solo il nome proprio), costituita addirittura da tre elementi: Caius Iulius Caesar, dove Caius è il nome e Iulius indica la gens di appartenenza, mentre Caesar è un soprannome che serve a distinguere rami della stessa gens. Il soprannome nasce di solito da un attributo fisico, o dal luogo di nascita.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Con la caduta dell’Impero Romano, però, questo sistema decade, e per gran parte del Medioevo le persone usano solo il nome proprio, che dall’avvento del Cristianesimo è divenuto quello di battesimo. Solo intorno al 1100-1200, dopo il forte aumento della popolazione europea, diventa necessario distinguere gli individui, aggiungendo al nome una prima forma di cognome, dalle origini più disparate: luogo di nascita, mestiere esercitato, un soprannome.

Sono soprattutto i notai, scrivendo gli atti pubblici, e i parroci, tenuti a compilare i registri parrocchiali, ad attribuire i cognomi, ma per arrivare a un uso codificato e senza storpiature da una generazione all’altra di nome e cognomeoccorrerà attendere la creazione dell’Anagrafe statale nel XIX secolo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.